Lo Stato contro Fritz Bauer: la storia di una ricerca quasi impossibile

“Lo Stato contro Fritz Bauer” narra la storia del procuratore federale tedesco che, tra gli anni Cinquanta e Sessanta, si adoperò per ritrovare Adolf Eichamann, il più conosciuto e spietato gerarca nazista, misteriosamente scomparso dopo la caduta del regme.

“Lo Stato contro Fritz Bauer”: la storia del ricercato numero 1 al mondo e di chi non si è arreso alla memoria

lo stato contro fritz bauer

Nella Germania del 1957 c’è un uomo che possiede delle prove sul luogo dove si nasconde Adolf Eichmann, divenuto tristemente noto per la sua appartenenza alla SS, responsabile della deportazione in massa di milioni di ebrei e non solo. Si dice che Eichmann si nasconda in Argentina a Buenos Aires, ad avere le prove è il procuratore generale Fritz Bauer.

Baur è egli stesso ebreo e il suo obiettivo è quello di portare a giudizio i criminali del Terzo Reich, ciò che ostacola i tentativi del procuratore è lo Stato tedesco, determinato a cancellare la pagina più buia del suo passato. Diffidando del sistema giudiziario tedesco, Fritz Bauer si appella al Mossad. La scelta di coinvolgere i servizi segreti israeliani è considerata Alto tradimento, ma ciò che spinge Bauer ad andare avanti nella sua ricerca è la preoccupazione per il futuro della Germania.

“Lo Stato contro Fritz Bauer” è un film vincitore del Premio del pubblico allo scorso Festival di Locarno, diretto da Lars Kraume ed interpretato da Burghart Klaussner, la pellicola sarà nelle sale italiane a partire dal 28 Aprile.

Angelica Tranelli

21/04/2016

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *