Extravergine: una serie FoxLife firmata da Roberta Torre

É approdata lo scorso 9 ottobre su FoxLife, canale 114 di Sky, ed è terminata ieri, “Extravergine”, una serie tutta al femminile con una regia molto particolare, quella di Roberta Torre, attiva non solo nel cinema ma anche nel teatro e nella lirica.

Roberta Torre e l’universo dei blogger

Extravergine serie

La firma di Roberta Torre rende assolutamente originale la storia della giovane Dafne (interpretata dalla cantante e attrice Lodovica Comello), che si ritrova da un giorno all’altro titolare su un blog di una rubrica sul sesso, pur essendo ancora vergine alla tenera età di 29 anni. Tutto accade dopo un video diventato virale in rete in cui lei sembra fare sesso in un bagno travestiva da Marge Simpson.

L’azione di “Extravergine” si svolge a Milano in una atmosfera surreale con una serie di personaggi molto sopra le righe. Si va dalla coinquilina di Dafne, la graziosa Ginevra (Melissa Bartolini), una specie di milanese imbruttita alla ricerca del boyfriend perfetto, alla madre della protagonista Irene (Valentina Banci), una donna ancora sexy e giovanile, popolare sex icon negli anni Ottanta. A queste si aggiungono le colleghe della redazione: c’è Violante (Stella Pecollo), la food blogger non proprio filiforme a corto di sesso con il fidanzato, la bella influencer Samira (Pilar Fogliati) e infine il boss che promuove Dafne, dopo averle dato il nickname HotMarge.

Arricchiscono la storia altri personaggi tra cui Massimo Ranieri in un cameo da non perdere, Giorgia, l’azionista di #Audrey, interpretata da Irene Ferri, il caro amico di Dafne, Andrea (Giulio Corso), e infine Karma (Sara Zaffignani), Paolo Wong (Edoardo Hu) e Robertino (Emanuele “Emilife” Ferrari), giovanissimi esperti di tendenze.

Non poteva mancare ovviamente il bello di turno, il fotografo Lorenzo (Stefano Rossi Giordani), che potrebbe aiutare Dafne a perdere la sua mitica verginità.

Extravergine, un prodotto originale e fresco tutto da scoprire

“Extravergine” è una serie corale che racconta il presente, attraverso la parodia. Roberta Torre, usando il suo linguaggio ibrido tra teatro e cinema, porta lo spettatore nella Milano di oggi popolata da influencer, blogger e youtuber tutti al servizio di Nostra Signora La Rete.

La fotografia è brillante e quasi psichedelica tutta deviata sui toni del rosa. Ottima la colonna sonora che comprende pezzi dei Radiohead, Ghemon, Goblin e di grandi compositori italiani indie.

Insomma, per chi l’avesse persa al primo passaggio, consigliamo assolutamente la visione delle repliche a partire dal 16 novembre.

Lorenzo Buellis

07/11/2019

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *