Jared Leto riflette su “The Little Things”

Jared Leto riflette su “The Little Things”

Jared Leto ha raccontato a Variety la preparazione per il suo ruolo impegnativo e l’esperienza del lavorare con altri vincitori d’Oscar Denzel Washington e Rami Malek sotto la direzione di John Lee Hancock. La performance ha già ottenuto la nomination ai Golden Globe e SAG Award.

Jared Leto e l’esperienza con Denzel Whashington e Rami Malek

Jared Leto

La star di “The Little Things” Jared Leto ha apprezzato la trasformazione fisica richiesta dal suo personaggio Albert Sparma, un uomo inquietante che potrebbe essere o meno il serial killer responsabile del caos scatenato nel film.

“È una trasformazione dalla testa ai piedi”, ha detto Leto. “Avevo occhi di colore diverso, un naso diverso, guance diverse. Avevo altre protesi e denti diversi, un modo diverso di parlare, un modo diverso di camminare e muovere il mio corpo. Ho portato  me stesso verso un senso dell’umorismo che è davvero unico”.

“The Little Things” è un thriller poliziesco neo-noir che segue il vice sceriffo Joe “Deke” Deacon (Washington) mentre unisce le forze con il detective Jim Baxter (Malek) per cercare un serial killer che sta terrorizzando Los Angeles negli anni ’90 . Ma mentre rintracciano il colpevole, l’oscuro passato di Deacon viene svelato, minacciando di far fallire le indagini.

L’energia e il supporto sul set

Jared Leto

Mentre Leto ha detto che inizialmente era riluttante a partecipare al progetto date le sfumature oscure del suo ruolo, che era simile ai personaggi precedenti che ha interpretato, ha detto che l’opportunità di lavorare al fianco di Washington, Malek e Hancock era troppo allettante per lasciarsela sfuggire.

“Tutti e tre mi hanno dato il dono di una vita, ed è stato un gesto inespresso, ma lo si poteva sentire comunque”, ha detto Leto. “Mi hanno dato il dono della loro fiducia, hanno creduto che avrei potuto farcela. Quel supporto si sentiva tra noi tre nelle scene e ha creato un’atmosfera davvero meravigliosa in cui poter fallire e poter sperimentare”.

Per garantire che la dinamica tra Leto e Washington e il personaggio di Malek fosse al meglio, gli attori raramente trascorrevano del tempo insieme prima delle riprese.

“Penso che sia stata la scelta giusta, perché non abbiamo sprecato energie in chiacchiere”, ha detto Leto. “Abbiamo tenuto tutto da parte per le scene. Quindi, ci siamo conosciuti l’un l’altro attraverso i nostri personaggi. Abbiamo semplicemente accumulato questa energia in modo che quando le telecamere stavano girando era semplicemente esplosivo, e si poteva sentire … Ma c’era molto rispetto e sostegno, e l’energia è stata grande. ”

Maria Bruna Moliterni

09 ⁄ 03 ⁄ 2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *