Billy Crystal psichiatra per Barry Levinson

Billy Crystal psichiatra per Barry Levinson

Billy Crystal interpreterà uno psichiatra infantile, addolorato per la perdita della moglie, nella serie limitata “Before” diretta da Barry Levinson.

Billy Crystal diretto da Levinson

Billy Crystal

Billy Crystal sarà il protagonista della serie limitata di Apple dal titolo “Before” diretta da Barry Levinson.

L’attore vestirà i panni di uno psichiatra infantile che deve fare i conti con un periodo buio della sua vita. Dopo aver perso la moglie, l’uomo incontra un ragazzo problematico che ha bisogno di aiuto. Sebbene i dettagli sulla serie siano ancora pochi, è ben chiaro che il ruolo con cui si dovrà confrontare l’interprete esce fuori dai canoni del suo solito stile comico. Sarah Thorp ha scritto la serie con lo sceneggiatore di “Dune” Eric Roth. Tutti e quattro Crystal, Thorp, Levinson e Roth saranno i produttori esecutivi della serie. La Paramount Television Studios sta producendo la serie per Apple.

Non è tuttavia una novità per l’attore vestire i panni di uno psichiatra. Crystal ha infatti interpretato un ruolo simile, sebbene in chiave comica, nel film “Un boss sotto stress” del 2002 (di cui Levinson fu produttore esecutivo), sequel di “Terapie e pallottole” (1999). In queste due pellicole Crystal era lo psichiatra di Paul Vitti, mafioso stressato interpretato da Robert De Niro, costretto a farsi analizzare per risolvere i suoi malumori.

Carriere al top

Billy Crystal nel corso degli anni ha realizzato una carriera di tutto rispetto con ben sei Emmy portati a casa. Ha iniziato a muovere i primi passi nella recitazione proprio in TV con la serie “Soap”. Negli anni ’80 e ’90, è apparso in una serie di film famosi, tra cui spicca “Harry ti presentò Sally”, una commedia romantica con Meg Ryan da vedere e rivedere come antidepressivo.

L’attore è stato per diverse edizioni presentatore degli Academy Awards e del Saturday Night Live.

Anche Barry Levinson non ha bisogno di grandi presentazioni: basti pensare a “Rain Man” del 1989 con cui ha vinto il premio come Miglior Regista, ma anche al precedente “Good Morning, Vietnam” (1987) con l’indimenticabile Robin Williams o “Sesso e potere” (1997). TTra i suoi progetti imminenti che dirigerà segnaliamo “One Giant Leap”, “Francis and the Godfather” e “The Jury Room”.

Roberta Rosella

16/06/2022

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.