Sherlock Holmes: chi è il migliore?

Sherlock Holmes: chi è il migliore?

Sherlock Holmes, la creazione più famosa di Sir Arthur Conan Doyle è il personaggio letterario più ritratto al cinema e in TV.  Ci sono state 254 apparizioni sullo schermo, con oltre 75 diversi attori che hanno offerto le proprie interpretazioni sin dai primi giorni del cinema muto. L’iterazione più recente è la misteriosa figura drogata interpretata da Henry Lloyd-Hughes nella nuova serie Netflix The Irregulars.  Il debutto dello show ci è sembrato una buona occasione per guardare indietro.

Sherlock Holmes: la classifica dei 17 interpreti del detective

Sherlock Holmes

L’elenco di seguito si limita ai  live-action (anche se degno di nota è The Great Mouse Detective della Disney) ed ai personaggi esplicitamente conosciuti come Sherlock. La cosa affascinante nel considerare Sherlock Holmes attraverso più adattamenti è che quelle che si potrebbero considerare le sue qualità distintive sono soggette a interpretazioni estreme. La storia del personaggio sullo schermo include una vasta gamma di variazioni sulla sua età, razza , posizione geografica e posizionamento nel tempo. Alcune versioni sono ansiose di esplorare la questione della sessualità di Sherlock (o della sua mancanza); alcune versioni cercano di esaminare l’uso e l’abuso di droghe. Ci sono persino meta interpretazioni affascinate dalla percezione di Holmes della propria mitologia – e almeno una che gioca con l’idea che detta mitologia sia pura farsa. Ma allora, qual è la verità quando si parla di eredità? È una domanda che potrebbe sbalordire qualcuno degli Holmes qui sotto.

17. Will Ferrell (Holmes e Watson, 2018)

Sherlock Holmes
 

Nel ridurre all’essenziale la lista,  si è pensato che l’ultima voce dovesse essere rappresentata da personaggio di alto profilo al suo peggio, e quindi includere la maldestra e spesso offensiva interpretazione di Will Ferrell, che sulla carta sembrava la scelta giusta. La colpa qui è davvero dello sceneggiatore / regista Etan Cohen, ovviamente, ma Ferrell ha comunque contribuito all’ingiustizia contro Sherlock.

16. Boris Karloff (The Elgin Hour – “Sting of Death”, 1955)

Boris Karloff non era solo l’attore dietro il mostro più famoso di Hollywood, Frankenstein. Anche lui, verso la fine della sua carriera, ebbe l’opportunità di interpretare il più famoso dei detective, in una puntata della serie antologica degli anni ’50 The Elgin Hour. Per il tempo e il budget disponibile, non è un brutto racconto del mistero, ma onestamente, è così mediocre per una serie di ragioni, la più notevole ma superficiale delle quali sono i baffi di Karloff – forse il tributo di Sherlock al suo assente bestie Watson? Non importa il motivo, sicuramente non è quello che siamo abituati a vedere su Sherlock.

15. Roger Moore (Sherlock Holmes in New York, 1976)

Roger Moore ha interpretato Sherlock Holmes in un film della NBC fatto per la TV. Sebbene sia una rappresentazione piuttosto sfumata, qualcosa sembra un po ‘strano nella scelta di Moore, soprattutto per il modo in cui, sfortunatamente, sminuisce l’intero aspetto della risoluzione dei misteri. Ma è comunque interessante da guardare, se non altro per vedere come Moore fa del suo meglio per far sentire il personaggio distinto dagli altri personaggi più famosi.

14. James D’Arcy (Sherlock: A Case of Evil, 2002)

“The horny Sherlock” è l’epiteto che meglio si adatta alla versione della star di Cloud Atlas, e sebbene non sia necessariamente colpa di James D’Arcy, è una scelta che sembra selvaggiamente fuori linea con le incarnazioni precedenti e future. Eppure, D’Arcy regala momenti avvincenti mentre si fa letteralmente strada attraverso il climax del film.

13. Henry Cavill (Enola Holmes, 2020)

Nonostante una serie di concerti di alto profilo, Henry Cavill rimane un attore difficile da leggere, motivo per cui l’energia riservata che porta a questo adattamento Netflix del libro di Nancy Springer funziona così bene. Enola Holmes non è l’avventura di Sherlock, dopotutto , ma di sua sorella minore (Millie Bobbie Brown), e quindi serve al meglio la storia recitando una parte di supporto. Detto questo, Cavill sembra non trovare mai il proprio punto di vista qui. Incrociamo le dita per un sequel che non solo gli permetta di approfondire la sua performance, ma anche di continuare il potenziale franchise creato dal primo film.

12. Rupert Everett (Sherlock Holmes e il caso della calza di seta, 2004)

L’interpretazione di Rupert Everett su Sherlock invoca una freddezza che funziona estremamente bene in questo contesto, ed è un peccato che questo sia l’unico esempio fino ad oggi in cui lui assume questo ruolo. Il vero mistero che viene risolto in questo film prodotto dalla BBC, che coinvolge i feticci dei piedi e Michael Fassbender come sospetto, non è poi così avvincente. Ma c’è un buon lavoro sul personaggio per stabilire le dipendenze di Holmes, così come la sua frustrazione per il mondo poco interessante, non  abbastanza per tenere il passo con il suo cervello.

11. Ian McKellen (Mr. Holmes, 2015)

La seconda (di quattro) collaborazione tra Bill Condon e Ian McKellen è meglio vista come un adattamento di Batman Beyond. È un argomento che spiega definitivamente perché, per quanto buona sia la performance di McKellen, non sembra mai davvero la quintessenza di Holmes. Detto questo, una parte enorme della premessa è costruita attorno alla decostruzione dei miti che circondano il personaggio, che è molto più di un buffo cappello e una pipa. Non si può negare che questa tranquilla esplorazione degli ultimi anni di Holmes arrivi alla sua umanità.

10. Jeremy Irons (Saturday Night Live – “Sherlock Holmes ‘Birthday Party”, 1991)

Jeremy Irons  è stato ospite una volta il Saturday Night Live dove ha interpretato un Sherlock per un breve e ironico cameo. Anche se la performance  in sé dura meno di sei minuti, è più che sufficiente per chiarire che se Irons avesse la possibilità di interpretare di nuovo la parte, sarebbe un piacere da vedere.

9. Michael Caine (Senza un indizio, 1988)

Probabilmente la versione meno fedele di Sherlock in questa lista.  Ma è essenziale per il colpo di scena della commedia di Thom Eberhardt, che rivela rapidamente che il grande detective è, in realtà, un attore idiota sostenuto dal vero genio della partnership, il dott. Watson (Ben Kingsley). Sebbene sia infedele, tuttavia, è anche uno dei più originali, e forse il più divertente. Questo è in gran parte grazie all’approccio entusiasta di Michael Caine nel catturare sia il concetto di Holmes come leggenda che Holmes come impostore. Un promemoria per non fidarsi mai dei propri idoli, o per lo meno non cercare mai di imparare troppo su di loro.

8. Nicholas Rowe (Young Sherlock Holmes, 1985)

Ci vuole qualcosa di veramente speciale per dare vita a un personaggio con un solo sguardo.  Ogni volta che penso al giovane Sherlock Holmes, penso immediatamente al viso calmo e vuoto di Nicholas Rowe, intrecciato con l’arroganza casuale che deriva dal credere di essere l’uomo più intelligente in ogni stanza. Diretto da Barry Levinson e scritto da Chris Columbus, questo film prende alcune strane svolte. Non è l’unica storia di Sherlock Holmes ad approfondire questioni di misticismo, che sembra sempre antitetico alla natura del personaggio , anche dato l’interesse di Conan Doyle nel soprannaturale. Ma soprattutto la capacità di Rowe di trovare l’essenza dell’uomo nella forma di un adolescente vivace

7. Nicol Williamson (The Seven-Per-Cent Solution, 1976)

Nicholas Meyer ha scritto il romanzo e la sceneggiatura che poneva la domanda “e se il grande detective fosse andato dal terapista più famoso del mondo? ” È un approccio molto diretto per arrivare a un’analisi profonda del personaggio.  Nicol Williamson gestisce abilmente il difficile compito di interpretare un Holmes che alla fine è in grado di sperimentare una vera auto-riflessione mentre si sottopone alla psicoanalisi con Sigmund Freud (Alan Arkin). Ancora più importante, The Seven-Per-Cent Solution è un primo esempio di un adattamento di Sherlock che ha messo sotto i riflettori i suoi problemi di dipendenza con un punto di vista moderno, un aspetto chiave della sua persona che le versioni future hanno approfondito.

6. Yūko Takeuchi (Miss Sherlock, 2018)

La versione di Sherlock presentata in questa serie HBO Asia è, in superficie, estremamente diversa da altre rappresentazioni. In particolare perché si tratta di una donna giapponese di nome Sara “Sherlock” Shelly Futaba, che vive nella Tokyo moderna e ha una passione per i tacchi alti. Ma in tanti altri modi, Yūko Takeuchi è una perfetta incarnazione del personaggio, fino alla gioia che non può fare a meno di esprimere di fronte a un puzzle letale. Al di là della trovata iniziale di questo adattamento, Miss Sherlock offre una svolta avvincente a ciò che è venuto prima, rimanendo allo stesso tempo fedele allo spirito delle opere originali di Conan Doyle. (Inoltre, la nuova migliore amica di Sherlock si chiama Dr. Wato, il che significa che si chiama Wato-san, e questa è solo la perfezione.)

5. Robert Downey Jr. (Sherlock Holmes, 2009; Sherlock Holmes: A Game of Shadows, 2011)

La forza combinata della natura iconica del personaggio e il potere da star post-Iron Man di Robert Downey Jr. hanno trasformato questi film in blockbuster. Ma è più del potere delle star che rende la svolta di Downey Jr. così acuta. La serie gioca con l’idea di Sherlock come un eroe più fisico rispetto alle precedenti incarnazioni (fa parkour all’inizio del film). Ma questa idea è supportata dal testo originale. E, cosa più importante, distingue questa iterazione dall’immagine classica del gentiluomo perfettamente pressato, appoggiandosi agli aspetti più rozzi del personaggio che onestamente porta con sé un’aria di autenticità. C’è un mondo di differenza tra Sherlock di Downey Jr. e un’interpretazione più classica, ma la sua sfacciataggine trasandata sembra sincera in un modo che si abbina perfettamente ai grandi e audaci misteri che affronta in questi film.

4. Jonny Lee Miller (elementare, 2012-2019)

Ci sono stati due programmi TV contemporanei di Sherlock in esecuzione simultaneamente in cui Jonny Lee Miller ha trovato la sua interpretazione del personaggio, sopravvivendo anche alle incredibili esigenze fisiche e mentali che derivano dalla creazione di un Dramma procedurale CBS.  Al di là della sua longevità, la versione di Miller è degna di nota per i colpi di scena che la sua premessa iniziale fa sul racconto originale. Specialmente il modo in cui centra i problemi di dipendenza del personaggio, a cominciare da uno Sherlock appena uscito dalla riabilitazione e un dottor Watson che viene a vivere con lui come un sobrio compagno. Questo è un Holmes più vulnerabile di altri senza però perdere quella brillante scintilla essenziale.

3. Basil Rathbone (Le avventure di Sherlock Holmes e altro, 1939-1946)

Per almeno una generazione, forse di più, Basil Rathbone è stato lo Sherlock Holmes definitivo, calmo e imperscrutabile e sempre in grado di risolvere il caso. Uno degli attori più prolifici a interpretare il ruolo, protagonista di 14 film per un periodo di sette anni (prima per la 20th Century Fox, poi per la Universal Pictures). Ciò che spicca nella sua interpretazione è che il personaggio sembra sempre in secondo piano rispetto al mistero risolto, forse perché a Rathbone non sembrava piacere molto il personaggio. “Sono giunto alla conclusione (come si può vivere troppo da vicino e troppo a lungo in isolamento con una personalità piuttosto unica e difficile) che non c’era nulla di adorabile in Holmes”, ha detto Rathbone al Guardian. Questa dichiarazione chiarisce perché il lavoro solido e costante di Rathbone manca della scintilla di altri ritratti.

2. Jeremy Brett (Sherlock Holmes, 1984-1994)

Come protagonista di 41 diversi misteri prodotti dalla Granada Television, Brett offre la spavalderia intellettuale e lo spirito ironico che si trovano nelle migliori interpretazioni. Ma ciò che lo distingue dagli altri è il senso di umanità sempre presente che porta al personaggio. Qualsiasi personaggio iconico con oltre 100 anni di eredità è dolorosamente facile da trasformare in caricatura, ma Brett ha trovato un modo per mantenere viva l’idea di Holmes come uomo non solo con un cervello brillante, ma anche con un cuore umano. E lo ha fatto recitando in alcuni dei più fedeli adattamenti di Conan Doyle fino ad oggi, assicurandosi il suo posto nella storia come uno degli Sherlock migliori e più amati.

1. Benedict Cumberbatch (Sherlock, 2010-2017)

Si doveva ancora menzionare la forza della cultura pop  della più recente interpretazione della BBC del nostro Eroe risolutore di crimini, creato da Mark Gatiss e Steven Moffat. La rappresentazione di Benedict Cumberbatch si distingue come la migliore in parte per la sua capacità di catturare l’essenza Holmesiana senza nessuno dei simboli che avevamo precedentemente associato al personaggio. È ancora presto per dire se Sherlock avrà la risonanza duratura di altre voci più vecchie di decenni in questa lista. Diavolo, non è nemmeno necessariamente finita: sia Cumberbatch che Martin Freeman sono aperti a tornare per più puntate, Marvel permettendo.

Ma è una testimonianza sia della scrittura dello spettacolo che della comprensione del personaggio da parte di Cumberbatch . Infatti anche con un telefono cellulare incollato alla mano, questa versione sembra così autentica rispetto allo spirito della creazione originale di Conan Doyle.  Una figura leggendaria che possiede anche una vera umanità, se pur sepolta in profondità. È questo affascinante studio dell’esterno e dell’interno che ha tenuto vivo Sherlock nell’immaginazione del mondo per tutti questi anni, in tutte queste diverse incarnazioni. E sarà quella stessa qualità che manterrà in vita Sherlock, per altri secoli a venire.

Maria Bruna Moliterni

02 ⁄ 04 ⁄ 2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *