Probabile arrivo dello spin-off di “Game of Thrones”

HBO parla della concorenza con Netflix e Amazon e offre un aggiornamento su un probabile spin-off di “Game of Thrones”.

Con “Game of Thrones” l’HBO non teme Netflix e Amazon 

HBO "Game of Thrones" sequel

Sembra che la HBO non abbia paura di Netflix o di Amazon e, secondo i due dirigenti, Casey Bloys e Francesca Orsi, stia sicuramente producendo  una serie spin-off di “Game of Thrones” .  Secondo quanto riportato da Deadline questo progetto è stato annunciato da Casey Bloys e Francesca Orsi, della HBO , durante la conferenza di INTV, organizzata da Keshet a Gerusalemme. I due hanno dicharato che l’ultima stagione di “Game of Thrones” sarà molto commuovente e che molti personaggi della serie moriranno (ovviamente), ma la vera notizia è quella relativa al futuro del Network e di come sia possibile competere con Netflix e Amazon, in quanto queste due società investono milioni di dollari per la realizzazione di prodotti di alto profilo.

L’annuncio sorprendente è dunque stato quello relativo a “Game of Thrones” e alla possibilità  di realizzare uno spin-off.

Orsi ha affermato: “Dietro al possibile spin-off di “Game of Thrones” vi è un’enigma: da dove iniziare? Ovviamente non possiamo iniziare con il budget della ottava stagione, ma quello della terza sarebbe sufficiente?”

Si tratta di un punto che non viene sollevato abbastanza spesso. HBO ha stabilito uno standard, che piaccia o meno, con con un valore di produzione per “Game of Thrones”. Mentre le altre serie TV fantasy sono chiaramente low-budget, i fan della serie si aspettano un certo livello di qualità produttiva per “Game of Thrones”. Quindi se uno spin-off avrà successo, HBO non sarà in grado di farlo ad un prezzo moderato.

Parlando di soldi, Bloys e Orsi, hanno avuto da dire un paio di cose anche riguardo a Netflix e Amazon. Mentre questi giganti dell’industria di streaming stanno apparentemente gettando i soldi, la HBO non sembra preoccupata. Perché? Tutto si riduce all’idea di contenuti curati.

“Il mercato diventa  più affollato quando un marchio ha un contenuto curato, questo significa molto e non soltanto per gli abbonati, ma anche per il creatore, che apprezza di più una produzione in cui ci si prende cura di lui, coinvolgendolo anche nel marketing”.

La presenza del contenuto curato non significa, soltanto, che ogni serie avrà successo, ma anche che, logisticamente, la HBO può offrire cose che Amazon e Netflix non possono.

“Non voglio rivelare i nomi dei partner e dei produttori con cui lavoriamo, ma ultimamente un paio di pezzi grossi hanno varcato la nostra porta affermando con passione di volersi  stabilire alla HBO, perché presso Amazon non hanno ottenuto dei benefici nel marketing, ma anche non hanno potuto mandare il cast alla premiere, come nel caso di “Picnic At Hanging Rock”.

Se sei un abbonato a Netflix, è chiaro che le loro serie TV non hanno la pubblicità che HBO può produrre per i propri contenuti. Mentre “Stranger Things” e “House of Cards” hanno molti teaser e tantissimo marketing, contenuti come “Everything Sucks!” o “Love” hanno un solo trailer, di solito pubblicato due settimane prima del rilascio.

Inutile dire, che la HBO non è interessata al numero di serie provenienti da Amazon e Netflix.

 

Marina Kozak

14/03/2018

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *