Il Signore degli Anelli: la genesi e il successo a vent’anni dal primo film

Il Signore degli Anelli: la genesi e il successo a vent’anni dal primo film

Nel 1992 Peter Jackson confessò a Variety che stava cercando un progetto “che mi spingesse davvero”. In occasione del 20° anniversario dell’uscita del film “Il Signore degli anelli – La compagnia dell’anello” la nota rivista ha ripercorso la lunga fase di pre-produzione della trilogia.

Il Signore degli Anelli: perché la trilogia di Peter Jackson è stata uno dei progetti più rischiosi di Hollywood di sempre

Il Signore degli Anelli

Con “Il Signore degli Anelli” Peter Jackson ha superato le aspettative di tutti. Questo mese ricorre il 20° anniversario de “Il Signore degli Anelli – La Compagnia dell’Anello”, che ha dato il via alla trilogia cinematografica 2001-2003 basata sui libri di JRR Tolkien.

Nel 2000, Jackson disse a Variety che “LOTR” (“Lord of the Ring”) era “il Santo Graal del cinema, un’esperienza irripetibile”.

In retrospettiva, consegnare questo enorme progetto a questo fantasioso artista sembrerebbe un gioco da ragazzi: ottimo materiale per un grande cineasta. Ma in realtà c’erano così tante incognite che è stata immediatamente riconosciuta come una delle più grandi scommesse della storia del cinema.

“Ho letto ‘Il Signore degli Anelli’ per la prima volta a 17 anni”, ha detto Jackson a Variety . “Non ero uno di quei fan accaniti che lo leggono ogni anno. Fran ed io eravamo fan dei film “Sinbad”, “Jason and the Argonauts” e film del genere”, dice, riferendosi alle grandi avventure di Ray Harryhausen che si basavano sull’animazione in stop-motion per ottenere effetti fantastici.

“La nostra prima idea era quella di fare ‘Lo Hobbit’ come film singolo, poi se avesse funzionato, fare due film dedicati a “Il Signore degli Anelli”. Sono contento che abbiamo fatto in questo modo. Le opere di Tolkien sono in due stili diversi: “Lo Hobbit” è stato scritto come un libro per bambini e “Il Signore degli Anelli” ovviamente no”.

Jackson e la moglie Fran Walsh pensavano da anni a un adattamento cinematografico, ma sembrava un sogno remoto: varie compagnie di Hollywood ne detenevano i diritti dagli anni ’60, dopo che i tre volumi “LOTR” furono pubblicati tra il luglio 1954 e l’ottobre 1955.

Le diverse fasi del progetto

Il Signore degli Anelli

Ci sono stati tre passaggi cruciali per la trilogia: raccogliere fondi; la produzione massiccia (nelle mani di un regista che era noto soprattutto per film low budget); e terzo, commercializzarla al pubblico poco vicino all’opera di Tolkien.

Jackson e Walsh hanno lavorato a stretto contatto con Philippa Boyens, che ha collaborato con loro alle tre sceneggiature. (Stephen Sinclair è stato anche uno scrittore de “Le due torri”).

Loro e il team della WingNut Films di Jackson-Walsh sono stati supportati anche dal potente e intelligente avvocato di Hollywood Ken Kamins; i New Liners includevano anche Michael Lynne, co-presidente e CEO; Rolf Mittweg e Camela Galano; e Gordon Paddison con la sua compagnia di Stradella Road, che è stata la chiave della rivoluzionaria campagna online dei film.

Passaggio 1: finanziamento

I maggiori studi hanno in genere i propri accordi di distribuzione in tutto il mondo. Ma la più piccola New Line si occupava regolarmente di una compagnia di distributori in altri paesi….

(Continua a leggere)

Passaggio 2: produzione

Le riprese principali sono iniziate l’11 ottobre del 1999 e sono durate 274 giorni. Fare tre film contemporaneamente è stata una decisione pratica. Jackson e Walsh avevano esplorato alcune splendide località della Nuova Zelanda che erano remote; ciò significava che dovevano essere costruite strade speciali per accedervi, e le strade sarebbero poi state cancellate, per ripristinare le condizioni originali dei siti. Non aveva senso farlo tre volte.

(Continua a leggere)

Passaggio 3: marketing

Il Festival di Cannes, che attrae 10.000 membri della stampa all’anno, aveva l’obiettivo di dare il via al marketing globale de “Il Signore degli Anelli”. Il 10 maggio 2001, New Line ha proiettato 26 minuti di filmati per distributori e stampa, che erano estremamente entusiasti….

(Continua a leggere)

Michela De Paolis

15/12/2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.