Oscar per Chloé Zhao, Yuh-Jung Youn, Daniel Kaluuya e “Ma Rainey’s Black Bottom”

Oscar per Chloé Zhao, Yuh-Jung Youn, Daniel Kaluuya e “Ma Rainey’s Black Bottom”

L’inclusione in film, TV e Oscar ha fatto passi da gigante negli ultimi due anni. Soprattutto grazie al movimento #OscarsSoWhite lanciato da April Reign. In questo senso, come riportato da Deadline, la 93° cerimonia degli Oscar rimarrà nella storia.

Oscar: la diversità a Hollywood resta un lavoro in corso

Oscar

 Mia Neal, Jamika Wilson e Sergio Lopez-Rivera hanno vinto l’Oscar domenica per il miglior trucco e acconciatura per il loro lavoro in “Ma Rainey’s Black Bottom”. Sono diventate le prime donne nere a vincere l’onore. Quando Neal è salita sul palco alla Union Station per ritirare il premio, ha colto l’occasione per dare lustro a neri, asiatici, latini, indigeni, queer, trans e a tutti gli emarginati. Nel suo discorso ha detto: “Un giorno ha vinto non sarà insolito o rivoluzionario, sarà semplicemente normale “.

Mentre Hollywood e gli Oscar tentano di spostarsi in uno spazio di inclusività e rappresentazione autentica, si celebrano i “primati”, ma come le persone ai margini hanno detto e continueranno a dire: “Abbiamo ancora molta strada da fare”.

Oltre a vincere il miglior film, Chloé Zhao ha fatto la storia quando ha vinto il premio come miglior regista per Nomadland. È diventata la prima donna di colore a portare a casa l’onore e la seconda donna in assoluto a vincere il trofeo. È anche la prima donna asiatica a vincere il premio come miglior regista. La prima donna a vincere è stata Kathryn Bigelow per The Hurt Locker nel 2009. Nei suoi 93 anni di storia, solo altre quattro donne oltre a Zhao e Bigleow sono state nominate: Lina Wertmüller per “Seven Beauties” nel 1976, Jane Campion per “The Piano” in 1993, Sofia Coppola per “Lost in Translation” nel 2003 e Greta Gerwig per “Lady Bird” nel 2017.

L’inclusione anche tra gli attori

Oscar

 Anthony Hopkins ha vinto come miglior attore per il suo ruolo in The Father. Per la migliore attrice, Frances McDormand ha vinto per Nomadland in una categoria che includeva Viola Davis e Andra Day.

Il vincitore della stagione dei premi Daniel Kaluuya ha vinto per il suo ruolo di attore non protagonista in Judas and the Black Messiah e ha sottolineato nel suo discorso di accettazione “quanto lavoro” deve essere fatto quando si tratta di inclusione. Ha detto di aver condiviso il trofeo con il suo cast, inclusi LaKeith Stanfield e Dominique Fishback.

L’attrice di Minari Yuh-jung Youn, una delle migliori, ha vinto l’Oscar come migliore attrice non protagonista, entrando nella storia come la prima coreana a ricevere l’onore.  Per non parlare della sua capacità di affascinare il pubblico con il suo discorso – in questo caso, ha ammesso il suo amore eterno per Brad Pitt, che le ha consegnato il premio. A parte questo, è stata una vittoria meritata; se non avesse vinto, la gente si sarebbe ribellata.

H.E.R., metà filippino e metà nero, ha vinto la migliore canzone per “Fight For You” di Judas and the Black Messiah. Condividendo il premio con Dernst Emile II e Tiara Thomas, si unisce al collega filippino Robert Lopez, che ha vinto “Let It Go” di “Frozen” nel 2013 e “Remember Me” di “Coco” nel 2017, come vincitore dell’Oscar nella categoria. Ha anche fatto la storia come la prima persona a ottenere lo status di doppio EGOT.

Altri importanti vincitori che hanno contribuito a rafforzare l’inclusione per la serata sono stati Kemp Powers  e Jon Batiste per Soul. Travon Free e Martin Desmond Roe hanno vinto anche per il loro avvincente Two Distant Strangers, che ha ottenuto il miglior cortometraggio live action.

Il 2021 meglio del 2020 ma si può fare di più

C’è stato un certo movimento verso la diversità e l’inclusione. Le principali vittorie sono una goccia nel mare, ma vale la pena celebrare ogni goccia. L’anno scorso, “Parasite” di Bong Joon Ho è stato un faro di speranza quando è stato nominato per sei Oscar (nessuna nomination per la recitazione a proposito) e ha vinto quattro trofei tra cui Miglior film, Miglior lungometraggio internazionale, Miglior sceneggiatura originale e Miglior regista. Ha fatto la storia diventando il primo lungometraggio non inglese a vincere il miglior film ed è stato il primo film a vincere sia il miglior film che il miglior lungometraggio internazionale.

Quindi il 2021 è stato migliore del 2020 in termini di nomination e vittorie. Zero persone di colore hanno vinto gli Oscar della recitazione l’anno scorso, principalmente perché tra tutte e quattro le principali categorie di recitazione, Cynthia Erivo di Harriet è stata l’unica persona di colore nominata. La diversità, l’inclusione e la rappresentanza si sono manifestate stasera ed è stato fantastico celebrare vittorie storiche, ma come tutti hanno detto e continueranno a dire fino a quando non saranno apportati cambiamenti sistemici, “Hollywood ha molta strada da fare”.

Maria Bruna Moliterni

26 ⁄ 04 ⁄ 2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *