Spinning Out: Emma Roberts protagonista della nuova serie tv di Netflix

L’attrice statunitense Emma Roberts, già star di serie tv come “American Horror Story” e “Scream Queens“, sarà la protagonista di un nuovo show prodotto per Netflix intitolato “Spinning Out”.

Spinning Out: Emma Roberts nei panni di una pattinatrice nel nuovo show di Netflix

Emma Roberts img Emma Roberts nella serie tv “Spinning Out” ricopre la parte di Kat Baker una pattinatrice che, dopo una disastrosa caduta, sembra essere costretta a dire addio alle gare. La ragazza accetta però la proposta di allenarsi in coppia con un ragazzo di talento e dal carattere complicato.
Sul ghiaccio e fuori dalla pista, Kat e il suo partner dovranno affrontare difficoltà, infortuni al fisico e all’anima, sacrifici economici e persino un potenziale esaurimento nervoso lungo la strada che potrebbe portarli a realizzare il loro sogno olimpico.

Secondo alcune indiscrezioni  la piattaforma streaming, Netflix, ha già ordinato ben dieci episodi dello show “Spinning Out” sceneggiato da Samantha Stratton.

Stratton avrà inoltre il ruolo di showrunner accanto a Lara Olsen “Free Rain”, e le due saranno inoltre produttrici esecutive insieme a Tory Tunnel e Joby Harold.

Spinning Out: Emma Roberts una carriera nelle serie tv e non solo

Emma Roberts è una giovane attrice statunitense, è conosciuta al grande pubblico, principalmente per i personaggi interpretati in due famose serie tv “American Horror Story”nella quale è attualmente impegnata con l’ottava apocalittica stagione dello show ideato da Ryan Murphy, e per il ruolo di Chanel Oberlin nella serie televisiva “Scream Queens”.

Nel curriculum della Roberts figurano anche importanti collaborazioni in ambito cinematografico. Tra gli ultimi lavori a cui ha partecipato la bella attrice ricordiamo “Little Italy” di Donald Petrie del 2018  e nello stesso anno è stata diretta anche dal regista James Cox nella pellicola “Billionaire Boys Club“, mentre nel 2016 è stata la protagonista di “Nerve” un thriller a cura dei cineasti Henry Joost e Ariel Schulman.

Chiara Broglietti

12/10/2018

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *