Kevin Feige sull’approccio spettacolare di Chloé Zhao a “Eternals”

Kevin Feige sull’approccio spettacolare di Chloé Zhao a “Eternals”

Kevin Feige, il presidente dei Marvel Studios e l’impresario dietro il Marvel Cinematic Universe, hanno cantato le lodi della regista di “Eternals” Chloé Zhao , due giorni prima della cerimonia degli Oscar.

Kevin Feige ha lasciato piena libertà creativa

Kevin Feige

Nel 2018, Feige ha annunciato che la Marvel stava sviluppando il film “Eternals”, basato sulla serie a fumetti di Jack Kirby del 1976 su una razza aliena immortale. Nello stesso anno, ha assunto Zhao, una fan dichiarata dell’MCU, dopo che lei stessa si era avvicinata alla compagnia. Inizialmente era considerata per “Black Widow”, secondo Feige, ma è stata tolta dalla lista.

“Eternals” fa parte della Fase Quattro dell’MCU, iniziata con “WandaVision” su Disney Plus; il primo film della Fase Quattro sarà “Black Widow” a luglio. “Eternals”, ritardato di un anno a causa di COVID-19, uscirà il 5 novembre, con un grande cast internazionale, tra cui Angelina Jolie, Salma Hayek, Richard Madden, Kit Harington, Brian Tyree Henry e Kumail Nanjiani e con i primi supereroi LGBTQ e sordi dell’MCU.

Sebbene la Marvel non abbia mai evitato registi con punti di vista forti, tra cui Taika Waititi e Ryan Coogler, Zhao è senza dubbio l’autore più singolare che lo studio abbia assunto fino ad oggi. Ha parlato molto bene del lavoro con l’azienda a Variety, definendo Feige “un grande capo” e dicendo che le hanno dato libertà creativa.

Kevin Feige conferma il personaggio “protagonista” del film

Kevin Feige

“È stata un’esperienza così incredibile lavorare con il team della Marvel”, ha detto Zhao. “Ci tengo a dare la mia visione, anche se voglio che le persone sappiano che hanno sostenuto quello che volevo fare. Voglio che la gente lo sappia. Ma voglio anche assicurarmi che sappiano che ho avuto il supporto di questo team di incredibile talento.

Feige ha rivelato che “Nomadland” non sarebbe uscito l’anno scorso se non fosse stato per il ritardo nelle riprese di “Eternals”. Ha anche discusso dello “stile distintivo” di Zhao, ha spiegato perché lavorare con Zhao è fondamentale per la longevità del MCU e ha confermato l’attore che interpreta quello che chiama il personaggio “protagonista” in “Eternals”.

Quando Chloé si è avvicinata alla Marvel

Lei è apparsa per la prima volta per “Black Widow”. Brad Winderbaum, che è il  produttore ha avuto un primo incontro con lei e poi lei sarebbe tornata e avrebbe fatto un incontro di presentazione – ma se n’è andata. Non aveva tempo, o non era ancora pronta, o forse era andata a girare o preparare “Nomadland” – non ricordo esattamente.

Questi sono i registi con cui vogliamo lavorare, indipendentemente dalle dimensioni del film che hanno fatto prima. Voci uniche, con cose uniche da dire. E nel suo caso, che non è sempre un prerequisito in alcun modo, era una grande fan, sia dell’MCU che del fan dei fumetti e del genere. Cosa che guardando i suoi film indovineresti assolutamente.

E poi, più tardi, Nate Moore ha iniziato a mettere insieme la sua lista per i registi di “Eternals”, e lei era stata nella lista per questo motivo: perché sapevamo che era nel nostro mondo. I due hanno iniziato a lavorare su qualcosa che poi mi hanno portato, ed è stato un tiro assolutamente spettacolare quello che Chloé ha messo insieme. Una presentazione in cui ha mostrato una storia di 7000 anni dell’umanità e del nostro posto nel cosmo molto audace e molto ambiziosa. ”

Uno stile visivo molto distinto

Chloè ha lottato per avera luoghi pratici, per elementi pratici – sì, in un film pieno di effetti visivi e personaggi con poteri straordinari, ma facendo il più possibile in luoghi remoti. E questo inizia a raccogliere benefici visivamente immediati. “Eternals” espande l’MCU in termini di rappresentazione, con il suo grande cast internazionale, il suo primo supereroe LGBTQ – So che alcune di queste cose sono incorporate in “Eternals”, ma quante di queste idee espansive sono venute da Chloé?

L’idea di cambiare genere, sessualità ed etnia dei personaggi dai fumetti è stata introdotta sin dall’inizio ed ha avuto poi un certo effetto sul casting.  Alcuni personaggi cambiano da maschi a femmine. Quindi per Sersi, ad esempio,  sono stati presi in considerazione diversi tipi di donne per quella parte. Si è finito per credere davvero che Gemma fosse la migliore. E per fortuna, ha dimostrato di esserlo nel film finale.

Quindi, ovviamente, Chloé è stata una parte importante di quella decisione e di ogni decisione sul casting. Alcune sono state fatte in anticipo, e sono continuate una volta che lei è stata a bordo come direttore.

Chloé cambia il modo di vedere la Marvel

Quando ottieni persone con punti di vista unici, indipendentemente dalle dimensioni del film che hanno fatto in passato,  li responsabilizzi e li circondi con i grandi artisti e tecnici che possono portare spettacolo, che possono relaizzare le immagini che un film Marvel richiede, possono portarti in posti in cui non sei mai stato prima. E penso si sia visto con tutti i registi con cui abbiamo lavorato, e in particolare i registi che hanno fatto cose più piccole e più personali prima di accettare di salire a bordo del MCU.

E Chloé ne è probabilmente il miglior esempio. Non solo per il lavoro che ha svolto, ma anche per tutta la sua storia, il suo retroscena. E il modo in cui guarda il mondo è davvero unico, ed è quello che vuoi dai tuoi narratori e registi mentre ci avviciniamo al nostro 30° film MCU e abbiamo appena concluso la nostra settima o ottava serie Disney Plus.

Sono nei miei oltre 20 anni alla Marvel. Vogliamo solo continuare a farlo in modo da poter continuare a evolverlo, cambiarlo e farlo crescere, e fare cose che non avevamo fatto prima. Ed è per questo che molti registi amano Chloé.

Maria Bruna Moliterni

29 ⁄ 04 ⁄ 2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *