Mandato di perquisizione per il telefono di Alec Baldwin

Mandato di perquisizione per il telefono di Alec Baldwin

Secondo quanto riportato da Variety, l’ufficio dello sceriffo di Santa Fe ha ottenuto, giovedì, un mandato per perquisire il cellulare di Alec Baldwin, mentre continuano le indagini sulla sparatoria mortale sul set del film western del New Mexico “Rust “.

Alec Baldwin
Alec Baldwin

Le indagini sulla sparatoria mortale sul set del film “Rust”

In una dichiarazione giurata allegata al mandato, il Det. Alexandria Hancock ha affermato che gli investigatori stanno cercando prove che possano aiutare a completare un’indagine completa. Hancock ha dichiarato di aver chiesto a Baldwin e al suo avvocato di consegnare volontariamente il telefono e le è stato detto di ottenere un mandato.

Gli investigatori stanno mettendo insieme gli eventi che hanno portato alla sparatoria del direttore della fotografia Halyna Hutchins il 21 ottobre. Nella dichiarazione giurata, Hancock ha affermato di aver condotto una breve ricerca sul telefono di Hutchins e di aver trovato conversazioni sulla produzione risalenti al 14 luglio.

I dettagli dell’intervista

L’affidavit include dettagli dell’intervista iniziale di Baldwin con i detective dello sceriffo, che non erano stati precedentemente resi pubblici. Nell’intervista, Baldwin ha dichiarato di aver scambiato e-mail con Hannah Gutierrez Reed, l’armiere della produzione, su quale tipo di pistola usare. Gli aveva mostrato varie opzioni e lui aveva selezionato la Colt .45 che avrebbe usato nel film.

“Ha detto che ha richiesto una pistola più grande, e lei gli ha anche mostrato diversi stili di coltelli per la produzione”.

Afferma la dichiarazione giurata.

 “Ad Alec è stata mostrata una Colt con un manico marrone e un manico in ciliegio, e alla fine ha scelto quella con il manico marrone”.

In un’intervista con George Stephanopoulos due settimane fa , Baldwin ha affermato che gli era stato detto che

“È altamente improbabile che io venga accusato di crimine”.

Le dichiarazioni del Procuratore

Il giorno seguente, il procuratore locale Mary Carmack-Altwies ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che nessuna accusa era stata esclusa contro nessuno.

A quanto pare, Gutierrez Reed e Dave Halls, il primo assistente alla regia, avevano volontariamente consegnato i loro telefoni. L’avvocato di Baldwin ha detto che era disposto a consegnare il telefono, ma aveva bisogno di “proteggere la sua privacy su questioni non correlate”.

Il mandato richiede tutte le informazioni e i dati dal telefono cellulare in relazione alla produzione di “Rust” e a qualsiasi membro presente nella produzione.

Tali informazioni possono includere messaggi di testo, foto, video, cronologia chiamate, contatti e dati GPS.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.