Scarlett Johansson esorta l’industria a “fare un passo indietro” dall’HFPA

Scarlett Johansson esorta l’industria a “fare un passo indietro” dall’HFPA

Scarlett Johansson si è espressa contro la Hollywood Foreign Press Association. Ha esortato l’industria a “fare un passo indietro” dall’organizzazione fino a quando non metterà in atto riforme più sostanziali.

Scarlett Johansson si è allontanata dalla conferenza stampa

Scarlett Johansson

Amazon Studios ha anche rilasciato una dichiarazione, facendo eco alle recenti critiche di Netflix, Time’s Up e altri in merito all’ultimo piano di riforma dell’HFPA. Il piano, che è stato approvato giovedì, include misure per aumentare il numero di persone di colore nei suoi membri e restrizioni sui regali  dei membri nei comitati.

In una dichiarazione a Variety sabato, Johansson ha rivelato di essersi allontanata dalle conferenze stampa dell’HFPA a causa di “domande e osservazioni sessiste”. Ha affermato di ritenere che l’industria dovrebbe prendere le distanze dall’organizzazione a meno che non vengano attuate ulteriori riforme.

“Come attrice che promuove un film, ci si aspetta che partecipi alla stagione dei premi partecipando a conferenze stampa e spettacoli di premiazione. In passato, questo ha spesso significato affrontare domande e osservazioni sessiste da parte di alcuni membri dell’HFPA che rasentavano le molestie sessuali. È il motivo esatto per cui, per molti anni, ho rifiutato di partecipare alle loro conferenze “, ha detto Johansson. 

Anche Mark Ruffalo è intervenuto

Scarlett Johansson

Nel frattempo, Amazon Studios dichiara di essere in attesa di cambiamenti significativi prima di riprendere a lavorare con l’HFPA, che ogni anno mette in scena i Golden Globe. “Non lavoriamo con l’HFPA da quando questi problemi sono stati sollevati per la prima volta e, come il resto del settore, stiamo aspettando una risoluzione sincera e significativa prima di andare avanti”, ha detto in una nota un portavoce di Amazon Studios.

Anche il vincitore del Golden Globe Mark Ruffalo è intervenuto su Twitter, dicendo che “non può sentirsi orgoglioso o felice di essere un destinatario di questo premio” a meno che l’organizzazione “non si faccia avanti”.

La posizione di Netflix

Il co-CEO di Netflix, Ted Sarandos, ha inviato venerdì una lettera al comitato direttivo dell’HFPA. In essa si legge: “Non crediamo che queste nuove politiche proposte affronteranno le sfide sistemiche della diversità e dell’inclusione. Quindi interromperemo qualsiasi attività con la tua organizzazione fino a quando non verranno apportate modifiche più significative. Netflix e molti dei talenti e dei creatori con cui lavoriamo non possono ignorare il fallimento collettivo dell’HFPA nell’affrontare queste questioni cruciali con urgenza e rigore “.

L’HFPA entra in crisi per la prima volta a febbraio. Dopo che un’indagine del Los Angeles Times  rivela che non avevano un solo membro nero nelle loro file da oltre due decenni. Inoltre l’organizzazione aveva pagato ingenti somme ai membri per aver prestato servizio nei comitati. Ad aprile, intorno all’HFPA nascono nuove polemiche. Quando si scopre che un ex presidente, Phil Berk, in una e-mail ai membri definiva Black Lives Matter “un movimento di odio”. Berk è stato quindi rimosso dall’HFPA.

Maria Bruna Moliterni

10 ⁄ 05 ⁄ 2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *