Woody Allen dice di essere “perfettamente innocente”

Woody Allen dice di essere “perfettamente innocente”

Nella prima intervista di Woody Allen alla televisione americana in quasi 30 anni, condotta a luglio e pubblicata domenica sullo streamer Paramount Plus, il regista nega ancora una volta di aver mai abusato sessualmente di sua figlia Dylan Farrow. Varietyha riportato il contenuto dell’ ntervista.

Woody Allen nega le accuse di molestie

Woody Allen

L’intervista, condotta dal corrispondente della CBS News Lee Cowan per “CBS Sunday Morning”, sfiora la superficie delle accuse vecchie di decenni contro Allen. L’intervista è avvenuta la scorsa estate, ma è stata rilasciata sulla scia della conclusione della docuserie HBO in quattro parti “Allen v. Farrow”, che ancora una volta ha messo sotto i riflettori le accuse di Farrow. Allen non ha preso parte alla serie.

Il programma di 35 minuti, confezionato con l’intervista di Gayle King del 2018 a Dylan Farrow, include anche un nuovo segmento della corrispondente di “Sunday Morning” Erin Moriarty su come l’arte dovrebbe essere valutata quando gli artisti vengono accusati di comportamento riprovevole. L’intervista centrale con Allen è principalmente un rimaneggiamento delle argomentazioni che il regista, che ora ha 85 anni, ha fatto in sua difesa da quando l’accusa è stata resa pubblica quando Dylan aveva 7 anni.

Nell’intervista, Allen, come sempre, nega le accuse specifiche fatte da Dylan Farrow, insistendo sul fatto che fossero incoraggiate sua madre Mia Farrow, che era arrabbiata per la rottura della sua relazione di 12 anni con Allen. Lui e Mia Farrow hanno avuto un’amara separazione pubblica nel 1992 dopo che Mia ha scoperto che Allen aveva una relazione con la figlia adottiva, Soon-Yi Previn, che è stata sposata con Allen dal 1997. “È così assurdo, eppure la macchia è rimasta e loro preferiscono ancora aggrapparsi se non all’idea che ho molestato Dylan, quindi alla possibilità che io l’abbia molestata”, dice Allen a Cowan. “Niente di quello che ho fatto con Dylan in vita mia potrebbe essere frainteso come tale.”

Prima venerato poi denigrato

Woody Allen

Cowan introduce l’intervista dicendo che Allen una volta era stato venerato, ma che “oggi Woody Allen è denigrato da molti”. Dopo aver detto quanto siano rare le interviste con Allen, Cowan aggiunge: “Alcuni mesi fa, Woody Allen ha pubblicato un libro e ci è stata offerta l’opportunità di parlare con lui nel patio della sua residenza di Manhattan. Ad essere onesti per via delle polemiche vorticose e della tempesta di opinioni, sia pro che contro, abbiamo valutato attentamente se fare questa intervista.

La difesa di Allen di fronte alla vastità delle accuse di Dylan Farrow e alle origini del suo rapporto con Soon-Yi risulta inconsistente. “Non c’era alcuna logica in apparenza”, dice Allen delle accuse di Dylan Farrow. Inoltre minimizza il suo rapporto con Mia Farrow: “Non ho mai vissuto con Mia, non ho mai dormito a casa di Mia in tutti gli anni in cui sono uscito con lei. Abbiamo avuto una relazione, ma non sarebbe mai stata una relazione coniugale “. “Allen v. Farrow” ha esplicitamente contraddetto queste affermazioni che Allen ha fatto per anni, mostrando nei filmati e attraverso le interviste con i figli di Mia Farrow quanto Allen fosse una figura paterna per tutti loro.

Quando Cowan lo incalza sulla sua relazione con Soon-Yi Previn e sulle sue origini, Allen dice: “Si è saputo prima che fossimo pronti a farlo conoscere”, riferendosi a quando Mia Farrow ha trovato foto esplicite di Previn nella casa di Allen. “Allen v. Farrow” presenta testimoni che affermano che la relazione sessuale con Previn è iniziata quando era ancora al liceo, invece che dopo aver iniziato il college, ma poiché questa intervista è avvenuta a luglio, Cowan non è stata in grado di premere su queste affermazioni.

“Allen v. Farrow”

Cowan gli chiede anche se fosse appropriato per lui iniziare una relazione con la figlia di Farrow: “No, non c’è mai stato un momento in cui non fosse la cosa più naturale del mondo”, dice Allen di Soon-Yi. “No, non mi ha fatto riflettere. Il rapporto con Soon-Yi è stato molto naturale. ” Offre anche come prova della sua innocenza il fatto che a lui e Soon-Yi è stato permesso di adottare due ragazze che ora sono adulte. “Non danno due bambine a qualcuno che pensano sia un pedofilo”, dice Allen.

Allen definisce Dylan Farrow “una brava ragazza” e insiste che è stata indotta a immaginare l’abuso. In “Allen v. Farrow”, numerosi membri della famiglia e amici di Farrow attestano di aver assistito a incontri inquietanti tra Allen e Dylan, che lei descrive durante la sua intervista con King. Allen era incessantemente attaccato a lei, e le chiedeva anche di andare a letto con lui quando era in mutande. “Era una brava ragazza”, dice Allen a Cowan. “Credo che lo pensi. Non credo che lo stia inventando. Non sta mentendo. Credo che lei lo creda. ”

Una carriera finita…

Cowan chiede ad Allen cosa pensa il regista degli attori che negli ultimi anni hanno espresso pubblicamente rammarico per aver lavorato con lui. “Penso che siano stupidi, dice Allen. “Hanno buone intenzioni, ma sono sciocchi. Tutto quello che stanno facendo è perseguitare una persona perfettamente innocente, e alimentano una menzogna “.

Il segmento sorvola sul fatto che la carriera di regista di Allen negli Stati Uniti è effettivamente finita. “A Rainy Day in New York”, che Amazon ha abbandonato nel 2018 sulla scia del movimento #MeToo, ha debuttato in Europa nel 2019 e ha avuto una piccola uscita negli Stati Uniti lo scorso anno. Allen ha persino completato il suo seguito, “Rifkin’s Festival”, che però ha difficoltà ad ottenere una significativa uscita nelle sale.

Allen afferma di non preoccuparsene, dice.”Mi interessa che un tizio seduto a casa, o una donna, dica: “Gli credo, ed è una persona meravigliosa, e ha subito un duro trattamento. Questo e 15 centesimi mi fanno salire sulla metropolitana “.

Maria Bruna Moliterni

29 03 2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *