Golden Globe 2021: “The Crown”, “Nomadland” e “Shitt’s Creek” sbancano alla premiazione

Golden Globe 2021: “The Crown”, “Nomadland” e “Shitt’s Creek” sbancano alla premiazione

Schitt’s Creek” ha vinto il premio come Migliore Commedia Televisiva e “The Crown” ha conquistato il Miglior Dramma Televisivo al 78 ° Golden Globe 2021 di domenica. Questi trionfi hanno permesso momenti di gioia durante una trasmissione che si è svolta all’ombra di una pandemia globale e in mezzo ad una controversia legata alla Hollywood Foreign Press Association.

Golden Globe 2021: i vincitori

Golden Globe 2021

Nomadland”, ha ottenuto il premio per il Miglior Film drammatico, mentre ha fatto la storia per la regista Chloé Zhao. É la seconda donna a vincere un premio come miglior regista, dopo Barbra Streisand, premiata per aver diretto “Yentl” nel 1983.

Hanno dominato la premiazione le piattaforme di streaming, con Netflix che ha vinto ben 10 premi. Il film “Borat Seguito del filmcinema” di Amazon si è aggiudicato un premio per la migliore commedia o musical, mentre “La regina degli scacchi”, ha vinto come Miglior Miniserie.

Sia “The Crown” che “La regina degli scacchi” sono stati prodotti da Netflix. “Nomadland” ha la produzione di Searchlight, uno studio cinematografico indipendente, ed è attualmente in streaming su Hulu come concessione a una crisi di salute pubblica che ha bloccato molti cinema.

The Crown“, dramma storico di Netflix sulla famiglia reale inglese, ha vinto quattro premi e “La regina degli scacchi” ha vinto due premi.

Tra gli altri vincitori del servizio di streaming, Apple si è guadagnata il miglior attore in una commedia televisiva per Jason Sudekis in “Ted Lasso“, mentre Disney Plus ha ottenuto due premi per “Soul”, un film Pixar che originariamente doveva debuttare nelle sale.

The Crown” oltre ad aver ottenuto il premio come miglior serie drammatica ha riconosciuto le interpretazioni di Josh O’ Connor, Emma Corin e Gillian Anderson.

La star di “Schitt’s CreekCatherine O’Hara ha vinto come migliore attrice in una commedia televisiva per la sua interpretazione di una matriarca daffy alle prese con la perdita della sua fortuna.

Rosamund Pike è stata premiata come migliore attrice in un commedia/musical in “I Care a Lot”, mentre Jodie Foster è stata la vincitrice della categoria Migliore attrice non protagonista per “The Mauritanian“.

Lo scandalo della Hollywood Foreign Press Association

La Hollywood Foreign Press Association, che distribuisce i premi, è sotto accusa per non avere membri afroamericani tra 87 membri. L’organizzazione no-profit è anche sotto esame per aver pagato profumatamente i suoi membri per far parte dei comitati. La maggior parte dei vincitori si è limitata a ringraziare agenti e familiari, ma alcuni hanno utilizzato il loro tempo per criticare l’HFPA.

Nonostante lo scandalo, nel corso della premiazione hanno premiato diversi progetti con un forte messaggio sui diritti civili e numerosi artisti afroamericani. Chadwick Boseman è diventato solo il secondo miglior attore postumo in un film drammatico, vincitore per il suo lavoro in “Ma Rainey’s Black Bottom”.

Andra Day è stata premiata come migliore attrice in un dramma per aver interpretato Billie Holiday in “The United States vs. Billie Holiday”, una delle numerose interpreti riconosciute per aver interpretato personaggi storici.

Daniel Kaluuya ha vinto come Miglior Attore protagonista per la sua interpretazione del leader delle Pantere Nere, Fred Hampton in “Judas and The Black Messiah“.

Golden Globe online

The Crown

I Globes si sono svolti online con la maggior parte dei vincitori che ha accettato virtualmente i premi, nell’era del Coronavirus.

Il tappeto rosso potrebbe essere mancato, ma lo spettacolo ha offerto agli spettatori uno sguardo più informale sui vincitori, che hanno lasciato gli abiti eleganti nell’armadio.

Due icone hanno partecipato alla cerimonia di domenica sapendo che avrebbero ricevuto una statua. Il creatore di “All in the Family” e “Good TimesNorman Lear ha vinto il Carol Burnett Award per la carriera in televisione, mentre la star di “KluteJane Fonda ha ricevuto il Cecil B. DeMille Award come riconoscimento per il suo lavoro cinematografico.

In un apparente cenno alla crisi della diversità che scuote i Golden Globe, Fonda ha continuato sostenendo che Hollywood deve fare di più per fornire opportunità alle donne e alle persone di colore.

“Facciamo tutti uno sforzo per espandere quella tenda, in modo che tutti si alzino e la storia di tutti abbia la possibilità di essere vista e ascoltata”, ha detto.

Federica Contini

01/03/2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *