Bryan Singer sotto accusa, “Red Sonja” in pericolo?

Bryan Singer, regista di “Bohemian Rhapsody“, probabilmente non dirigerà l’action-fantasy “Red Sonja” prodotto dalla Millenium. Tutto ciò a causa di accuse di molestie sessuali.

Bryan Singer rischia di essere escluso da “Red Sonja” per molestie su un ragazzo minorenne

Bryan Singer news 12 Febbraio

Non vi è stata ancora nessuna conferma ufficiale dell’esclusione definitiva di Bryan Singer dal futuro film ad alto budget della casa di produzione Millenium, ma al momento non vi è alcuna lavorazione in corso della pellicola. A causa di questo problema, le riprese dell’adattamento cinematografico del fumetto, che dovevano svolgersi in Bulgaria, quest’anno subiranno un grande ritardo e inoltre il cast non è stato ancora composto. Lo studio ha anche rilasciato un comunicato con il seguente testo: “Il progetto non è in lista al momento e non sarà in vendita al EFM (Europe Film Market) di Berlino”.

Bryan Singer è stato accusato ripetutamente di molestie su un ragazzo minorenne (alcune anche di recente); ovviamente la casa di produzione, a causa di questi nuovi avvenimenti, ha sospeso il progetto. Il regista ha espressamente negato con forza tali accuse e uno dei principali produttori del film ha affermato: “Io penso che le vittime debbano essere ascoltate […] e che le persone debbano essere giudicate dalla corte.”

Bryan Singer distrutto come Kevin Spacey?

Le conseguenze di questo episodio sul regista del film plurinominato agli Oscar, “Bohemian Rhapsody”, non si fermano alla sola esclusione da “Red Sonja”, ma anche ad altri ambiti. La scorsa settimana, i BAFTA hanno rimosso la nomination del regista dalla categoria “Outstanding British Film”. La risposta dei premi americani GLAAD  è stata ancora più drastica, perché le nomination ottenute dal film sono state completamente rimosse. Sembra essere in corso una campagna denigratoria molto forte contro Bryan Singer, la quale ricorda ciò che è accaduto ad altre star di Hollywood come Kevin Spacey.

Francesco Fabrizi

12/02/2019

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *