Viggo Mortensen debutta alla regia

Viggo Mortensen debutta alla regia

Viggo Mortensen parla del sul debutto alla regia con “Falling”, di come ha imparato da Cronenberg e del suo ritorno a “Il Signore degli Anelli”

Viggo Mortensen: “Falling”, Cronenberg e “LOTR”

Viggo Mortense

Dello scrittore / regista Viggo Mortensen, il dramma familiare “Falling” segue John (interpretato da Mortensen), che vive con il suo partner (Terry Chen) e la loro figlia (Gabby Velis), mentre la loro vita viene sconvolta dal padre di John, Willis (Lance Henriksen). Nelle prime fasi della demenza Willis, il cui carattere è burbero e scontroso, diventa ancora più aspro soprattutto quando le vecchie ferite di famiglia vengono riaperte. I personaggi cercheranno di trovare un terreno comune nel presente.

Durante questa intervista individuale con Collider, l’attore / regista Viggo Mortensen ha parlato del viaggio che ha intrapreso per debuttare alla regia, facendo buon uso del tempo, in attesa di entrare in produzione. Ha spiegato perché ha voluto Lance Henriksen per questo ruolo, come i suoi primi anni di vita lo abbiano influenzato come narratore, la scuola di cinema in cui è stato sui set, la sua esperienza con David Cronenberg, se fosse stato disposto a tornare nel mondo de “Il Signore degli Anelli”, e i suoi ricordi del set di “The Prophecy”

Viggo Mortensen e il suo debutto alla regia

Viggo Mortensen

COLLIDER: Sembra assurdo che questo sia il tuo debutto come sceneggiatore / regista. Perché ora? Era solo il momento giusto o ci è voluto molto tempo per arrivare a questo punto?

VIGGO MORTENSEN: Beh, non è stata una mia scelta aspettare così a lungo. Ho provato 25 anni fa, la prima volta. Era una sceneggiatura che avevo scritto, una storia originale e ho cercato di ottenere il finanziamento. Ho dei soldi, ma non abbastanza. Ci ho provato molte volte, negli anni, con storie diverse, ma semplicemente non sono mai riuscito a mettere insieme le risorse per realizzare il film che volevo. Anche quando ho iniziato a scrivere “Falling”, stavo cercando di finanziarne un altro e pensavo che avrebbe funzionato, ma non è stato così. Credo di essere un ottimista. Ho continuato a perseverare e a sbattere contro un muro ancora e ancora.

Una lunga attesa

Viggo Mortensen

Con “Falling”, ci sono voluti alcuni tentativi e circa quattro anni e mezzo, tra la fase di scrittura e quella di produzione. Sono stato fortunato perché quando ho finito di scriverlo, l’ho sottoposto a Lance Henriksen e lui ha approvato il progetto. Ho pensato che sarebbe stato perfetto, avrebbe fatto qualcosa di grande e ci avrebbe sorpreso, e forse avrebbe sorpreso se stesso. Non avevo idea che avrebbe dato la grande prestazione che credo dia in “Falling”, ma sapevo che sarebbe stato qualcosa di speciale. Fortunatamente è rimasto fedele ad esso, nel bene e nel male. Abbiamo solo continuato a lavorare alla sceneggiatura e a conoscerci.

Per quanto frustrante sia dover aspettare, penso che abbiamo sfruttato questo tempo, in termini di messa a punto della sceneggiatura, pensando a dove e come avremmo girato, quale sarebbe stata la troupe, chi sarebbero stati gli attori, lavorando sulla musica e su qualunque aspetto possibile. I bravi registi che ho visto lavorare, continuano sempre a pensare e ad apportare modifiche. Non si può mai preparare tutto subito.

Viggo Mortensen e i progetti passati

Viggo Mortensen

Dei tanti quei progetti che sono andati e venuti, nel corso degli anni, ce n’è qualcuno che vorresti ancora realizzare, o non c’è alcuna possibilità di fare alcuno di quei progetti passati?

VIGGO MORTENSEN: Tutto è possibile. Mi piacciono tutti, anche quello di 25 anni fa. Sarebbero tutti dei film interessanti. Alcuni di loro sarebbero molto più difficili da realizzare rispetto ad altri, logisticamente. Una delle storie, ad esempio, è un adattamento. In realtà è l’unico adattamento. Tutti gli altri sono originali. È una storia che non coinvolgerebbe attori noti. È in diverse lingue, nessuna delle quali è l’inglese, e coinvolgerebbe molti cavalli. Sarebbe una cosa molto difficile da fare, ma non impossibile. Forse non la prossima volta, ma la terza, potrei arrivare a farlo. Chi lo sa? Continuo a scrivere. Durante la pandemia, ho scritto due nuove sceneggiature e spero di realizzare una delle due il prossimo anno, nel 2022, se riesco a trovare i soldi.

Penso di aver dimostrato che posso effettivamente fare un film, ho rispettato il budget e ho ricevuto alcune buone recensioni, quindi non è impossibile. Capisco la reticenza. Se qualcuno ti conosce o hai un volto relativamente familiare come attore, non significa necessariamente che sai dirigere. Molti registi, che prima erano attori, hanno diretto film terribili. L’essere un attore non significa che sai come dirigere un film o che sai anche come dirigere gli attori. Dipende dal tipo di attore che sei, da quanto sei interessato a quello che fanno gli altri sul set e da quanto sei interessato a quello che fanno gli attori. Si spera che la prossima volta non ci vorrà così tanto tempo.

La scuola del Cinema

Viggo Mortensen

Hai lavorato con alcuni dei migliori registi del panorama cinematografico. A che punto della tua carriera di attore ti sei reso conto di essere anche nel bel mezzo di una scuola di cinema vivente? C’è stato un momento in cui ti sei trovato a prestare maggior attenzione ai diversi aspetti delle situazioni?

VIGGO MORTENSEN: Sono sempre stato curioso, al punto da essere ficcanaso e probabilmente irritante per alcune persone, anche come attore. Il mio interesse per l’aspetto collettivo della narrazione cinematografica probabilmente è iniziato prima ancora che pensassi di entrare nel business. Sono sempre stato interessato a tutti gli aspetti. Probabilmente l’ho preso da mia madre, che mi ha portato molto al cinema quando ero bambino. La prima volta che sono andato al cinema con mia è stato quando avevo tre anni. Quando avevo quattro anni, ricordo di aver visto “Lawrence d’Arabia”con lei. Parlava sempre della storia, di come venivano realizzate le cose e di tutto ciò che sapeva degli attori che vi avevano recitato.

Ho sempre pensato che ogni film di cui ho fatto parte, fosse come una scuola di cinema. Ne sono sempre stato consapevole. Sono stato un fotografo e scrivevo prima di iniziare a provare a fare l’attore. Ero interessato a come  portare una sceneggiatura sullo schermo, fotograficamente. Col passare del tempo, ero sempre più interessato a come alcune squadre guidate da certi direttori sembrano riuscirci. Potrebbero prendere anche una storia mediocre e farne un film davvero buono. E poi, ho anche visto storie davvero belle trasformate in film ordinari perché il regista non sapeva come comunicare in modo ideale, con la troupe e gli attori.

La scuola del set

Il Signore degli anelli scena

Sono solo stato ficcanaso nel chiedere Come si fa? Perché? Perché stai usando quell’obiettivo?  Nell’ osservare le ragioni dell’uso di determinati colori freddi o caldi. Ho sempre sentito che stavo imparando. Alcuni dei periodi più lungi di riprese, come “Il Signore degli Anelli”, è stata un’enorme scuola di cinema. Prima di allora, in Nuova Zelanda, non avevano mai fatto un film del genere. Le centinaia di persone della troupe, che erano per lo più neozelandesi, avevano poca o praticamente nessuna esperienza nella realizzazione di film di quella portata. Forse avevano fatto un po’ di TV, qualche film per studenti o film con un budget limitato, quindi stavano imparando mentre lavoravano. Peter Jackson, che è una mente brillante molto multitasking, ogni giorno risolveva tanti piccoli e grandi problemi, inventando nuovi modi per girare utilizzando le attrezzature a disposizione, aggirando gli ostacoli logistici, tecnici e creativi. È  stato fantastico vederlo. Quello è stato un semestre di scuola di cinema davvero lungo e importante.

Il lavoro con Cronenberg

Cronenberg - Leone d'Oro

Hai lavorato con David Cronenberg un paio di volte e lo hai persino scelto per questo film. Cosa hai imparato dall’aver lavorato con lui su “A History of Violence”, “Eastern Promises” e “ ”A Dangerous Method”? C’è qualcosa nel suo stile di regia che hai incorporato nel tuo?

VIGGO MORTENSEN: Non solo i film in cui ho lavorato e quelli che ho visto, ma anche le mie esperienze di vita, in un modo o nell’altro, sono entrate nel modo in cui mi sono avvicinato alla realizzazione di “Falling“, al montaggio, al mixaggio del suono, alla valutazione di ogni aspetto. David non è l’unico, ma è probabilmente il regista più intelligente e tecnicamente esperto.           Uno dei migliori registi che abbia mai visto, in termini di capacità di comunicare in modo efficiente con gli attori e con la sua troupe. Le due cose principali che ho preso da lui, sono l’idea che non puoi mai prepararti troppo o troppo presto per una ripresa, e che le buone idee possono venire da chiunque della tua squadra. Sarebbe stupido non mantenere la mente aperta per ascoltarli perché potrebbero suggerire qualcosa di utile, non importa quanto pianifichi le cose giorno per giorno.

È stata una buona cosa aver imparato. Non lo so, forse se 20 anni fa qualcuno avesse detto: “Va bene, ti daremo due milioni di dollari per fare questo film”, forse non avrei imparato tante cose “. Probabilmente ho evitato alcuni errori da principiante, la mia prima volta, avendo dovuto aspettare così a lungo.

L’esperienza de “Il Signore degli Anelli” e di “The Prophecy”

Viggo Mortensen

Hai menzionato l’esperienza che hai avuto su “Il Signore degli Anelli”. Com’è sapere che diventerà un programma televisivo? È una modalità con cui ti piacerebbe tornare in quel mondo, se ci fosse la possibilità?

VIGGO MORTENSEN: Sì, perché no? Quello di Tolkien è un universo. Ci sono così tante influenze. Il fondamento delle sue storie sono la mitologia, la storia celtiche e le lingue nordiche. È affascinante. Ci sono infinite cose che si possono adattare al grande o al piccolo schermo. So che è [J.A.] Bayona a girarlo ed è un ottimo regista. Non so quale punto di vista stiano assumendo su Tolkienì, ma non vedo l’ora di vederlo.

Cosa puoi dire dell’incredibile performance che hai dato come diavolo in “The Prophecy”? Cosa ti ha segnato di quell’esperienza?

VIGGO MORTENSEN: Probabilmente lavorare con Chris Walken. È qualcuno che conosco dall’inizio della mia carriera. Quando vivevo a New York, quando ho iniziato a recitare, ho conosciuto lui e sua moglie, e mi piaceva. È divertente,  intelligente ed  un grande attore. Lavorare con lui è stato molto divertente, soprattutto poter strappargli il cuore dal petto e mangiarlo davanti a lui. È stato un lavoro che ho ottenuto all’ultimo minuto. Ho ottenuto il lavoro e lo stesso giorno ero su un aereo, diretto in Arizona. E poi, il giorno successivo, stavo girando. Ho dovuto imparare un monologo e inventare alcune cose. Mi è piaciuto recitare quella parte. Ho pensato: “È il diavolo. Cosa puoi inventare del diavolo? ” E poi, ho pensato: “Bene, quando il diavolo non è malvagio? È vulnerabile? ” È stato un esercizio divertente, interpretare quella parte. Mi sono divertito.

Il lavoro con Lance Henriksen

Viggo Mortensen

Lavorare con Lance Henriksen deve essere un sogno, come attore e come regista. Com’è stato averlo come partner di scena, ed essere anche il suo regista?

MORTENSEN: È stato un amico fantastico. L’ho incontrato la prima volta, nel 2007, sul set di “Appaloosa”, un western diretto da Ed Harris. Sembrava affascinante. Era un bravo narratore e molto ben preparato, come attore. Aveva quella forte presenza e voce, ed era tutto ciò che gli avevo visto fare nei film, ed era anche un bravo ragazzo. Ho pensato: “Spero di poter lavorare con lui un giorno”. Non si sa mai in questo settore. Non avevo scritto ”Falling” allora, quindi non avevo idea che avrei diretto e recitato con lui. Ma quando ho finito di scrivere la sceneggiatura, ho pensato che Lance Henriksen sarebbe stato fantastico in questo ruolo perché tutto ciò che fa, non importa quanto folle sia il genere o non classificabile o quanto piccola sia la parte o quanto bizzarro possa essere tutto ciò che lo circonda, è sempre credibile. Non solo è abile, ma lavora sodo e si impegna pienamente.

Speravo solo che gli sarebbe piaciuto il progetto  e che fosse disponibile, e fortunatamente lo era.  Alla fine ho deciso di recitare anche io perché pensavo che sarebbe stato un po’ più facile raccogliere i soldi e avremmo potuto continuare la nostra relazione nel film, ed è stato meraviglioso. È stato fantastico avere quel posto in prima fila. Sono stato faccia a faccia con lui in molti momenti, guardandolo costruire quella performance, che penso sia indimenticabile. Penso che sia una prestazione che resisterà alla prova del tempo, indipendentemente dal fatto che ottenga il riconoscimento che penso che meriti in questo momento. Spero che ora riceva il riconoscimento dal pubblico e dalla critica perché penso che se lo meriti. È una performance straordinaria e memorabile. Ma qualunque cosa accada ora, al momento della sua uscita, quella performance si distinguerà nel corso degli anni.

Falling è ora nelle sale e disponibile su VOD.

Maria Bruna Moliterni

15/ 02/ 2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *