I Simpson: intervista allo scrittore leggendario John Swartzwelder

I Simpson: intervista allo scrittore leggendario John Swartzwelder

John Swartzwelder sta finalmente parlando e i fan dei “Simpson” potrebbero benissimo perdere la testa. La leggenda vivente ha scritto dozzine di episodi per il cartone animato Fox, tutti considerati tra i migliori dei 32 anni di storia dello show.

I Simpson: John Swartzwelder discute l’episodio più oscuro

I Simpson

Pubblicata domenica, il misterioso e solitario Swartzwelder ha finalmente concesso un’intervista a Mike Sacks del New Yorker per parlare della sua carriera e parlare del suo lavoro per i “Simpsons”.

Swartzwelder ha spiegato che ha ottenuto il suo lavoro al programma, ancora in erba, grazie al suo lavoro su Army Man, una piccola fanzine comica fatta in casa con una breve durata alla fine degli anni ’80.

“Le battute sull’Esercito mi hanno fatto ottenere il mio primo colloquio con [il compianto] Sam [Simon] e Matt [Groening], che ha affidato il mio primo incarico di sceneggiatore, ‘Bart the General’. Ma in realtà non sono stato assunto per lavorare nello staff fino a quando non ho fatto tre episodi “, ha spiegato. “I “Simpson” non avevano abbastanza soldi per uno staff di scrittori a tempo pieno fino alla fine del 1989. Ora ne hanno abbastanza, ovviamente.”

“Homer’s Enemy”

Alla domanda se avesse un preferito dei 59 episodi che ha scritto, Swartzwelder ha risposto: “Non ne ho uno che preferisco a tutti gli altri, ma ho alcuni preferiti che mi piace sempre guardare. “Bart l’assassino”, “Dog of Death”, “Homer at the Bat”, “Homie the Clown”, “Bart Gets an Elephant”, “Homer’s Enemy” e “Homer vs. il diciottesimo emendamento”.

Sacks ha esplorato “Homer’s Enemy” con Swartzwelder; uno degli episodi più polarizzanti e sicuramente più oscuri del cartone animato solitamente spensierato.

Discutendo del 23 ° episodio della stagione 8, in cui l’antagonista Frank Grimes si uccide accidentalmente in un impeto di rabbia per la fortuna casuale e non guadagnata di Homer nella vita (rispetto a quella di Frank comunque), Swartzwelder ha detto: “Grimey lo stava chiedendo per l’intero episodio . Non approvava il nostro Homer. Lo stava chiedendo, e lo ha ottenuto. ”

La percentuale più alta

Swartzwelder ha anche spiegato perché le sue sceneggiature avevano meno modifiche rispetto ad altri, la maggior parte delle prime bozze sono state messe in onda intatta almeno al 50%.

“Se quei numeri sono corretti, parte della ragione per la mia percentuale più alta potrebbe essere perché ho sempre reagito con grande sgomento, rabbia e persino orrore ogni volta che una delle mie battute veniva tagliata. Gli altri scrittori erano più maturi quando la loro le battute venivano tagliate. E guarda cosa hanno ottenuto. Ora tutti stanno ridendo delle loro percentuali “, ha detto a Sacks.

Riguardo alla sua eredità tra i fan e gli scrittori, Swartzwelder ha detto: “Sono certamente contento che alla gente piacciano ancora gli episodi che ho fatto. Direi che tutte le lodi mi rendono umile, ma, ovviamente, le lodi fanno l’esatto opposto. Ma Sono lieto dell’attenzione. I “Simpson” hanno fatto qualcosa che non credevo possibile: ha fatto sì che gli spettatori guardassero i credits degli scrittori nei programmi televisivi. Quando ero piccolo, guardavamo i nomi degli attori, e forse il regista, ma questo è tutto. Ora un’intera generazione di spettatori non solo conosce gli scrittori, ma si chiede come siamo veramente nella vita reale. E vogliono sapere cosa stiamo pensando. E guardare attraverso le nostre finestre. Questo è il progresso, di una sorta, e dobbiamo ringraziare i “Simpson” per questo. “

Maria Bruna Moliterni

03 ⁄ 05 ⁄ 2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *