Sundance Film Festival 2021: Tutti i vincitori

Sundance Film Festival 2021: Tutti i vincitori

Sundance Film Festival: CODA porta a casa quattro premi

Sundance Film Festival

Il Sundance Film Festival 2021 si è concluso martedì sera con una cerimonia di premiazione virtuale, in onore di “CODA”, un dramma familiare incentrato su una studentessa delle scuole superiori che fa parte di una famiglia culturalmente sorda. Ha vinto il premio principale del Sundance Film Festival 2021, il Grand Prixil. Il film ha poi portato a casa anche il premio del pubblico, con la regista Sian Heder che ottenuto il riconoscimento per la miglior regia e un premio speciale della giuria per il miglior cast.

È il primo film nella storia del Sundance a vincere tutti e tre i migliori premi nella categoria U.S. Dramatic.

“Spero che questo apra le porte alle persone e che capiscono che il pubblico vuole vedere questo tipo di storie”, ha detto la regista Siân Heder accettando il premio del pubblico. “E spero che questo significhi che più storie con personaggi sordi e personaggi con disabilità vengono messe in primo piano perché chiaramente le persone vogliono conoscere queste storie.”

“CODA” ha battuto i record al Sundance quando gli Apple Studios lo hanno acquistato per 25 milioni di dollari durante una feroce guerra di offerte dopo il debutto del film nella serata di apertura del festival.

Gli altri grandi vincitori

Sundance Film Festival

Estate dell’Anima” (Summer Of Soul (…Or, When The Revolution Could Not Be Televised)) il documentario diretto dal frontman dei “The RootsAhmir “Questlove” Thompson, ha vinto sia il gran giurì che i premi del pubblico nella categoria U.S. Documentary Competition. Attingendo a filmati d’archivio che erano stati nascosti in uno scantinato per oltre 50 anni, Thompson ricrea l’Harlem Cultural Festival, un enorme evento musicale che celebra la musica afroamericana a cui parteciparono 300.000 persone nell’estate del 1969.

Tutti i film di apertura del Sundance hanno portato a casa i primi premi, infatti: “Flee”, un documentario in gran parte animato sulla vita di un rifugiato afghano gay, ha guadagnato il premio del gran giurì nella categoria World Cinema Documentary Competition; e “One for the Road“, un road movie su due amici che viaggiano attraverso la Thailandia, ha guadagnato un premio speciale della giuria per la sua visione creativa nella categoria World Cinema Dramatic Competition.

Più spazio alle donne

Il più grande vincitore del World Cinema Dramatic Competition, tuttavia, è stato “Hive”, che, come “CODA”, ha anche guadagnato il premio del gran giurì, il premio del pubblico e il premio alla regia. Della regista Blerta Basholli, il film segue una madre single che lotta per sopravvivere dopo che suo marito è scomparso durante la guerra in Kosovo.

“Questo significa davvero, davvero molto… a tutte le donne che avevano davvero bisogno che la loro voce fosse ascoltata, al Sundance e in tutto il mondo”, ha detto Basholli in lacrime accettando il gran premio della giuria “Questo è troppo, troppo per me da gestire.”

La categoria “NEXT” ha assegnato il premio del pubblico a “My Belle, My Beauty“, sull’inaspettata reunion di due donne in Francia che erano amanti poliamorose; e il “NEXT innovator award” alla fantasia animata “Cryptozoo“.

Sottolineando l’impegno del festival ad ampliare le opportunità di rappresentanza dietro la macchina da presa, tre dei quattro vincitori della regia quest’anno erano donne.

Sundance Film Festival: come si è svolto il festival durante la pandemia

Il comico Patton Oswalt ha ospitato l’evento “or as I’m known at Sundance, discount Giamatti“, e ha scherzato durante l’apertura dello spettacolo. Oswalt ha mantenuto la cerimonia in movimento sia con spettacoli vivaci, sia grazie a una serie di presentazioni remote pre-registrate.

Come per molti altri eventi dal vivo, la pandemia di COVID-19 ha costretto il Sundance Film Festival a modificare radicalmente il modo in cui ha condotto il festival 2021, che tradizionalmente si svolge per oltre 10 giorni a Park City, nello Utah. Invece, il festival completo quest’anno si è svolto per sei giorni e, insieme alle proiezioni a Park City, il festival ha optato per proiezioni virtuali, così come in drive-in, teatri e istituzioni culturali in tutto il paese, tra cui Alabama, Colorado, Hawaii, Ohio, New York, Texas e Porto Rico.

Sundance Film Festival: i vincitori nelle proprie case

La cerimonia virtuale ha permesso ai vincitori di tenere discorsi di accettazione insolitamente personali e toccanti. Heder ha accettato il premio per la regia da casa sua, filmata dal marito e con i loro due figli al suo fianco che lanciavano coriandoli. Questlove era incredulo per i suoi due premi mentre era in macchina per recarsi a lavoro al “The Tonight Show Starring Jimmy Fallon“. Theo Anthony ha accettato il premio speciale della giuria del concorso U.S. Documentary per la sperimentazione della saggistica per “All Light, Everywhere“, sui concetti di percezione e obiettività in un mondo di telecamere e sorveglianza costanti, mentre camminava con il suo cane in una New York innevata.

Nella stessa categoria, Natalia Almada è andata in un drive-in di San Francisco per accettare il premio per la regia per il suo “Users”, sul rapporto tra genitori e figli con la tecnologia. E i registi Rintu Thomas e Sushmit Ghosh hanno celebrato il premio del pubblico del World Cinema Documentary per “Writing With Fire”, sull’unico giornale indiano gestito da donne Dalit, mostrando la reazione delle loro famiglie alla notizia.

Giacomo Caporale

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *