Marilyn Monroe : la statua gigante a Palm Springs suscita critiche: “Non abbiamo imparato nulla?”

Marilyn Monroe : la statua gigante a Palm Springs suscita critiche: “Non abbiamo imparato nulla?”

Marilyn Monroe  cosa penserebbe della sua immagine alta 26 piedi che saluta i visitatori del Palm Springs Art Museum. Con la gonna permanentemente gonfiata da una presa d’aria sul marciapiede mentre espone la sua biancheria intima in una posa innegabilmente iconica ma piuttosto suggestiva?

Marilyn Monroe: la posa della statua sarebbe uno schiaffo in faccia

Marilyn Monroe
 

Un certo numero di residenti a Palm Springs pensa che non le piacerebbe affatto. Ma alcuni imprenditori affermano che la figura kitsch della cultura pop aiuterà ad attirare i turisti e il dibattito ha diviso la città.

La statua doveva essere installata di fronte al museo entro la fine dell’estate, ma una causa intentata dai residenti che si opponevano al posizionamento ha bloccato l’installazione. La causa si sta ancora facendo strada attraverso il sistema giudiziario, con un’altra udienza fissata per il 20 luglio.

I detrattori ritengono che una sua gigantesca statua in fibra di vetro nella famosa posa della gonna fluttuante non sia il simbolo giusto al momento giusto. Almeno non in quella posizione prominente.

“È una battaglia per l’identità di Palm Springs”, afferma Liz Armstrong, ex direttrice del museo. “Questo gigantesco fondoschiena con le mutandine è la prima cosa che vedi quando esci dal museo. E’ così irrispettoso, è uno schiaffo in faccia”.

Marilyn Monroe: la statua ha una posa troppo prominente

I  visitatori del resort nel deserto ricorderanno quando la statua è servita come sfondo per le istantanee dei turisti dal all’incrocio di Palm Canyon Drive. La statua progettata da Seward Johnson ha viaggiato in altri luoghi. Ma ora un gruppo di proprietari di hotel locali l’ha acquistata  per $ 1 milione. E vuole reinstallare la stella alta tre piani davanti al museo per almeno tre anni.

Mettere la statua di fronte al museo sarebbe in conflitto con il progetto del 1976 dell’architetto E. Stuart Williams. Dicono coloro che si oppongono, come la stilista Trina Turk. Turk ha avviato il Comitato per il trasferimento di Marilyn e ha raccolto fondi per una causa contro la città, che secondo lei ha spostato la posizione della statua da un parco meno invadente nelle vicinanze, alla parte anteriore del museo, senza l’approvazione dei residenti.

Quella che era iniziata come un’obiezione estetica da parte dei conservazionisti di mentalità architettonica della comunità ha ora sollevato anche dubbi sul fatto che la statua rappresenti un simbolo del sessismo. Una petizione chiamata #MeTooMarilyn ha raccolto quasi 50.000 firme contrarie al posizionamento.

Un simbolo di sessismo sistemico

“Tutti sapevano che la statua di Marilyn sarebbe tornata, ma quando ho scoperto che il consiglio comunale aveva fatto questo brusco cambio di posizione, abbiamo pensato, ‘stai scherzando'”, dice Turk, un membro del Palm Springs Modern Committee che possiede una boutique e dimora storica in città.

“Parte di ciò che è stato deciso era che ci sarebbe stato un corridoio panoramico, che è ciò che è Museum Way, una nuova strada per integrare il museo d’arte nel centro”, spiega Turk. “Stiamo davvero contestando il fatto che la città abbia completamente ignorato il piano del centro”.

Turk dice che non ci sono prove che Monroe sia stata scoperta al Palm Springs Racquet Club o addirittura che possedesse una casa in città come alcuni hanno affermato, rendendo la star una scelta improbabile per una mascotte. “Ammiro Marilyn Monroe come artista e icona della cultura pop, ma non credo che la statua sia la migliore rappresentazione di chi è”, dice Turk.

L’mmagine sbagliata per la città

Armstrong, ora curatore indipendente, è fermamente convinto che l’enfasi sull’immagine sessualizzata della star non trasmetta il messaggio giusto in un momento in cui i monumenti di tutto il mondo vengono rivalutati. “Abbiamo avuto un grande cambiamento culturale, è solo un vecchio stereotipo passato, non è giusto nei suoi confronti”.

La recente attenzione al significato dei monumenti pubblici ha spinto Armstrong a ripensare all’adeguatezza della statua, dice. “Non abbiamo imparato niente? Quando si erige qualcosa di alto 26 piedi, è meglio essere sicuri di ciò che rappresenta. Questo è un promemoria del sessismo sistemico”.

Sebbene molti amanti dell’arte e dell’architettura locali non pensino che la statua sia un buon ambasciatore per la città, sono rassegnati all’idea che alcuni proprietari di hotel e negozi insistono sul fatto che sarà un’attrazione per i visitatori, purché non sia di fronte del museo.

“È molto diverso nel parco perché non hai il didietro in faccia a qualcuno, forse è un po’ kitsch e divertente. Riguarda la nostalgia di Hollywood, ma più da un punto di vista maschile”, afferma Armstrong. “È un monumentale ritorno al passato in una città nota per l’arte, l’architettura e una cultura progressista”, sostiene Armstrong.

Maria Bruna Moliterni

31 05 2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *