Jennifer Aniston e Reese Witherspoon nel primo tv show Apple

Apple ha acquisito i diritti di una nuova serie interpretata e co-prodotta dalle attrici statunitensi Jennifer Aniston e Reese Witherspoon.

Apple: Jennifer Aniston e Reese Witherspoon protagoniste del primo show

Jennifer Aniston Reese Witherspoon

Parlando al The Hollywood Reporter, un portavoce della società, ha affermato che Apple ha dato il via libera per due stagioni per un totale di 20 episodi, una rarità nel mondo della produzione televisiva. Aprire al mercato della produzione e distribuzione seriale è solo l’ultima delle ambizioni del gigante della tecnologia americana.

Secondo i media statunitensi, diverse emittenti sono state impegnate in una guerra all’ultima offerta per il progetto ancora senza nome. Forse un dramma che offrirà una visione della vita dei presentatori della televisione americana.

Le star Jennifer Aniston e Reese Witherspoon, oltre ad essere protagoniste, sono anche ‘madri’ e produttrici esecutive del progetto, accanto alla società di produzione Media Res, che finanzierà il tv show, sempre secondo Hollywood Reporter.

Mentre Resse Witherspoon viene da un periodo d’oro e ha goduto di grande successo nell’ultimo anno con la serie della HBO “Big Little Lies”, Jennifer Aniston sarà alla sua prima parte da protagonista in una nuova serie tv dalla fine di “Friends”, serie che l’ha lanciata al successo globale.

Questo show è il secondo progetto di produzione televisiva annunciato da Apple nelle ultime settimane. Già a metà ottobre, la Apple aveva annunciato un accordo con la NBC Universal e la casa di produzione di Steven Spielberg per lavorare su dieci nuovi episodi di “Amazing Stories”, una trasmissione vincitrice di cinque Emmy, andata in onda sul canale americano NBC tra il 1985 e il 1987.  Secondo il Wall Street Journal, il bilancio della serie supererà i 5 milioni di dollari per ogni episodio.

Apple: un investimento ‘monstre’

Il nuovo percorso intrapreso da Apple prevede un investimento di 1 miliardo di dollari nella produzione di programmi originali, secondo le fonti dei media americani. Attualmente il gruppo offre solo contenuti di terzi, permettendone l’acquisto sulle piattaforme Apple Music e Apple Store.

Se la società dovesse riuscire a ritagliarsi un fetta di mercato nella produzione di contenuti inediti, si aprirebbero scenari inattesi, con Netflix e Hulu, leader nel settore, già sul piede di guerra.

Gianluca Panico

09/11/2017

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *