Nato a Casal di Principe (2018)

Nato a Casal di Principe - Recensione: memoria di un lutto

Nato a Casal di Principe

Bruno Oliviero dirige "Nato a Casal di Principe", secondo lungometraggio non documentaristico dopo "La variabile Umana". Se nell'opera prima aveva scritto soggetto e sceneggiatura, qui viene inserito in un progetto più complesso. Infatti la sceneggiatura del film è stata realizzata da Maurizio Braucci e Massimiliano Virgilio, che hanno adattato il libro di Amedeo Letizia per il grande schermo. A sua volta il libro racconta la vera storia della scomparsa del fratello di Letizia, Paolo, avvenuto nel 1979 a Casal di Principe per mano della camorra.

Un film quindi che vive una triplice natura: la prima è quella dei fatti realmente accaduti in quegli anni, la seconda è la ricostruzione che Amedeo Letizia ha dato di quegli eventi vissuti in prima persona e che ha messo per iscritto per cercare di affrontare un lutto che lo ha attanagliato per anni. La terza e ultima è quella appunto dell’essenza cinematografica, che trova origine in un progetto il cui produttore esecutivo è proprio Letizia.

Insieme a tale natura in "Nato a Casal di Principe" si vanno ad instaurare altri due elementi fondamentali: il taglio documentarista, e la storia di camorra; non un racconto di criminalità fine a sé stesso, ma quello di un paese rimasto in silenzio per molti anni di fronte alle atrocità della criminalità organizzata.

Tutti questi elementi, insieme, determinano un maggiore comprensione dell’opera, delle sue dinamiche e della sua storia. Che altro non è che la realtà storica di un paese, che ha vissuto e continua a vivere l’oppressione delle mafie. I tempi cambiano e il piccolo cittadino non ha dimenticato i fatti passati e si dimostra restio, ora, al silenzio e alla negligenza. E allora "Nato a Casal di Principe” si fa anche film politico, ma soprattutto una rielaborazione del lutto da parte di Amedeo Letizia, della sua famiglia e dei cittadini di Casal di Principe.

Nato a Casal di Principe: il silenzio delle immagini

Il silenzio (in realtà summa di vari silenzi) è un personaggio a tutti gli effetti, al pari dei protagonisti provvisti di un corpo. Si può parlare in alcuni momenti di assordante silenzio, che permea la storia come una presenza e non come un' assenza (di suono).

È come se il tacere di tutte le voci di Casal di Principe si personificasse in un’unica essenza silenziosa che ricopre l’intero paese, come tacita regola, che se infranta produce il suo esatto opposto, che passa attraverso i colpi di pistola. Ma il silenzio non è il solo strumento incorporeo del film, infatti le immagini asettiche con cui Bruno Oliviero ha scelto di raccontare la storia restituiscono un senso di imprigionamento da parte dei protagonisti.

Amedeo Letizia (Alessio Lapice) dentro la sua automobile si sposta da un luogo all’altro del paese, in cerca di quelle risposte sul fratello Paolo. Man mano che procede nella sua ricerca si rende conto sempre più che non troverà risposta alle sue domande, intrappolano lui e i suoi familiari in una bolla che li stringe sempre più, fino a lasciarli senza respiro; ma questo è come ti vogliono far sentire quegli “sconosciuti” signori: solo e indifeso, ma anche fragile, inutile e senza via di fuga. Non c’è redenzione a Casal di Principe per i criminali come non c’è giustizia per le vittime.

La giustizia arriverà solo ventisette anni dopo quei tragici eventi, che la storia non può, e non vuole raccontare. Perché il libro, da cui il film è tratto, è il mezzo con cui Amedeo Letizia affronta il dolore di quegli anni e non la parziale soddisfazione dei giorni nostri. Il film si fa portavoce visuale di quella claustrofobica e straziante vicenda.

Aiutato da un’ottima recitazione da parte dell’intero cast - un plauso va soprattutto a Massimiliano Gallo e Donatella Finocchiaro che interpretano rispettivamente il padre e la religiosissima madre di Amedeo Letizia – e da un sapiente uso della macchina da presa, Bruno Olviero realizza un piccolo ma grande lavoro che ribalta tutti gli stilemi dell’attuale rappresentazione della criminalità, rappresentando la realtà sotto un’ottica stilistica molto delicata e rispettosa nei confronti dei fatti che racconta.

Riccardo Careddu

  • Regia: Bruno Oliviero
  • Cast:  Alessio Lapice, Donatella Finocchiaro, Massimiliano Gallo, Francesco Pellegrino, Paolo Marco Caterino, Antonio Pennarella, Liliana Fiorelli, Antonella Stefanucci, Riccardo Veno, Loredana Simioli, Lucia Sardo, Antonello Cossia, Luigi Credendino
  • Genere: Drammatico, colore
  • Durata: 96 minuti
  • Produzione: Italia, 2017
  • Distribuzione: Merlino Distribuzione
  • Data di uscita: 25 aprile 2018

Nato a Casal di Principe poster

Tratto dall'omonimo libro autobiografico, "Nato a Casal di Principe" racconta la storia  giovanile di Amedeo Letizia, ex attore noto per la sua partecipazione alla serie tv degli anni '90 "I ragazzi del muretto". Partito da Casal di Principe, sua città natale, Letizia arriva a Roma alla fine degli anni '80 con il sogno della recitazione, e qui inizia con entusiasmo a muovere i suoi primi passi nel mondo dello spettacolo. Nel 1989 la scomparsa del fratello Paolo lo riporta a casa, dove scopre che dietro al suo rapimento c'è una pericolosa organizzazione criminale che agisce indisturbata dalle autorità indifferenti. Per questo, deciso a chiarire la faccenda, Amedeo avvierà una sua personale (e violenta) indagine, arrivando a correre rischi non indifferenti.

Nato a Casal di Principe: cronache delle terre di camorra

"Nato a Casal di Principe" è un film di Bruno Oliviero tratto dall'omonimo best-seller pubblicato nel 2012: il libro, scritto dalla giornalista Paola Zanuttini insieme a Amedeo Letizia, attore italiano che raggiunse la notorietà in televisione nei primi anni '90 e poi lentamente scomparso dalle scene per dedicarsi alla produzione, si basa sulle memorie giovanili dello stesso Letizia. "Nato a Casal di Principe" racconta la crescita di Amedeo nelle difficili zone del napoletano, tristemente note per le guerre di camorra, divenute celebri ultimamente per serie tv come "Gomorra".

"Nato a Casal di Principe" è stato presentato con successo alla 74esima edizione del Festival del cinema di Venezia, dove ha scatenato gli applausi della platea. L'attore che interpreta Amedeo è il giovane Alessio Lapice (“Gomorra 2 - La Serie” e Romolo nel film di Matteo Rovere “Romolo e Remo”, con Alessandro Borghi), mentre Massimiliano Gallo e Donatella Finocchiaro interpretano i genitori di Amedeo e Paolo Letizia.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *