Bruce Willis: la bellissima intervista rilasciata nel 2001 a Esquire

Bruce Willis: la bellissima intervista rilasciata nel 2001 a Esquire

Bruce Willis è malato e si è ritirato dalle scene. Insieme a molte perdite degli ultimi anni, sicuramente questa è una di quelle che più ci fa male, soprattutto per lo spessore umano di questa bellissima persona che abbiamo avuto il piacere di conoscere. Proprio per questo motivo, vogliamo riportare un’intervista che l’interprete ha rilasciato nel 2001 alla rivista Esquire che dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno, la grandezza d’animo di quest’uomo.

L’intervista di Esquire a Bruce Willis nel marzo del 2001

Bruce Willis intervista

Da bambino balbettavo. Non riuscivo a tirare fuori una frase. Quando sei un balbuziente, c’è sempre questa sensazione fastidiosa nella parte posteriore della testa, che gratta un nervo. Stai mettendo le persone a disagio perché vogliono aiutarti, quindi cercano di finire la tua frase e (questa cosa) ti fa balbettare ancora di più perché sei bloccato in questo ciclo. I miei genitori mi hanno aiutato trattandomi normalmente. Compassione e amore sono ottimi strumenti in quelle circostanze.

Quando ti trovi di fronte a un’avversità, hai due scelte: soccombere ad essa o camminare attraverso il fuoco. Ho pensato, sì, balbetto. Ma se posso farti ridere, forse posso distrarti. Come un trucco magico. Quindi ho sempre cercato di far arrabbiare i miei amici, facendo cose che erano divertenti per le persone a quell’età in quel momento, anche se di certo non erano molto divertenti per i miei insegnanti.

Recitare per non balbettare

Non volevo che la mia balbuzie mi trattenesse, così ho preso parte a una recita scolastica. Dev’essere stata la terza media. Sono salito sul palco ed è stato miracoloso: la balbuzie è svanita. Poi, quando sono sceso dal palco, è tornata subito. Qualsiasi ruolo mi abbia portato fuori da quello che ero veramente ha portato via la balbuzie. Mi ha fatto venire voglia di recitare sempre di più. Ho tenuto a bada la balbuzie per anni e alla fine l’ho battuta. Quando sono arrivato al college, sapevo di voler diventare un attore.

Gli incidenti della gioventù di Bruce Willis

Ho perso un paio di amici a causa di strani incidenti nei miei primi vent’anni. In quel periodo, mio ​​fratello è stato investito da un’auto mentre attraversava un’autostrada. Fu sbalzato a circa sessanta piedi in aria e trascorse sei mesi in ospedale. Poi a mia sorella è stata diagnosticata la malattia di Hodgkin. È in completa remissione, ma c’è stato un breve periodo di tempo in cui abbiamo pensato che sarebbe morta. Quindi ho quasi sempre avuto la consapevolezza di quanto sia fragile la vita. Dicono che il dolore è per i vivi; quando muori, la sofferenza è finita. Credo che. È una cosa difficile avvolgere la tua mente, sia che tu stia pensando alla tua morte o a quella di qualcun altro.

“Il periodo più pazzo della mia vita”

Ho trascorso i miei vent’anni a New York City, probabilmente il periodo più pazzo della mia vita. Mi fa ancora sorridere. L’unica responsabilità che avevo era di arrivare in tempo in teatro. Nessun problema. A venticinque anni, hai milioni di cellule cerebrali rimaste da uccidere.

Poi sono diventata una star della televisione, poi una star del cinema. Sono stato travolto dal culto della fama e ho capito la sfortuna della buona sorte. Cioè, la perdita del tuo anonimato. Programmi TV, film, interviste a riviste, interviste TV, pettegolezzi: tutti creano un ologramma di chi la gente pensa che io sia. È tutta un’illusione. Proprio come l’illusione della religione o del potere. Erano momenti in cui pensavo che fosse davvero incasinato e si scagliava contro di esso. Ora lo accetto e basta. Quindi mi scuserai se non parlo della mia vita personale qui. Ho così poca privacy che il poco che ho lotto per mantenere il controllo.

Ho un’acuta consapevolezza dell’amicizia. La maggior parte dei miei amici mi conosce da quando non avevo molti soldi.

“Avere figli è una buona ragione per non essere ubriachi”

Quando ero bambino, quarantacinque anni sembravano un’età da vecchi. Non sento davvero questi anni sulle spalle, ma vedo le rughe sulla mia faccia. Questo è ciò che farà ridere a lungo. Nel mio cuore ho ancora venticinque anni, ma so di averne quarantacinque. Ho smesso di bere. Avere figli è una buona ragione per non essere ubriachi. Voglio restare per i miei figli. Voglio essere in grado di correre con i loro figli.

Vivi ogni momento

C’è un dipinto di un uomo che cammina, a partire da quando era un neonato. Sta camminando e camminando, diventando eretto e potente, e poi invecchiando sempre di più fino a quando è curvo e non riesce quasi più a stare in piedi. Ogni ragazzo dovrebbe avere quel dipinto sul muro. In questo modo può alzarsi ogni giorno e dire: “Ecco dove sono sulla mia sequenza temporale”. Se guardassi quel dipinto ogni giorno e ti chiedessi: quante estati mi restano? perderesti molto meno tempo. Muori così in fretta, anche se vivi fino a novant’anni. Vivi, questo è quello che dico. Vivi in ogni momento, ogni ora, ogni giorno, perché finirà in uno schiocco di dita. Sono abbastanza sicuro che la maggior parte delle persone sia sorpresa dalla propria morte.

22/04/2022

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.