Jason Momoa e la richiesta di indagini su presunti abusi

Jason Momoa sostiene il co-protagonista di “Justice LeagueRay Fisher nel chiedere un’indagine su presunti abusi sul set delle riprese del film nel 2017.

La parole di Jason Momoa su Instagram

“QUESTA M… DEVE FERMARSI E DEVE ESSERE GUARDATA @ ray8fisher E TUTTI GLI ALTRI CHE HANNO SPERIMENTATO COSA SUCCEDE SOTTO LO SGUARDO DI @wbpictures NECESSITA DI INDAGINI ADEGUATE”, ha scritto lunedì Momoa su Instagram.

Lo scorso primo luglio, Ray Fisher ha affermato che Joss Whedon, che ha supervisionato le riprese di “Justice League” del 2017, era violento sul set. Ha anche dichiarato che i produttori Jon Berg e Geoff Johns hanno consentito il comportamento del regista. La WarnerMedia ha comunicato il mese scorso che stava indagando su queste affermazioni, ma il 4 settembre la Warner Bros. ha rilasciato un comunicato in cui affermava che Fisher non stava collaborando alle indagini. Fisher ha negato questo con una sua risposta.

Momoa, nel sostenere Fisher, non ha condiviso alcun dettaglio sul presunto comportamento sul set di “Justice League”. Ha continuato sostenendo che la Warner ha usato la notizia della sua presenza in “Frosty the Snowman” per distrarre l’attenzione dalle parole di Fisher.

Le notizie su Momoa protagonista del progetto sono arrivate infatti la mattina del 1 luglio, meno di 90 minuti dopo che Fisher aveva fatto le sue accuse su Twitter.

“Qualcosa di serio” è successo dietro le quinte

“Penso solo che sia una cazzata che la gente abbia rilasciato un falso annuncio di Frosty senza il mio permesso per cercare di distrarre Ray Fisher che parlava del modo schifoso in cui siamo stati trattati nel corso delle riprese di Justice League”, ha scritto Momoa. “Sono successe cose serie. Devono essere indagate e le persone devono essere ritenute responsabili. #IStandWithRayFisher. Aloha j.”

Momoa ha rapporti importanti con lo studio, poiché è il volto del franchise di “Aquaman” da 1 miliardo di dollari , che ha un sequel in lavorazione, e ha anche “Dune” di dicembre in arrivo. La Warner Bros. non ha commentato la dichiarazione di Momoa.

In “Justice League”, abbandonato da Zack Snyder a maggio del 2017 a causa di un lutto famigliare, Fisher ha interpretato Cyborg.

“‘Il modo in cui [Whedon] ha trattato sul set il cast e la troupe di Justice League è stato grossolano, offensivo, poco professionale e completamente inaccettabile”, queste le parole di Fisher su Twitter il 1 ° luglio.

Berg ha negato le affermazioni, mentre Johns e Whedon non le hanno affrontate pubblicamente.

Fisher ha anche attaccato l’investigatore esterno ingaggiato dalla Warner per indagare sulla faccenda. L’interprete ha affermato che il suddetto investigatore abbia svolto un’indagine blanda e sia sparito dopo aver iniziato a interrogare persone che stavano coinvolgendo dirigenti di alto livello e che abbia evitato di contattare alcuni testimoni chiave.

Fisher aveva definito il comportamento di Joss Whedon “offensivo e disgustoso” mentre Geoff Johns di aver velatamente minacciato la sua carriera, sminuendo i suoi tentativi di portare le proprie lamentele alla dirigenza.

Recentemente la Warner ha respinto le accuse di Fisher con un comunicato ufficiale.

15/09/2020

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *