Uma Thurman vittima delle molestie di Harvey Weinstein

Uma Thurman parla delle molestie subite da Weinstein 25 anni fa in un albergo di Londra, successivamente a Parigi. Tra le attrici che accusano il produttore cinematografico, ora figura anche l’attrice di “Kill Bill”, che parla anche di Quentin Tarantino

Uma Thurman: “Mi sentivo come un animale che si contorce per liberarsi, come una lucertola”

Uma Thurman mesi fa aveva giurato di rivelare tutto sul suo molestatore. In un articolo del New York Times la protagonista di “Kill Bill” racconta delle violenze subite da Harvey Wenstein e dal regista Quentin Tarantino, quest’ultime non di natura sessuale.

Dopo il successo di “Pulp Fiction” Weinstein chiese all’attrice di incontrarla nel suo albergo a Parigi per parlare di un nuovo copione e successivamente l’avrebbe condotta nel bagno turco dal quale, però uscì velocemente urlando.

Non molto dopo i due si rincontrarono al Savoy Hotel a Londra. “Mi spinse a terra, cercò di mettersi sopra di me e di svestirsi. Fece molte cose sgradevoli, ma non insistette più di tanto. Mi sentivo come un animale che si contorce per liberarsi, come una lucertola.”
Il giorno dopo il produttore ha inviato all’attrice dei fiori per chiederle e perdono ed in risposta ha ricevuto: “Se farai ciò che hai fatto a me, ad altre persone, perderai la tua carriera, la tua reputazione e la tua famiglia. Te lo prometto” .
Il fondatore della Miramax  si professa innocente e sostiene: “Ho mal interpretato i suoi atteggiamenti”.

Uma Thurman accusa Quentin Tarantino

Su Quentin Tarantino, Uma sostiene di essere stata costretta dal regista, durante le riprese di “Kill Bill: Volume 2”, a guidare la macchina Karmann Ghia a una velocità elevata. L’attrice, spaventata, chiese di farla guidare alla sua controfigura ma Tarantino insistette. Durante le riprese l’attrice finì fuori strada e si ferì alle ginocchia e al collo. Solo da poco tempo la Thurman è riuscita a farsi consegnare il video dalla Miramax che testimonia l’accaduto.

 

 

Matteo Farinaccia

04/02/2018

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *