La vera storia dietro a “The Conjuring 3: Per ordine del diavolo”

La vera storia dietro a “The Conjuring 3: Per ordine del diavolo”

“The Conjuring 3: Per ordine del diavolo” perseguiterà i cinema e HBO Max a partire da venerdì 4 giugno. Dopo essere passato agli spin-off (“Annabelle”, “The Nun”, ecc.), il franchise è tornato a concentrarsi sui demonologi Ed e Lorraine Warren (rispettivamente Patrick Wilson e Vera Farmiga) e un altro dei loro casi bizzarri.

Il nuovo film segue il famigerato processo per omicidio del 1981 del diciannovenne Arne Johnson, che sostenne di aver pugnalato a morte il suo padrone di casa mentre era sotto l’influenza di una forza demoniaca. Il caso è avvenuto in mezzo a un fascino della cultura pop di quasi 15 anni per l’occulto alimentato da film come “Rosemary’s Baby” e “L’esorcista” e ha coinciso con l’ascesa di molteplici teorie cospirative conosciute collettivamente come il panico satanico degli anni ’80.

La vera storia di David Glatzel e Arne Johnson

the conjuring 3

La storia inizia nell’estate del 1979 a Brookfield, nel Connecticut, una piccola cittadina di periferia. La famiglia della fidanzata di Johnson, Deborah Glatzel, si è trasferita temporaneamente in una vecchia casa ai margini della città con l’intenzione di restaurarla per i futuri inquilini.

La mossa ha avuto un effetto rapido e strano sul fratello di 11 anni di Deborah, David, che ha affermato di avere visioni di un vecchio sparuto e bruciato dal sole che lo avvertiva di “fare attenzione”.

Secondo David, l’aspetto dell’uomo divenne meno umano man mano che i suoi avvertimenti diventavano più minacciosi. Un giorno sua madre, Judy, trovò David sdraiato a faccia in giù sul suo letto, dove affermò di essere stato spintonato dall'”Uomo Bestia“.

Johnson ha cercato di aiutare David e la famiglia quando poteva, ma presto è diventato chiaro che non si trattava semplicemente dell’immaginazione attiva di un bambino.

Il corpo di David presto si ricoprì di graffi e lividi che nessuno poteva spiegare. A volte sembrava lottare contro mani invisibili che gli stringevano il collo, altre volte veniva scosso violentemente come se fosse una bambola di pezza.

La famiglia cattolica si convinse che David fosse posseduto dal diavolo, portandoli a cercare l’aiuto di Ed e Lorraine Warren. La coppia aveva recentemente attirato l’attenzione nazionale per la loro indagine sull’infestazione di Amityville, che ha anche ispirato film a sé stanti.

Dopo aver incontrato il ragazzo per la prima volta, Lorraine ha affermato di avvertire subito una presenza oscura.

L’analisi di Ed ha determinato che non c’era solo un demone dentro David ma 43, che il demonologo ha detto che il ragazzo era in grado di nominare.

I Warren hanno affermato di aver eseguito tre esorcismi sul ragazzo sotto la supervisione di preti locali. Freddamente, si dice anche che David abbia predetto un omicidio durante le intense sessioni.

Fu a questo punto che Johnson, che si era trasferito di recente con la famiglia per aiutare a prendersi cura di David, divenne disperato. Secondo Deborah, il suo ragazzo pregò i demoni di lasciare David ed entrare in lui invece durante uno degli esorcismi.

Dopo l’appello di Johnson, gli episodi di David sono diventati meno frequenti. Ma, secondo Ed, nel “schernire” il diavolo, Johnson aveva salvato David ma aveva segnato il suo destino.

L’omicidio e il processo e il destino dei coniugi di “The Conjuring”

the conjuring 3 scena

Il bizzarro comportamento di Johnson iniziò giorni dopo. Un giorno, ha affermato che il demone ha preso il controllo della sua auto e lo ha fatto schiantare contro un albero sebbene fosse illeso. Johnson e Deborah alla fine hanno dovuto lasciare la casa della famiglia Glatzel e trasferirsi in un appartamento. Deborah ha iniziato a lavorare per il loro padrone di casa, Alan Bono, al canile locale. Johnson fece amicizia con Bono e spesso saltava il lavoro per passare del tempo con lui al canile.

Il 16 febbraio 1981, Johnson si diede malato al suo lavoro come chirurgo degli alberi in modo da poter incontrare Glatzel e Bono al canile. I tre uscirono a pranzo, dove Bono bevve pesantemente. Più tardi quella notte tornarono all’appartamento di Bono sopra il canile, dove gli uomini ebbero un’accesa discussione. Secondo quanto affermato al processo, Johnson ha poi tirato fuori un coltellino tascabile da 5 pollici e “ringhiò come un animale” prima di pugnalare ripetutamente Bono.

Morì in ospedale poche ore dopo. Trovarono Johnson a 3 miglia dal luogo dell’omicidio e preso in custodia.

Il giorno seguente, Lorraine ha informato la polizia locale che Johnson era posseduto quando commise il crimine, scatenando un blitz mediatico e parlando di nuovi contratti di libri e diritti cinematografici per i Warren, tra cui la saga di “The Conjuring“. L’avvocato di Johnson, Martin Minella, ha rapidamente adottato la valutazione di Lorraine come difesa ufficiale di Johnson.

Il processo iniziò il 28 ottobre 1981 e Minella presentò la sua dichiarazione secondo cui Johnson non era colpevole dell’omicidio per possesso demoniaco.

Il diavolo si dimostrò meno convincente per la giuria. Johnson venne dichiarato colpevole di omicidio di primo grado il 24 novembre 1981. La condanna fu di 10-20 anni di carcere ma ne ha scontati solo cinque.

Come per tutti i loro casi, i Warren li giudicarono non solo per i fatti della loro storia, ma anche per il loro interesse commerciale. Tuttavia, hanno sostenuto che sia Glatzel che Johnson erano veramente posseduti da entità demoniache fino alla fine. Ed è morto nel 2006 e poi Lorraine nel 2019.

Bisogna valutare se realmente Johnson agì “per ordine del diavolo”, ma questo forse si vedrà in “The Conjuring 3“.

Federica Contini

03/06/2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *