Spider-Man 2: il ritorno di Michael Keaton

Dopo la notizia sulla trattativa di Jake Gyllenhaal per interpretare Mysterio nel sequel di “Spider-Man: Homecoming”, vi segnaliamo ulteriori sviluppi del mondo dei Sinistri Sei, con la storia ci Michael Keaton che ha deciso di unirsi al cast riprendendo il suo ruolo di The Vulture.

Michael Keaton torna per il sequel di “Spider-Man: Homekomming”

Michael Keaton Spider-Man

Visto per l’ultima vota incarcerato, durante i titoli di coda di “Spider-Man: Homecoming”, Adrian Toomes, interpretato da Michael Keaton, viene affrontato da un altro potenziale membro del Sinistri Sei, Mac Gargan, conosciuto anche con il nome di The Scorpion, che gli propone di creare un’alleanza per sconfiggere il tanto amato eroe e il loro nemico, Spider-Man. Tommes però rifiuta la proposta e decide di non rivelare il vero nome del supereroe, ma questa chiacchierata potrebbe significare che stiamo assistendo alla creazione del gruppo di cattivi determinati a scofiggere Peter Parker.

Nel sequel di Spider-Man, nel quartiere amichevole di Tom Holland, vediamo il ritorno del trio composto da Zendaya (“The Greatest Showman“), Marisa Tomei (“Mio cugino Vincenzo“) e Jacob Batalon (“Avengers: Infinity War“).

Come ha confermato Kevin Feige, il film che non si chiamerà “Spider-Man: Homecoming 2” e il nuovo titolo di cui rimane ancora ignoto, porterà Peter Parker fuori da New York per un’avventura internazionale.

Anche questa volta la sceneggiatura verrà scritta da Chris McKenna ed Eric Sommers, mentre il ruolo del regista è stato affidato a Jon Watts.

Siamo entusiasti dell’idea che il lavoro sul sequel di Spider-Man sembri finalmente creare il gruppo dei Sinistri Sei, che in realtà era in pre-produzione alla Sony Pictures molto prima del progetto di “The Amazing Spider-Man 2“.

Inoltre vi ricordiamo che Michael Keaton è conosciuto per aver recitato nei film come “Birdman” (2014) di Alejandro González Iñárritu, “Il caso Spotlight” (2015) di Tom McCarthy e in “Spider-Man: Homecoming” (2017), un film diretto da Jon Watts.

Marina Kozak

22/05/2018

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *