No Sudden Move: arriva il nuovo film di Steven Soderbergh

No Sudden Move: arriva il nuovo film di Steven Soderbergh

L’idea originale di “No Sudden Move”, il nuovo thriller poliziesco del regista Steven Soderbergh, era piuttosto diversa dal prodotto finale. Inizialmente, Soderbergh e il produttore Casey Silver avevano pianificato di covare un nuovo film di rapina con alcuni degli attori con cui Soderbergh ha lavorato nella saga “Ocean’s”. Ma dopo che Soderbergh ha contattato lo scrittore Ed Solomon, con il quale ha lavorato al fantastico thriller della HBOMosaic”, i due hanno iniziato a lanciare idee avanti e indietro e rapidamente si sono imbattuti in un film di rapina costruito attorno all’attore Don Cheadle e ambientato nella Detroit degli anni ’50.

L’idea di “No Sudden Move”

No Sudden Move

No Sudden Move” inizia con un gruppo di criminali che cercano di rubare qualcosa. Quando la rapina va di lato, rimangono a cercare di capire perché sono stati assunti, da chi e dove tutto questo porta. È una storia criminale complessa, elettrizzante e selvaggiamente divertente che è costantemente sorprendente.

Collider ha avuto la possibilità di parlare con Solomon per scoprire come ha sviluppato questa storia, e l’importante ruolo che Detroit gioca nell’intero calvario. Hanno chiesto anche come si è avvicinato alla scrittura di un thriller ambientato negli anni ’50 con un protagonista nero, entrando nei dettagli dei collaboratori su cui si è appoggiato per trasmettere con precisione non solo il personaggio di Cheadle, ma l’intero sfondo di Detroit nel momento in cui la storia è ambientata.

L’invervista a Ed Solomon

ED SOLOMON: “Inizialmente, Steven stava pensando di fare un film più grande, più simile a un cugino degli “Ocean’s”. Ma dopo abbiamo iniziato a lanciare alcune idee, tra cui quella di una sorta di film noir in stile anni ’70 scarno, duro, con questi tre criminali che non si sono mai incontrati prima, assunti per un lavoro di cui vogliono capire perché sono stati assunti e da chi e dove li porta? Abbiamo deciso di ambientare “No Sudden Move” a Detroit e negli anni ’50.”

“Una delle grandi gioie per me è quando hai un gruppo di attori incredibili e un regista magistrale come Steven, che è al tempo stesso molto sicuro del suo punto di vista e disposto a riconoscere una buona idea che sta emergendo e incorporarla, il che ci porta a dire, okay, quindi quali sono le ramificazioni per questo?”.

L’amore per Detroit

no sudden move scena

“Il nostro lavoro deve entrare il più possibile in un personaggio ed essere più empatico con quel personaggio, per essere davvero dentro la visione del mondo di quella persona. Quindi ciò ha comportato sia parlare con Don che lavorare con Don, ma ho anche lavorato a stretto contatto con un uomo di nome Jamon Jordan, che ho incontrato la prima settimana a Detroit prima ancora di iniziare a delineare il film.

Ho visto che c’era una mostra alla Detroit Public Library, che si chiamava Black Bottom Street View, dove una donna di nome Emily Kutil, era una professoressa alla Wayne State, e aveva messo insieme una mostra di fotografie di Detroit prima che costruissero questi quartieri. Le foto erano un meccanismo di pianificazione per ciò che la città aveva intenzione di fare, ovvero distruggere questi quartieri.”

“Avevo Jamon, avevo Don, avevo molte altre persone che lavoravano con me perché volevo davvero essere sicuro non solo nella lingua, ma anche nelle idee e nello sfondo che stavo davvero onorando. Altri film erano arrivati ​​a Detroit e avevano devastato la città e preso ciò che volevano. Volevo assicurarmi che non lo facessimo, abbiamo raccontato una storia che onorasse le esperienze reali che le persone hanno avuto”.

Federica Contini

03/07/2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *