Amanda Seyfried: la candidatura all’Oscar per “Mank”

Amanda Seyfried: la candidatura all’Oscar per “Mank”

La star di “MankAmanda Seyfried, tiene il telefono in silenzio e spegne tutte le notifiche, quindi quando ha ricevuto una nomination all’Oscar come migliore attrice non protagonista come Marion Davies nel film di David Fincher, il suo addetto stampa ha chiamato sua madre e l’ha svegliata con la buona notizia.

Amanda Seyfried si è proposta per interpretare Glinda nel film “Wicked”

Amanda Seyfried

“È bello parlare di qualcosa a cui tieni e di cui sei orgoglioso”, ha detto Seyfried al podcast del Variety’s Awards Circuit. “Ed è una persona che esisteva di cui dobbiamo rimodellare la sua eredità.”

Seyfried  ha condiviso inoltre in esclusiva con Variety che ha inviato la sua registrazione di “Popular” dal musical di successo “Wicked”, diretto dalla Universal Pictures e dal regista di “In the Heights” Jon M. Chu. Vuole infatti interpretare il ruolo della strega buona Glinda,  vorrebbe anche  girare per Los Angeles con la star di “Les Misérables” Samantha Barks, la sua scelta personale per Elphaba e cantare “For Good”.

Prima delle interviste, la tavola rotonda del circuito degli Awards discute i vincitori della cerimonia di premiazione degli Screen Actors Guild e cosa significa per la corsa agli Oscar per la migliore attrice (Viola Davis) e per l’attrice non protagonista (Maria Bakalova) e degli imminenti Emmy Awards ( dominati da “The Crown” e “Ted Lasso”).

Un estratto dall’intervista ad Amanda Seyfried

Da quali ruoli ti senti attratta in questo momento?

Seyfried: Cambia. Sono diventata un po ‘più selettiva, man mano che sono maturata. Voglio essere nelle mani di un grande regista. La sceneggiatura è ovviamente dove tutto inizia, giusto? È la base dell’intero progetto. Deve essere interessante, almeno fino al punto in cui ha senso. Odio leggere. Sono una persona che già dalle prime 10 pagine della sceneggiatura sa se sarà qualcosa di cui vorrò far parte. E non è vero che più  si invecchia, migliori sono i ruoli. Una volta che hai un bambino, non sei più ingenuo. Ora posso interpretare le madri, che sono naturalmente più interessanti per me.

Maria Bruna Moliterni

09 ⁄ 04 ⁄ 2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *