Woody Allen: i dettagli sul suo prossimo progetto questo autunno a Parigi

Woody Allen: i dettagli sul suo prossimo progetto questo autunno a Parigi

Woody Allen ha offerto ulteriori dettagli su un film in uscita che intende girare a Parigi, che secondo lui potrebbe anche essere l’ultimo. Parlando con il quotidiano francese della domenica “Le Journal du Dimanche”, il regista ha spiegato che intende trasferirsi a Parigi a settembre per girare quello che sarà un thriller in lingua francese.

Woody Allen afferma che il ricorderà “Match Point”

Woody AllenWoody Allen ha fornito ulteriori dettagli sul suo prossimo film: si girerà a Parigi e potrebbe rappresentare il canto del cigno del regista newyorchese. Le nuove informazioni sul prossimo film Allen le ha fornite a “Le Journal du Dimanche”, al quale ha confessato che intende trasferirsi nella capitale francese per girare un thriller.

Allen ha detto che la storia sarà sulla scia del suo “Match Point” del 2005, definendolo “una sorta di thriller romantico velenoso” e che conterrà un cast tutto francese. Ha inoltre specificato che ha già schierato i suoi attori principali.

Il film, di cui ha anche discusso di recente, senza rivelare dettagli, in una conversazione con Alec Baldwin, è stato finanziato dagli Stati Uniti, ha detto Allen al JDD. “Questo sarà il mio cinquantesimo lungometraggio”, ha detto, aggiungendo: “Potrebbe essere l’ultimo”. Allen aveva già girato “Midnight In Paris” nel 2011 nella capitale, vincendo un Oscar per la migliore sceneggiatura originale per il romanzo fantasy.

Il film più recente dell’86enne è stato “Rifkin’s Festival”, che ha incassato solo 2,3 milioni di dollari, raggiungendo gli Stati Uniti in una versione limitata all’inizio di quest’anno, ma con scarso impatto sul mercato.

MPI Media Group ha gestito quel film, intervenendo per Amazon Studios, che ha ritirato il suo accordo di distribuzione da 80 milioni di dollari con Allen nel 2019. Il regista ha visto le sue opzioni di carriera restringersi negli ultimi anni in mezzo a un rinnovato controllo sulle accuse passate di abusi sessuali.

Alla domanda del JDD se avesse temuto di non poter continuare a fare film a causa di queste accuse, Allen ha risposto:

“Sono un autore e nessuno può impedirmi di scrivere, e quindi di lavorare. È la garanzia della mia libertà e della mia indipendenza».

Mina Franza

05/07/2022

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.