Night Stalker: 10 dettagli sulla miniserie Netflix

Night Stalker: 10 dettagli sulla miniserie Netflix

(ALERT SPOILER) “Night Stalker” è una miniserie in quattro puntate disponibile da oggi, 13 gennaio, su Netlix, dedicata a uno dei più terrificanti serial killer americani. Dalle indagini della polizia all’errore cruciale dell’allora sindaco di San Francisco Dianne Feinstein, il nuovo show di Netflix approfondisce i crimini del ‘satanico’ Richard Ramirez.

Night Stalker: chi è Richard Ramirez?

Richard Ramirez, noto come The Night Stalker, è stato uno dei serial killer più prolifici e feroci, che ha terrorizzato le strade di Los Angeles negli anni ’80.

La docu-serie di Netflix “Night Stalker: caccia a un serial killer” approfondisce il lavoro svolto dagli investigatori per arrestare l’assassino, dopo che è riuscito a eludere le forze dell’ordine per un anno.

Ramirez, conosciuto inizialmente come il “killer walk-in“, ha invaso le case, uccidendo e aggredendo sessualmente i residenti, dal giugno 1984 all’agosto 1985. Ha usato un’ampia varietà di armi e ha lasciato dietro di sé simboli satanici.

Dopo aver trovato le impronte su un’auto rubata e aver rilasciato una foto segnaletica al pubblico la polizia è riuscita ad arrestare l’uomo. Ramirez è stato riconosciuto a East Los Angeles e quasi linciato da una folla di passanti mentre stava cercando di rubare un’auto, prima che la polizia potesse intervenire.

Il 20 settembre 1989 è stato condannato per tutte le accuse: 13 capi di omicidio, cinque tentati omicidi, 11 aggressioni sessuali e 14 furti con scasso, anche se si presume che abbia commesso molti altri crimini. È stato condannato a morte, ma nel 2013 è morto di cancro in prigione, dopo aver scontato 23 anni nel braccio della morte.

Ecco 10 dei fatti più scioccanti presentati nella docuserie, disponibile su Netflix

1. I suoi sanguinosi omicidi

“Night Stalker: caccia a un serial killer” approfondisce quanto fossero sanguinosi e cruenti gli omicidi del ‘satanico’ Richard Ramirez. Il serial killer aveva uno schema molto preciso: aggredire l’uomo di casa e violentare la donna, cercando la paura negli occhi della sua vittima. Nei primi giorni dei suoi crimini, ha bussato al cofano della macchina di Maria Hernandez in modo che lei lo vedesse prima dell’attacco, e ha tirato fuori Tsai-Lian “Veronica” Yu dalla sua macchina invece di spararle attraverso il finestrino.

A Whittier, ha tagliato gli occhi di Maxine Zazzara e li ha portati con sé. Gli investigatori lo hanno appellato un “killer infuriato” a causa della brutalità con cui ha ucciso le sue vittime: in un caso, la vittima, Patty Higgins, è stata tagliata e pugnalata alla gola. Un’altra vittima, Florence “Nettie” Lang, 81 anni, è stata picchiata a morte con un martello.

2. Spuntini post-omicidi

Nella docu-serie, il detective Frank Salerno afferma: “si sentiva a suo agio dopo aver ucciso qualcuno – si prendeva il tempo per fare uno spuntino. È un individuo piuttosto malato”.

La polizia della Bay Area si è occupata di lui quando ha continuato la sua follia omicida a San Francisco. Nelle docu-serie racconta dell’omicidio di un contabile di nome Peter Pan e della violenza su sua moglie Barbara. Dopo i crimini  Richard Ramirez avrebbe mangiato tutto nel frigorifero, vomitato sul pavimento della cucina e si sarebbe masturbato sul pavimento del soggiorno, per poi lasciare un simbolo satanico sul muro.

3. Il sentiero delle scarpe

Una delle poche tracce che gli investigatori hanno avuto a disposizione per la cattura è stata un’impronta di scarpe che il serial killer ha lasciato in un’aiuola in uno dei suoi omicidi. Durante il processo di ricerca della scarpa adatta, gli investigatori hanno scoperto che si trattava di una scarpa di marca Avia, una scarpa insolita all’epoca. Dirigendosi direttamente al produttore, hanno esaminato i fogli di calcolo in cui le scarpe sono state distribuite negli Stati Uniti e sono state prodotte solo scarpe nere di taglia 11,5 (quelle che il killer indossava). Cinque sono andati in Arizona e uno è stato venduto a Los Angeles.

Ma… una figura politica avrebbe commesso un grave errore in seguito.

4. Assalti di bambini

Sfortunatamente, Ramirez non ha risparmiato i bambini. All’inizio della sua follia omicida, una serie di bambini piccoli sono stati portati via dai loro letti, aggrediti e poi abbandonati. Uno dei sopravvissuti di 6 anni sarebbe stato fondamentale per identificare in seguito Ramirez.

In alcuni casi, aggrediva sessualmente un bambino che incontrava in casa durante un furto con scasso.

5. Simboli satanici

Night Stalker Netflix

È stato solo quando Ramirez ha lasciato un pentagramma, scritto con il rossetto sul muro e sulla gamba di una vittima, che gli investigatori hanno tracciato il collegamento con il culto satanico.

Negli anni seguenti, avrebbe lasciato più di questi pentagrammi e avrebbe anche detto alle sue vittime di “giurare su Satana” invece che su Dio.

Durante un’udienza in tribunale, ha mostrato il pentagramma e dopo essersi dichiarato non colpevole, ha detto: “Ave Satana”.

6. Quasi arrestato

Gli investigatori sono stati vicini all’arresto di Ramirez diverse volte. Una volta, tentò un rapimento ma non ci riuscì. Mentre si allontanava fu fermato per un’infrazione al codice della strada, ma la cattura non avvenne poichè fuggì.

Sul cofano della macchina rubata da lui usata era disegnato un pentagramma e al suo interno fu ritrovato un biglietto da visita per uno studio dentistico. Dopo un’indagine, i poliziotti hanno scoperto che un uomo di nome Richard Mena si era sottoposto a radiografie, e avendo un dente infetto molto probabilmente sarebbe tornato nello studio medico. Nonostante un allarme installato per allertare i poliziotti all’arrivo dell’uomo, la cattura non andò in porto.

7. L’errore di Dianne Feinstein

Quando Ramirez uccise il contabile Peter Pan nella sua casa di San Francisco nel 1985, le prove del crimine arrivarono fino all’allora sindaco Dianne Feinstein.

Nel corso di una conferenza stampa, il sindaco mostrò uno schizzo della polizia dell’assassino e descrisse le prove di tutti i casi in tutto lo stato – informazioni cruciali che non erano state rese pubbliche. Gli investigatori seppero poi che Ramirez stava guardando il telegiornale, perché disse a una vittima sopravvissuta: “Io sono il Night Stalker”.

Feinstein ha reso vane le conoscenze sul calibro della pistola, il tipo di scarpa e il fatto di aver lasciato impronte.

9. La sua infanzia

“Night Stalker: caccia a un serial killer” approfondisce anche il passato di Ramirez e l’orribile trauma che ha dovuto affrontare da bambino. Suo padre lo trattava male: lo legava a una croce in un cimitero durante la notte come forma di punizione. Suo cugino uccise sua moglie proprio di fronte a lui quando aveva 13 anni.

Più tardi, in un’intervista dal carcere, ha posto la domanda se i serial killer siano nati o allevati.

10. I suoi eroi

Quando Ramirez fu finalmente arrestato, chiamò Salerno “Mr. Salerno” in segno di rispetto, ma ha anche guardato a The Hillside Strangler, un serial killer che Salerno aveva precedentemente arrestato. “Era uno studente”, ha dichiarato Salerno nella docu-serie.

Per convincerlo a parlare, lo misero nella stessa cella di The Hillside Strangler, e lui si eccitò. Successivamente chiese a Salerno e Carrillo se avrebbero assistito alla sua esecuzione.

Daniele Romeo

13/01/2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *