Torino Film Festival 2020: le novità della 38esima  edizione

Torino Film Festival 2020: le novità della 38esima edizione

Quest’anno il Torino Film Festival, che si svolgerà dal 20 al 28 novembre 2020, in luoghi vari a Torino e nella Regione Piemonte con la direzione artistica di Stefano Franca di Celle, si presenta in una veste completamente rinnovata.

Torino Film Festival 2020: una stella a dodici punte come simbolo di una kermesse completamente rinnovata

Torino Film Festival 2020

Si è tenuta oggi la conferenza stampa della 38esima edizione del Torino Film Festival organizzato dal Museo del Cinema di Torino e dal Politecnico di Torino.

Per questa edizione è stata creata una stella a dodici punte che campeggerà sulla guglia della Mole Antonelliana dal 23 novembre fino alla fine dell’evento. La stella della Mole di Torino sarà anche il premio dato ai vincitori come la Palma di Cannes, il Leone di Venezia o l’Orso di Berlino. Finora questo importante evento, che promuove da sempre il cinema internazionale di qualità, non aveva alcun premio fisico.

La stella in metallo è stata realizzata da Claudio Demaria e dai volontari del Museo Ferroviario Piemontese nell’Officina Ponte Mosca, ed è dedicata a Carlo Ausino, esponente storico del cinema torinese recentemente scomparso.

Un’edizione diffusa in coincidenza con “Torino 2020 città del Cinema”

Sono molte le novità di quest’anno, che vede per la prima volta al vertice Stefano Franca di Celle. In realtà, vista la difficile situazione sanitaria, oltre alle proiezioni in dodici luoghi molto diversi tra loro, ci sarà anche una sala virtuale on line.

Sarà possibile vedere in streaming anche le masterclass, le conferenze stampa e i vari incontri con gli autori delle opere in concorso; cosa peraltro già fatta a Venezia e probabilmente anche alla prossima Festa del Cinema di Roma.

“Siamo consapevoli che si tratta di un grande cambiamento – ha affermato Enzo Ghigo, presidente del Museo Nazionale del Cinema – Il cinema nasce per essere fruito in sala, è quello il suo posto, ma le nuove tecnologie ci permettono di arrivare ovunque, moltiplicando la forza comunicativa della settima arte”.

È con questo spirito che il Torino Film Festival sbarca online, senza rinunciare alle sue origini, quando si chiamava ancora Cinema Giovani, trattando molti temi, tra cui giustizia sociale e inclusione, visti attraverso l’occhio creativo di giovani cineasti.

“L’edizione di quest’anno avrà questa doppia anima”, racconta Stefano Francia di Celle, direttore del Torino Film Festival.

“All’apertura verso il web si affiancherà un forte e rinnovato legame con le realtà cinematografiche e culturali locali. Il mio obiettivo è di declinare i contenuti del festival anche in luoghi insoliti, coinvolgendo interlocutori e pubblici nuovi, alla (ri)scoperta di quello che Torino può dare. 12 punti, 12 luoghi che, disegnando la mappa del festival, evocano le 12 punte della Stella della Mole, il dodecaedro protagonista della nuova identità visiva della manifestazione”.

Qualche chicca in attesa dei film selezionati che arriveranno a breve

In attesa dei film in programma a Torino è stata resa nota l’anteprima italiana del film “The Truffle Hunters“, il docufilm diretto e prodotto da Michael Dweck e Gregory Kershaw, con la produzione esecutiva di Luca Guadagnino e la sua Frenesy Film Company. Al centro della storia c’è la ricerca del tartufo, prodotto pregiato piemontese raccontato attraverso la vita dei cercatori del tartufo d’Alba e del loro sodalizio con i cani. L’evento è realizzato in collaborazione con la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba e con l’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero. Il film verrà distribuito in Italia da Sony Pictures.

Sono, inoltre, previste sei masterclass. Ne saranno protagonisti Stefania Sandrelli e Andrea Occhipinti, Aleksandr Sokurov e Alena Shumakova, Giorgio Diritti e Paolo Pejrone, Mohsen Makhmalba e Vahid Rastgou, Waad Al Kateab e Taghi Amirani. Fedra Fathe, vice direttrice del TFF infine curerà una Masterclass dal titolo “Woman in Film” con ospiti ancora da definire.

Daniele Romeo

24/09/2020

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *