I 10 Migliori Film Drammatici del 2018

Il 2018 volge al termine e abbiamo deciso di stilare una classifica dei 10 migliori film drammatici di quest’anno, alcuni molto diversi tra loro ma tutti accomunati da un enorme successo e da un cast eccezionale.

10. The Post

The Post scena

Al decimo posto della classifica troviamo “The Post“, con Meryl Streep e Tom Hanks. Ancora una volta Steven Spielberg riesce a colpire nel segno e far riflettere lo spettatore, con una storia che sembra quantomai attuale. Ciò che è rimasto nella memoria di chi ha avuto la possibilità di guardare questo film è, non solo l’incredibile forza della sua protagonista, Katherine Graham, ma soprattutto l’infinita lotta per far sì che venga rispettata la libertà di stampa.

8. Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

Martin McDonagh dà vita ad un film cupo, denso di humour nero e di suspence. Il tutto è poi arricchito dal cast splendido, composto da Frances McDormand, Woody Harrelson e Sam Rockwell… Nessuna sorpresa che “Tre manifesti a Ebbing, Missouri” si sia aggiudicata due statuette agli Oscar (Miglior attrice protagonista e Miglior attore non protagonista)!

8. Chiamami col tuo nome

Chiamami col tuo nome

Luca Guadagnino si è conquistato un’immensa fama internazionale grazie a “Chiamami col tuo nome“, interpretato dai bravissimi Timothée Chamalet e Armie Hammer. La storia d’amore tra Elio e Oliver ha appassionato tutti noi… e mentiremmo se dicessimo che non ci siamo commossi quando il regista ha annunciato il sequel!

7. A Star Is Born

A star is born box office usa

Bradley Cooper ha sorpreso tutti e mostrato il suo immenso talento, anche da regista, in questo remake del celebre film di William A. Wellman. Ad arricchire “A Star Is Born” è Lady Gaga, la cui prova da attrice è stata superata a pieni voti. Molti credono che sarà proprio lei ad aggiudicarsi la statuetta ai prossimi Oscar… vedremo!

6. Sulla mia pelle

Sulla mia pelle

Una produzione Netflix dai toni delicati e angosciosi, “Sulla mia pelle” (soprattutto per chi ha avuto il piacere di vederlo in sala) ha regalato moltissime emozioni e fatto riflettere su una delle vicende più ambigue degli ultimi anni. Ottima l’interpretazione di Alessandro Borghi che, in vesti quasi irriconoscibili, dona a Stefano Cucchi un ritratto umano, spogliato da qualsiasi moralismo e mitismo.

5. Dogman

Dogman di Matteo Garrone

Matteo Garrone continua a meritarsi il suo successo e stavolta porta in scena una storia di cronaca nera. In “Dogman” un inedito Marcello Fonte costruisce il suo personaggio con estrema delicatezza, profondità d’animo e spietatezza, donandoci una perfetta immagine di disperazione e cattiveria (da cui non tutti si son fatti impietosire). Non ci sorprende affatto che l’attore sia stato acclamato su scala internazionale.

4. Un sogno chiamato Florida

Un sogno chiamato Florida

Sean Baker ci mostra un’America molto diversa e lontana dal Sogno Americano. Il suo “Un sogno chiamato Florida” è piuttosto un ritratto neorealistico di una generazione che vive alla giornata e le cui scelte sono inevitabilmente portate anche sulle spalle dei bambini. Ottima l’interpretazione di Willem Dafoe (unico attore noto al pubblico), che dona alla vita dei protagonisti quel pizzico di responsabilità e maturità di cui hanno inevitabilmente bisogno.

3. Tonya

Tonya

I Tonya” si aggiudica un posto sul podio! La pellicola, interpretata da Margot Robbie e Allison Janney (vincitrice dell’Oscar per Miglior attrice non protagonista), è un ottimo spunto di riflessione sugli effetti di una determinazione che porta spesso alla spietatezza e al classico detto “il fine giustifica i mezzi”. Costruito in maniera magistrale, “Tonya” resta sicuramente uno dei miglior film drammatici di quest’anno.

2. Bohemian Rhapsody

bohemian rhapsody

Ancora presente in sala, “Bohemian Rhapsody” non dà cenni di cedimento e continua a dominare il Box Office, diventando un vero e proprio campione di incassi del 2018. Bryan Singer porta sul grande schermo la storia di una delle più grandi band di sempre, i Queen, e del loro frontman Freddie Mercury, considerato una vera e propria leggenda. Rami Malek ha ricevuto un’ottima critica per la sua interpretazione del cantante… che questo sia l’inizio della corsa agli Oscar?

1. La forma dell’acqua

La forma dell'acqua

Guillermo del Toro si aggiudica il primo posto sul podio con “La forma dell’acqua“. Vincitore di ben 4 premi Oscar (Miglior film, Miglior regia, Miglior scenografia e Miglior colonna sonora), la pellicola del regista messicano è sicuramente il grande successo di quest’anno. Con un profondo sfondo di allegorie, la storia narrata da del Toro ci insegna che non vi è amore che possa superare ogni confine e ogni diversità.

Claudia Pulella

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *