Strasberg Legacy: mostra online di Google Arts & Culture

In collaborazione con Giovanni Morassutti, Google Arts & Culture ha realizzato una mostra online sulla storia e le particolarità dei metodi Stanislavskij e Strasberg.

Google Arts & Culture e Giovanni Morassutti

Google Arts & Culture

Google Arts & Culture, insieme a Giovanni Morassutti, attore al momento impegnato sul set di “Fra due battiti” al fianco di Remo Girone, e fondatore della residenza d’arte internazionale Art Aia – Creatives / In / Residence,  hanno dato vita ad una mostra digitale sulla storia e sulle caratteristiche  del discusso Metodo da Stanislavskij a Strasberg.

Uno spazio online, grazie al quale possiamo esplorare i tesori, le storie e il patrimonio di conoscenza di oltre 2.000 istituzioni culturali di 80 paesi nel mondo, ovunque noi ci troviamo. Morassutti, durante i suoi studi negli Stati Uniti ha lavorato con artisti molto noti come: Ellen Stewart, fondatrice di La MaMa, con Gus Van Sant in “Last Days”, con Susan Strasberg e con il suo collaboratore e mentore di lunga data John Strasberg.

Sarà possibile partecipare a questa mostra digitale dal 28 Settembre al 10 Ottobre 2020 a Milano, presso la sede del Siam1838 in via Santa Marta 18. Google Arts & Culture darà, dal 28 Settembre, la possibilità di partecipare a questa mostra online “Strasberg Legacy”. Attraverso questa mostra si potrà ripercorrere nel dettaglio la storia della scuola di recitazione realista, dalla sua nascita in Russia al Processo Creativo Organico insegnato da John Strasberg.

Caratteristiche della mostra

La storia sarà narrata dallo stesso Strasberg, attraverso delle preziose interviste fattegli sotto il portico della chiesa di Sant’Antonio di Padova ad Art Aia – Creatives / In / Residence, e a Berlino.

In quest’ultima intervista viene ricordata attraverso una registrazione audio di John Strasberg, la sua visita, durante gli anni ’60, nella capitale tedesca insieme alla sua famiglia, poco dopo la costruzione del muro.

Arts & Culture insieme a Giovanni Morassutti non faranno mancare all’interno della loro mostra online anche molte curiosità su Marylin Monroe e il suo rapporto con la sua coach Paula, seconda moglie di Lee Strasberg e madre di John e Susan.

La narrazione della storia avverrà in un modo del tutto nuovo grazie agli strumenti di storytelling messi a disposizione dalla piattaforma Google Arts & Culture. Questi strumenti consentiranno al pubblico di scoprire cosa c’è dietro al famoso Method Acting, alla famiglia Strasberg e all’Actors Studio di New York.

Le dichiarazioni di Giovanni Morassutti

Lo stesso Giovanni Morassutti ha dichiarato di essere molto felice di aver collaborato con Google Arts & Culture, di seguito sono riportate le sue testuali parole:

“Sono molto lieto di collaborare con Google Arts & Culture. Sento che questo è un passo importante nella realizzazione del mio sogno e sono felice che il mio progetto venga riconosciuto. Art Aia-Creatives / In / Residence è stato ispirato anche dalla creatività di mio padre ed è curioso perché il nome originario della località del centro d’arte è Banduzzo che nel dialetto locale significa luogo proibito. In un certo senso mi ricorda la Repubblica di Platone, dove gli artisti erano banditi dallo città ideale. Al contrario, credo che la buona arte, come il buon teatro, siano in grado dire la verità e che sia fondamentale riconnettersi con le nostre emozioni soprattutto in questo momento di cambiamento. La ricerca della verità nell’espressione artistica è fondamentalmente la base del lavoro della scuola di recitazione realista”.

Strasberg Legacy: le cose da non perdere

Sicuramente la mostra online, Strasberg Legacy, è caratterizzata da alcuni elementi più importanti tra cui possiamo citare:

  • Un’intervista sotto il portico della Chiesetta di Sant’Antonio di Padova ad Art Aia – Creatives / In / Residence con John Strasberg, figlio di Lee Strasberg, leggendario direttore dell’Actors Studio. 
  • La Sostenibilità nelle arti. L’incontro delle artiste Kelly Leonard e Beatrice Lopez con Il Principe Guecello di Porcia nelle terre del Friuli Venezia Giulia. 
  •  Spazi insoliti per l’arte e la cultura a Berlino e la sua vitale comunità creativa. 
  •  Uronto Artist Community presso The Dubolhati Palace in Bangladesh e lo stile tradizionale di alcune antiche pratiche artistiche oltre occidente.
  • Mappe fluide. Installazioni site-specific in una vecchia stalla della fine del XIX secolo utilizzata come spazio artistico ed espositivo del centro d’arte.

Google Arts & Culture ha la missione con questa mostra di rendere la cultura mondiale accessibile a chiunque e ovunque.

Attraverso l’utilizzo di Arts & Culture si possono scoprire l’arte, la storia e le meraviglie culturali di tutto il mondo; come nel caso della mostra di Strasberg Legacy.

 

Erika Zagari

7/10/2020

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *