Harvey Weinstein: La corte d’appello mette in dubbio la condanna

Harvey Weinstein: La corte d’appello mette in dubbio la condanna

Harvey Weinstein sta scontando una condanna a 23 anni con l’accusa di stupro e aggressione sessuale, che lo rendono inammissibile alla libertà vigilata fino al giorno del suo 87esimo compleanno. Sta anche affrontando ulteriori accuse a Los Angeles che comportano una condanna massima di 140 anni. Ma il produttore caduto in disgrazia potrebbe essere liberato in pochi mesi se una corte d’appello di New York annullasse la sua condanna.

Gli avvocati di Weinstein sono ottimisti

Harvey Weinstein
Harvey Weinstein

Gli avvocati di Weinstein non fanno previsioni su come si pronuncerà la corte, ma si sentono ottimisti.

“Penso che non sarebbe potuto andare meglio”

ha detto Donna Rotunno , l’avvocato difensore principale al processo di Weinstein.

“Siamo molto felici e molto fiduciosi, sulla base dell’interrogatorio della corte d’appello. Che vedano questo caso per quello che è, che le prove, che non avrebbero mai dovuto essere presentate davanti a questa giuria, hanno influenzato  il processo e rendendo impossibile, per il signor Weinstein, ottenere un processo equo”.

ha detto il suo co-consulente, Damon Cheronis .

Le accuse dei testimoni

Il giudice James Burke, ha permesso ai pubblici ministeri di chiamare tre testimoni – Tarale Wulff, Dawn Dunning e Lauren Young – che hanno testimoniato di essere state aggredite sessualmente da Weinstein, durante quelli che pensavano fossero incontri di lavoro. Tali accuse non potevano essere incriminate, ma sono state utilizzate per sostenere le accuse per le quali Weinstein era sotto processo. Burke ha anche stabilito che se Weinstein prendesse posizione, i pubblici ministeri potrebbero controinterrogarlo su ben 28 altri atti, incluso un incidente in cui ha minacciato di tagliare i genitali al malcapitato, e quando, ha lasciato un dipendente sul ciglio della strada . Weinstein non ha testimoniato, quindi i testioni non sono stati ascoltati.

Nella discussione di mercoledì, i giudici si sono chiesti se quelle decisioni, chiamate rispettivamente sentenze, servissero a mettere in discussione il carattere di Weinstein, piuttosto che a far luce sul fatto che abbia commesso i reati accusati.

“Una persona non viene condannata perché è cattiva, ma per i crimini che ha commesso”

ha detto il giudice Judith Gische.

Julie Rendelman, un avvocato difensore ed ex procuratore di Brooklyn, ha affermato che l’ufficio del procuratore distrettuale potrebbe aver sbagliato chiedendo troppe prove, anche se Burke era disposto a consentirne la maggior parte.

La condanna

Weinstein è stato condannato per stupro di terzo grado di Jessica Mann e aggressione di primo grado di Miriam Haley. È stato assolto dalle accuse relative ad Annabella Sciorra, che ha affermato di averla violentata nel suo appartamento nei primi anni ’90. Se la corte d’appello ordinasse un nuovo processo, i pubblici ministeri potrebbero chiamare Haley e Mann a testimoniare di nuovo, ma non Sciorra.

Un nuovo procuratore distrettuale, Alvin Bragg, presterà giuramento il 1° gennaio. Se la condanna viene respinta, alla fine dovrà decidere se processare nuovamente Weinstein.

Weinstein è attualmente ospitato al Twin Towers Correctional Facility di Los Angeles, dove è in attesa del suo processo per altre 11 accuse di stupro e violenza sessuale. Il processo non dovrebbe iniziare prima della prossima estate. Se la condanna di New York viene annullata, gli avvocati di Weinstein probabilmente cercheranno di farlo rilasciare su cauzione.

Michela De Paolis

17/12/2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.