Martin Scorsese critica il cinema moderno

Martin Scorsese critica il cinema moderno

Secondo quanto riportato da Variety Martin Scorsese afferma che il cinema è sempre più “svalutato” nel “contenuto” in un saggio che critica l’industria cinematografica moderna.

Martin Scorsese: la svalutazione del cinema

Martin Scorsese

In un lungo elogio alla leggenda del cinema, Federico Fellini, nel numero di marzo di Harper’s Magazine, Martin Scorsese si è lamentato della svalutazione del cinema.

“Fino a quindici anni fa, il termine “contenuto” veniva utilizzato solo quando si discuteva di cinema in modo serio, e veniva messo a confronto e misurato con “forma”. Poi, gradualmente, è entrato nel lessico di coloro che hanno rilevato le società del medium, la maggior parte dei quali non sapeva nulla della storia della forma d’arte, né era abbastanza interessata da pensare che avrebbero dovuto.” Così scrive il grande regista.

Prima di addentrarsi nell’analisi della figura di Fellini e del suo rapporto con il regista, Scorsese pone una domanda per evidenziare un problema dell’era digitale: “Se i suggerimenti su cosa vedere sono pilotati da algoritmi basati su ciò che si è già visto, e i suggerimenti si basano solo sull’argomento o sul genere, allora dov’è l’arte del cinema? ”

Il saggio ricorda l’op-ed che ha pubblicato sul New York Times nel novembre 2019, in cui ha spiegato perché i film Marvel sono più simili ai parchi a tema che al cinema. Ha definito l’attuale industria come “inospitale per l’arte”, anche se ha appena completato un film per Netflix.

Un applauso scritto a Fellini

Martin Scorsese

Il suo applauso scritto a Fellini è oscurato dalla critica all’industria cinematografica che sta deviando dalla propria cultura.

“Qui c’era un artista che era riuscito a esprimere l’ansia dell’era nucleare, la sensazione che nulla avesse più importanza perché tutto e tutti potevano essere annientati in qualsiasi momento”, scrive Scorsese riferendosi a “La Dolce Vita” di Fellini. “Abbiamo sentito questo shock, ma anche l’euforia dell’amore di Fellini per l’arte del cinema e, di conseguenza, per la vita stessa”.

Nella sua critica, Scorsese chiede la riabilitazione dell’industria, anche se sa che il mondo del cinema “ora è il business dell’intrattenimento visivo di massa”.

“Tutto è cambiato: il cinema e l’importanza che riveste nella nostra cultura. Naturalmente, non sorprende che artisti come Godard, Bergman, Kubrick e Fellini, che una volta regnavano sulla nostra grande forma d’arte come dei, alla fine si siano ritirati nell’ombra con il passare del tempo “, scrive Scorsese. “Ma a questo punto, non possiamo dare nulla per scontato. Non possiamo dipendere dal mondo del cinema, così com’è, per prenderci cura del cinema … Chi di noi conosce il cinema e la sua storia deve condividere il proprio amore e la propria conoscenza con quante più persone possibile. E dobbiamo chiarire chiaramente agli attuali proprietari legali di questi film che sono molto, molto di più che semplici proprietà da sfruttare e poi gettare. Sono tra i più grandi tesori della nostra cultura e devono essere trattati di conseguenza “.

Maria Bruna Moliterni

17/ 02/ 2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.