Oscar 2021: tutti i segreti dietro la produzione di Soderbergh, Sher e Collins

Oscar 2021: tutti i segreti dietro la produzione di Soderbergh, Sher e Collins

I produttori degli Oscar 2021 Steven Soderbergh, Stacey Sher e Jesse Collins avevano promesso una trasmissione televisiva unica quest’anno. E infatti lo spettacolo di domenica sera, è stato decisamente diverso da qualsiasi altro Academy Awards nella memoria recente.

Oscar 2021: dietro la decisione di cambiare l’ordine dello spettacolo, trasmettere meno clip e suonare “Da Butt”

Oscar 2021

Lo spettacolo è iniziato con la star Regina King, che ha aperto la cerimonia guidando le telecamere nell’atrio principale mozzafiato di Union Station, con una splendida area salotto a più livelli costruita appositamente per la trasmissione televisiva. Dopodiché, le reazioni sono diventate contrastanti man mano che la serata andava avanti e i social media brulicavano di domande sullo spettacolo: dove erano le clip? Questi discorsi di accettazione sono più lunghi del solito? Come fa Glenn Close a conoscere “Da Butt?” Perché gli Oscar non si sono conclusi con la premiazione del miglior film come si fa di solito?

Variety ha incontrato Rob Mills della ABC, vicepresidente esecutivo dell’intrattenimento alternativo presso la Walt Disney Television, dopo gli Oscar di domenica sera per avere delucidazioni su come si è svolta la cerimonia di quest’anno. “C’erano un sacco di rischi davvero grandi che alcuni potrebbero considerare non ripagati”, ha detto Mills. “Ma è stato semplicemente fantastico fare qualcosa di diverso e non sapere cosa sarebbe successo dopo”.

Un’ apertura seria

Oscar 2021

I produttori non volevano iniziare lo spettacolo con le gag, e quindi hanno reclutato Regina King per un’apertura più seria. All’inizio, i produttori pensavano che un monologo tradizionale e pieno di barzellette non sarebbe stato un modo appropriato per aprire gli Oscar 2021, dato questo momento storico. “Penso che ci sia stata una lotta su quanto lo spettacolo dovesse rispettare la tradizione”, ha detto Mills. “A causa del fatto che siamo ancora nel bel mezzo di una pandemia… Per chiunque sarebbe stato difficile dover fare un monologo di apertura, soprattutto durante gli Oscar più impegnativi della storia”.

Invece di un host, l’apertura di King aveva lo scopo di dimostrare che questo sarebbe stato un diverso tipo di Oscar. “Chi non ama Regina King?” Ha detto Mills. “E inoltre, è stato fantastico che lei volesse farlo. Aveva un film che è stato nominato [“One Night in Miami”], ma lei stessa non è stata nominata per la regia e penso che alcune persone lo considerassero un affronto. E il fatto che lei volesse ancora essere qui e venire a festeggiare, e fare tutto, è stata una grande spinta per dare il via allo spettacolo “.

Inquadrare gli “Oscar come un film”

Soderbergh, Sher e Collins avevano presentato gli Oscar di quest’anno come un film, riferendosi persino ai presentatori della serata come “membri del cast”. E l’apertura, con King che sfiora un Oscar e si pavoneggia sul palco, è stata prodotta in modo molto simile a una sequenza teatrale.

“Penso che Steven lo considerasse come se fosse il suo prossimo film da girare”, ha detto Mills. ” Se guardi la sua filmografia, che sia un lungometraggio o qualcosa per la TV, riconosci subito il suo stile. Non l’ha considerato come uno spettacolo di premiazione, ma come un progetto che stava producendo”.

Durante le prove, i produttori si sono chiesti se gli Oscar di quest’anno potessero finire troppo presto, motivo per cui i discorsi di ringraziamento potevano essere più lunghi. Il karaoke è stato inizialmente preso in considerazione fino a quando i produttori non hanno deciso di inserire un segmento di  quiz musicale alla fine dello spettacolo. Sì, Glenn Close sapeva che avrebbe ascoltato “Da Butt” di Lil Rel Howery. Ma i suoi passi di danza hanno colto tutti di sorpresa.

Andra Day si è guadagnato il primo momento censurato della notte degli Oscar.

Quando gli è stato detto che “Purple Rain” non era stato nominato per la migliore canzone nel 1985, Day proclamò: “Questa è una stronzata”. Gli spettatori non l’hanno sentito, tuttavia, poiché i censori della ABC sono riusciti a premere il pulsante.

Questlove ha avuto piena libertà nella scelta delle canzoni per la scaletta degli Oscar. Alcuni spettatori sono rimasti sbalorditi dalla gamma dei brani di Questlove e Mills ha confermato che gli è stata data carta bianca su cosa suonare e che le canzoni sono state tutte cancellate, inclusa “Purple Rain” di Prince.

Terminare gli Oscar 2021 con il miglior attore è stata una scommessa che non ha dato i suoi frutti, ma è arrivata come parte di un più ampio riordino delle categorie di quest’anno.

“Non era destinato a finire su qualcuno che non era presente”, ha detto Mills. “Era un rischio calcolato, che credo sia stato ripagato perché tutti ne parlavano. Allo stesso modo, nessuno vuole che ricapiti l’errore della busta sbagliata, come successo tre anni fa, anche se tutti ne parlavano Alcune persone erano sconvolte, alcune persone l’hanno adorato ma l’importante è che non ci sia stata apatia.”

Il montaggio di In Memoriam più veloce del solito.

“Il memoriam è sempre un osso duro da rompere”, ha detto Mills. “Quest’anno abbiamo scelto di concentrarci sull’onorare coloro che abbiamo perso piuttosto che su una prestazione. Una volta scelta una canzone, hanno sincronizzato il ritmo in base al tempo. ”

Bryan Cranston ha detto che gli Oscar torneranno alla loro solita base l’anno prossimo. Ma Mills ha detto che non è ancora confermato.

“Non è necessario che sia al Dolby”, ha detto. “Penso che la più grande speranza sia che le cose vadano ancora meglio l’anno prossimo. Ma non si può mai prevedere. ”

Maria Bruna Moliterni

27 ⁄ 04 ⁄ 2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *