Star Wars: Ewan McGregor ricorda le difficoltà durante le riprese della saga

Star Wars: Ewan McGregor ricorda le difficoltà durante le riprese della saga

Sicuramente uno dei progetti più attesi in tutto Star Wars, in questo momento, è l’imminente serie di Obi-Wan Kenobi, in sviluppo per Disney +.

Lucasfilm ha finalmente confermato che Ewan McGregor sta effettivamente riprendendo il suo ruolo dai prequel di Star Wars in una serie di sei episodi che si svolge 10 anni dopo gli eventi di “Star Wars: La vendetta dei Sith” – l’ultima volta che McGregor ha riempito ruolo di Obi-Wan. Inoltre, lo spettacolo vedrà anche Hayden Christiansen che riprende il suo ruolo di Darth Vader, formando un ponte piuttosto significativo dalla nuova era di Lucasfilm all’era di George Lucas.

L’esperienza in Star Wars di Ewan McGregor

Ewan McGregor Star Wars

Quando Lucas annunciò per la prima volta che sarebbe tornato nel regno di Star Wars con tre prequel – Episodio I, II e III della Skywalker Saga – i fan erano entusiasti. Ma ciò che i fan non si aspettavano del tutto era quanto Lucas avrebbe spinto i sequel in termini di cambiamento della tecnologia cinematografica. Alla fine degli anni ’90, la tecnologia CG stava rapidamente diventando la norma, ma non era ancora stata sufficientemente perfezionata per darci creature o ambienti foto-reali.

Ma Lucas l’ha fatto lo stesso. Quando Lucas passò ad “Attacco dei Cloni” e “La vendetta dei Sith”, iniziò a spogliarsi sempre più dell’ambiente fisico a favore di set e sfondi in CG. Con grande costernazione dei suoi attori.

Christiansen e Natalie Portman sono stati onesti nel corso degli anni sul sentirsi frustrati a lavorare con palline da tennis e sfondi blu, e nel confrontare l’esperienza della nuova serie di Obi-Wan con i prequel in un’intervista, McGregor ha aggiunto la sua voce al coro:

“George ama la tecnologia e ama spingersi in quel regno”, spiega McGregor. “Voleva un controllo sempre maggiore su ciò che vediamo in sottofondo”. Con “La vendetta dei Sith” i set fisici e gli sfondi erano stati quasi interamente sostituiti da schermi blu. “Dopo tre o quattro mesi, diventa davvero noioso, specialmente quando le scene sono.. non voglio essere scortese, ma non è Shakespeare”, continua. “Non c’è qualcosa in cui approfondire il dialogo che possa soddisfarti quando non c’è ambiente lì. È stato abbastanza difficile da fare.”

Le innovazioni con “The Mandalorian”

Ewan McGregor news

Anche la prima serie live-action Disney + Star Wars, “The Mandalorian”, ha ampliato i confini della tecnologia, ma in modo più efficace. Jon Favreau e il suo team creativo hanno sviluppato un modo per creare sfondi fotorealistici dal vivo sul set utilizzando un motore di gioco, in modo che gli attori non siano più circondati da uno schermo blu ma da quello che apparirà nel finale.

“Non sarà un problema sul set di Obi-Wan Kenobi, dove, con il processo chiamato StageCraft, proiettano [gli sfondi virtuali] su questo enorme schermo a LED. Quindi, se tu sei in un deserto, sei in mezzo a un deserto. Se sei nella neve, sei circondato dalla neve. E se sei nella cabina di pilotaggio di un caccia stellare, sei nello spazio. Ti sembrerà molto più reale”.

Deborah Chow, che ha diretto due dei migliori episodi di “The Mandalorian”, sta dirigendo tutti e sei gli episodi di Obi-Wan mentre Hossein Amini (“Drive”) li sta scrivendo, e mentre McGregor ha rivelato di aver già fatto alcuni provini, si è limitato a sorridere e a dire ” È molto possibile, non lo so”, quando gli hanno chiesto se quei provini riguardassero un giovane Luke Skywalker.

Obi-Wan dovrebbe iniziare le riprese presto, ma una data di uscita non è ancora rivelata.

Federica Contini

29/04/2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *