Viola Davis e gli “Avanzi”  di Hollywood

Viola Davis e gli “Avanzi” di Hollywood

Per quanto la vincitrice del premio Oscar Viola Davis sia nel settore, sente ancora i paragoni e i giudizi ingiusti per i ruoli che sceglie.

Viola Davis in “Ma Rainey’s Black Bottom”

Viola Davis
 

Davis parla della sua esperienza lavorando a “Ma Rainey’s Black Bottom” di Netflix, basato sull’opera di August Wilson e diretto da George C. Wolfe. Discute anche della sua frustrazione nei confronti di un’industria prevalentemente bianca, dai progetti che hanno ricevuto il via libera dagli studi fino ai critici e giornalisti che coprono i film che vengono girati.

“È così difficile girare film che non si adattano all’immagine con cui tutti ci vedono”, ha detto Davis al Variety’s Awards Circuit Podcast. “L’inclusività non può essere un hashtag. Devi scrivere ruoli per persone di colore che sono culturalmente specifici – che sono pensati proprio come i ruoli delle nostre controparti bianche, per arrivare ad un punto di eccellenza, in modo da poter essere considerati per i premi. Ma per molti l’inclusività, è solo un retropensiero. Siamo gli avanzi. ”

La Davis ha battuto un record quest’anno quando è stata nominata agli Academy Awards come migliore attrice in un ruolo da protagonista, diventando la donna nera più nominata nella storia degli Oscar (con quattro nomination in totale). È anche una delle due donne nere a vincere un Oscar e poi tornare per un’altra nomination – insieme alla sua ex co-protagonista Octavia Spencer (“The Help”). Ma questo non è qualcosa da celebrare ai suoi occhi. “L’unico motivo per cui sto battendo i record è perché a nessun altro è stato riconosciuto”, dice. “Quell”onore ‘è una sorta di onore limitato. Il problema è con l’attività cinematografica stessa, non con i premi. Non puoi nominare nessuno per i premi se non ci sono film in fase di realizzazione “.

Il mestiere dell’attore

Viola Davis

Davis ha vinto un Academy Award come attrice non protagonista per “Fences” (2016), un Tony Award come attrice nella commedia per lo stesso ruolo a Broadway e un Emmy nel 2015 per “How to Get Away with Murder” della ABC, rendendola la prima donna nera a vincere la categoria. È venerata e rispettata a Hollywood, ma è frustrata dalle false narrazioni e percezioni degli attori e del business. “La maggior parte delle persone non vogliono essere attori, vogliono  solo essere famosi”, dice. “Va di pari passo con l’altro motivo sbagliato per cui entri in un film, ovvero l’essere preso in considerazione per i premi. Ho recitato negli scantinati delle chiese dove venivo pagata 250 dollari a settimana e dovevo prendere un treno e un autobus, quattro ore solo all’andata. Quello è fare l’attore. ”

Gli ostacoli per POC a Hollywood sono stati ben documentati e l’attrice vede una tendenza verso il progresso. “Penso che la gente sia troppo interessata al fatto che il pubblico bianco ci capisca e abbia un modo per entrare nelle nostre storie. Il motivo per cui la nostra patologia, lo studio di ciò che ci fa scattare non è il centro della narrazione, ma il pubblic bianco non riesce a comprenderlo. ” Vede “micro-aggressioni con pregiudizi razziali” in ogni aspetto del settore e riceve critiche da pubblico e giornalisti.

Risposte random

“Dico sempre che faccio del mio meglio con quello che mi è stato dato. Se ottieni un ruolo che è esplorato solo a metà, di cui non capisci la psicologia, la patologia, l’oscurità e comunque lo porti oltre il traguardo, non sempre viene notato”, dice. “Questo perché i critici e il pubblico non ti capiscono, meno che non sia uscito da un libro. ”

Davis rivela la sua commedia e i suoi film horror preferiti  e anche la cotta d’infanzia per Sylvester Stallone (“Rocky”). Quando si tratta dello scrittore e regista Ramin Bahrani, è incredibilmente onorata ed entusiasta del suo riconoscimento dagli Academy Awards: “Senti una sorta di gratificazione quando tuoi colleghi e le persone che ammiri da molto tempo riconoscono il tuo lavoro.” Orgogliosa della sua discendenza iraniana, è anche al corrente dell’aumento dell’odio dell’AAPI negli ultimi anni, soprattutto perché ha attirato l’attenzione dei media di recente. Continua parlando di essere stata ispirata ad affrontare l’adattamento dell’amato romanzo di Aravind Adiga, oltre a lavorare con la produttrice esecutiva e star Priyanka Chopra Jonas, aggiungendo che “stiamo preparando un’altra collaborazione”.

Maria Bruna Moliterni

16 ⁄ 04 ⁄ 2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *