Mads Mikkelsen e il regista Anders Thomas Jensen su “Riders of Justice”

Mads Mikkelsen e il regista Anders Thomas Jensen su “Riders of Justice”

Dal regista Anders Thomas Jensen, uno dei registi più rinomati della Danimarca, il dramedy danese d’azione dark “Riders of Justice” segue Markus (Mads Mikkelsen), un uomo costretto a tornare a casa da un recente schieramento per prendersi cura della figlia adolescente (Andrea Heick Gadeberg) dopo che sua moglie muore in un tragico incidente ferroviario. Quando un sopravvissuto al naufragio si presenta sostenendo un gioco scorretto, Markus decide di trovare i responsabili di aver trasformato sua moglie in una vittima casuale.

Mads Mikkelsen parla anche dei suoi prossimi ruoli in “Indiana Jones 5” e “Animali fantastici 3”

Mads Mikkelsen

Durante la video intervista con Collider, l’attore Mads Mikkelsen e il regista Anders Thomas Jensen hanno parlato del lavorare insieme, di quanto l’umorismo sia importante e del loro desiderio di collaborare di nuovo. Mikkelsen ha anche parlato del motivo per cui voleva far parte del prossimo film di Indiana Jones, e del ruolo di Grindelwald in Animali fantastici 3.

Collider: Mi piace non sapere dove stava andando e non ero nemmeno del tutto sicuro di quale genere fosse, ma le dinamiche relazionali sono così diverse e interessanti.

MADS MIKKELSEN: Sono d’accordo.

ANDERS THOMAS JENSEN: Sono contento che ti sia piaciuto. Non è sempre così. Esistono due tipi di cinema: quelli in cui ottieni esattamente ciò che ti aspetti e quelli in cui sei sorpreso. Entrambi stanno benissimo, ma mi piace decisamente il secondo, me stesso.

Questo film vi riunisce di nuovo. Qual è stata la tua prima esperienza lavorativa e collaborativa insieme, e come si è confrontata questa volta? Cambia più lavori con qualcuno?

MADS MIKKELSEN: Abbiamo fatto cinque film insieme. Penso che sia cambiato nel senso che siamo cambiati e siamo diventati più vecchi. La quantità di entusiasmo e di idee e di chiamarsi a vicenda nel cuore della notte non è cambiata. È più o meno lo stesso. Tendo a sentirmi piuttosto giovane quando faccio film con Anders Thomas, e poi molto vecchio quando finiamo.

JENSEN: Sono totalmente d’accordo con tutto quello che dice l’uomo. È così. Per me, sono sempre felice quando sento di essere anche nervoso. Come sceneggiatore, non sono sempre nervoso, come quando ero giovane. Ma quando dirigo film con Mads e gli altri ragazzi, è una bella sensazione preoccuparsene davvero. Quando sei lì e ti innervosisci, sai che stai facendo quello che dovresti fare.

L’umorismo era qualcosa che hai sempre voluto nella storia o l’umorismo ti ha sorpreso? Perché pensi che l’umorismo sia importante quando si tratta di raccontare una storia come questa?

JENSEN: Mi sento allo stesso modo nella vita, non potrei mai fare amicizia con una persona che non ha umorismo. Per me è impensabile. L’umorismo fa parte della vita. Quando accadono cose brutte e cala l’oscurità, l’umorismo è, comunque, per me una parte fondamentale della sopravvivenza. Quando racconti queste storie oscure, ovviamente, deve essere lì. Mads normalmente dice che potresti mantenerlo drammatico e un po ‘pretenzioso, ma quando hai a che fare con questi grandi temi, non potrei immaginare che questi temi si presentino senza un umorismo e un po’ di zucchero sul cucchiaio. Sarebbe, prima di tutto, forse più banale, ma anche io non credo che potrei guardarlo, tanto meno scriverlo o farlo. L’umorismo è tutto per me.

MADS MIKKELSEN: Se lo prendi per valore nominale e le persone sono consapevoli dei propri problemi, allora ci sarà molto dialogo in cui tocchiamo le difficoltà della vita. Ciò può risultare non drammatico e banale. Ma se rimani con personaggi che non sono affatto unidimensionali, ma hanno alcune caratteristiche molto forti, allora puoi avere personaggi che non fanno queste domande, ma ci stanno solo vivendo. Noi, come pubblico, abbiamo la possibilità di urlargli contro e dire: “Guardati allo specchio!” Penso che a volte sia più drammatico.

Ti è sembrato quasi di girare film diversi, a seconda del giorno, se stavi girando questa relazione padre-figlia, o stavi girando queste scene stranamente molto violente, o avevi questo gruppo di ragazzi davvero eclettici insieme?

JENSEN: Lo fa sempre. Il primo film che abbiamo fatto insieme, Flickering Lights, contiene tutti i generi. Allora, l’ho fatto apposta perché non ero sicuro se mi sarebbe mai stato permesso di fare un altro film, quindi volevo provare a fare almeno una scena occidentale e una scena d’azione. Ci sono giorni in cui pensi: “Che cazzo stiamo facendo? Questo non rimarrà mai insieme. ” In questo, abbiamo avuto queste scene drammatiche totalmente naturalistiche, e poi abbiamo avuto l’azione. È divertente alzarsi la mattina e vedere cosa avremmo fatto quel giorno.

Mads, mi piace che tu possa passare dall’interpretare un personaggio come Hannibal a un film come questo, e poi è stato annunciato che farai parte di Indiana Jones. Qual è stata la tua reazione quando si è presentata come una possibilità essere parte di qualcosa di iconico come Indiana Jones? Eri un fan di quei film? Era qualcosa di cui eri entusiasta?

MADS MIKKELSEN: “Sono molto, molto entusiasta. Poiché sono seduto qui, so per certo che è stato il film a far sì che [Anders Thomas] volesse diventare un regista. L’altro giorno ho rivisto I predoni dell’arca perduta. È così ben fatto e così affascinante, ed è una narrazione così fantastica. Ovviamente è un grande onore far parte di quel franchise con cui sono cresciuto.

Mads Mikkelsona hai letto la sceneggiatura prima di dire di sì?

MIKKELSEN: Ho letto la sceneggiatura. Sono in una posizione fortunata in cui mi hanno fatto leggere la sceneggiatura prima. E sì, era tutto quello che volevo che fosse, quindi è stato semplicemente fantastico.

Quando fai qualcosa del genere, ti senti come se riuscissi a rendere tuo il personaggio, proprio come fai con un film come questo, o l’approccio è diverso?

MIKKELSEN: Sì, penso di essere stato invitato a creare un personaggio. Penso che tutti lo vogliano. Ecco perché scelgono alcuni attori che pensano possano inventare certe cose, e sarà una collaborazione come sempre. Abbastanza interessante, un po ‘come Riders of Justice, c’è sempre un mix di generi in Indiana Jones. C’è qualcosa che è un po ‘più grande della vita, quasi agli anni ’30 con un tipo di sensazione alla Peter Lorre, e poi c’è Indiana Jones che è un uomo etero. Produce un sacco di cose divertenti e interessanti, ma ci sono diversi generi di personaggi in alcuni di quei film. È interessante cercare di trovare quell’equilibrio.

Mads Mikkelson puoi dire qualcosa sul personaggio che stai interpretando in questo?

MADS MIKKELSEN: Posso sicuramente farlo, ma poi domani mi troverai in un lago con dei blocchi di cemento ai piedi.

Avendo fatto alcuni film insieme adesso, speri di collaborare di nuovo? È qualcosa di cui parli o succede quando succede?

JENSEN: Ho chiuso con lui. No. Ci vuole sempre un po ‘di tempo perché normalmente lavoro come sceneggiatore. Questa è la mia professione principale e, una volta ogni tanto, dirigo il film. Una volta che ho qualcosa che è leggibile, cerco di inviarglielo e vedere se è ancora disponibile o se d’ora in poi farà solo Indiana Jones.

MIKKELSEN: È una cosa interessante perché abbiamo toccato personaggi molto diversi ora nel nostro rapporto di lavoro. Non importa cosa, ci sarà sempre una piccola parte di me nel personaggio. Molti scrittori immaginano qualcuno quando scrive per loro, quindi per favore fallo di nuovo.

JENSEN: Quando i registi usano gli stessi attori, capiscono: “Perché non lo fai per altre persone?”, Ma non lo senti mai con una rock band. Possono suonare solo per 30 anni e nessuno dice: “Perché è ancora dentro?” Hanno nuovi batteristi perché muoiono sempre in piscina, ad un certo punto. C’è una convenzione secondo cui devi cambiare i tuoi attori, ma io la vedo diversamente, specialmente quando hai un attore dotato come Mads. Non abbiamo ancora fatto uno psicopatico completo, quindi potremmo volerlo fare.

MIKKELSEN: O un dramma completo. Abbiamo molti anni davanti a noi.

Mads Mikkelsen, la tua carriera è davvero ovunque, con il tipo di ruoli che interpreti, la dimensione dei film, che fai e fai film in diverse lingue. È qualcosa che è importante per te o stai semplicemente andando dove si trova il lavoro?

MIKKELSEN: È un equilibrio di cui sono davvero, davvero soddisfatto. Penso che tutti gli attori direbbero: “Sì, lo adorerei”. È un equilibrio perfetto per me, ma sfortunatamente non è sempre così per tutti. Forse è una necessità per me lavorare in Danimarca almeno una volta ogni tanto perché è la mia lingua madre, è la mia storia, sono i miei amici ed è una sensazione diversa. Se questo può andare avanti, avanti e indietro per sempre, sono super felice.

JENSEN: Mads sceglie il personaggio e la storia. È così coinvolto nella storia, sempre. Sa esattamente cosa vuole fare e quali personaggi trova interessanti. E poi, atterrerà in diversi paesi e in diversi film.

MIKKELSEN: È vero. La storia è la parte più importante, poi arriva il personaggio e poi le persone intorno a te. Devi essere in grado di comunicare con il tuo regista in qualche modo, a un certo livello, dove sai che sarà fruttuoso.

Anders, come regista, cosa c’è di Mads in questo e cosa porta, come attore, che ti fa venir voglia di continuare a lavorare con lui? Lo hai in testa quando scrivi certi personaggi?

JENSEN: Prima di tutto, non mi piace davvero la frase “ce l’ho in testa” perché non mi piace l’idea.

MADS MIKKELSEN: È un punto migliore che in qualsiasi altra parte del tuo corpo.

JENSEN: Mi piace lavorare con le stesse persone ed è una cosa continua. Costruiamo su personaggi che abbiamo fatto prima. Ci sono molte cose che faccio in cui non avrei il coraggio di avventurarmi senza sapere che non avevo solo Mads, ma questo gruppo di attori intorno a me. Direi che anche io sono ispirato da lui. È un bravo attore. Odio farlo mentre è qui.

MADS MIKKELSEN: Sta soffrendo così tanto, puoi dirlo. Avanti, fallo uscire.

JENSEN: Mads è l’attore perfetto. Si assume la responsabilità dell’intero film. È molto fisico. Può vedere la fine di un altro round. Fa piangere la gente ballando. Non molte persone possono farlo.

Questo personaggio non è solo l’uomo etero in questa storia, ma è davvero l’uomo molto stoico in questa storia. È stata mai una sfida giocarci, specialmente con così tante altre cose stravaganti che accadono?

MIKKELSEN: No, non direi la parola stoico. Penso che qualcosa stia implodendo o esplodendo all’interno di questo personaggio, sin dall’inizio, e questo è molto diverso dallo stoico. Stoic sta quasi andando oltre la tua testa, ma non è il caso di lui. Qualcosa sta bollendo. Per questo motivo, penso che sia stato un gioco da uomo etero più facile di un altro che è sempre confuso su ciò che sta accadendo. Questo ragazzo, il mio personaggio, poteva accettare la follia per un po ‘, ma l’avrebbe tagliata perché era in missione. In generale, penso che avremmo affrontato la cosa in modo diverso, Anders Thomas e io, e avremmo trovato alcune altre crepe nelle scene nella prima ora, se non avessimo avuto la scena nel bagno dove si rompe completamente e diventa un bambino piccolo che è indifeso. Se non avessimo avuto quella scena, avremmo fatto cose diverse con il personaggio nel corso del film, ma dato che ce l’avevamo, avremmo potuto seguire il suo percorso. Quella era una scena chiave per il personaggio.

Mads Mikkelsen, com’è stato vivere un’esperienza facendo qualcosa come Animali fantastici, in cui sei entrato in un ruolo che era già stato originariamente interpretato da qualcun altro? È un approccio diverso per te, come attore, capire come rendere tuo quel personaggio, o stai cercando di capire come costruire su ciò che è già stato fatto?

MIKKELSEN: A nessuno interessa che io vada lì e provi a copiare qualcosa. Sarebbe un suicidio creativo immediato, soprattutto quando è stato fatto prima e magistralmente. Quindi, tutti si aspettano che troviamo una strada diversa. Detto questo, abbiamo bisogno di un ponte tra quello che ha fatto e quello che farò io, quindi quei ponti, dovete trovarli insieme, sia che si tratti di un certo aspetto, sia che si tratti di un certo atteggiamento in certe situazioni, ma dovete farlo è tuo. Qualsiasi altra cosa sarebbe chiaramente solo creativamente stupida.

Che cosa ti ha spinto a fare una cosa del genere, visto che sembra un’opportunità che non si presenta molto spesso?

MIKKELSEN: Sono un grande fan dell’universo di Potter. È un genere che non tocchi nella mia parte del mondo. Non puoi farla franca in termini di budget in Danimarca. Quindi, ovviamente, quando mi è capitato, è stata un’opportunità fantastica.

Considerando quanti cattivi hai interpretato, sei più cauto prima di farne un altro? C’è qualcosa che devi vedere in un personaggio per farlo sentire fresco e nuovo per te?

MIKKELSEN: Beh, deve essere fresco e nuovo, o solo una leggera angolazione. Ci sono molte cose diverse che puoi fare nella tua vita. Qualcuno ha detto che ci sono solo sette storie nella storia, e così è con i personaggi. In qualche modo ti sovrapponi sempre. Il genere potrebbe essere diverso, quindi l’approccio sarà leggermente diverso. Non mi interessa affatto. . . Sarei preoccupato se non lavorassi affatto, quindi sono davvero grato che stia succedendo.

Anders, cosa ispira le storie per te? Da dove trai ispirazione? Viene da ogni parte?

JENSEN: Sì. Il più delle volte, in realtà proviene da un personaggio. Sarà un personaggio. Sempre di più, sta diventando temi. Per molti scrittori, dove tutto inizia è con un tema che vuoi esplorare, e sicuramente c’era con questa storia. Sono molto inconsapevole di quello che faccio. Cerco solo di andare d’accordo con quello che mi sembra giusto nel giorno. Scrivo molto e all’improvviso c’è qualcosa che voglio esplorare ulteriormente, ea volte si trasforma in qualcosa.

MIKKELSEN: È un modo umile per rispondere a questa domanda. Hai familiarità con il Gary Larson che fa Far Side? Penso che Anders Thomas abbia lo stesso approccio alla vita. C’è una certa assurdità nella vita che Anders Thomas vede costantemente, spesso dove il resto di noi non la vede. Non l’ha inserito nella sua risposta, ma lo farò, penso che sia un motore molto importante di tutto, di tutte le storie che ci sta raccontando.

Sei una persona che scrive tutto il tempo, e solo a volte quelle cose finiscono e fai un film?

JENSEN: Ho molti progetti e scrivo molto rispetto ad altri scrittori che conosco. Non sono nemmeno gli script. Farò una scena o esplorerò semplicemente un personaggio. Ad esempio, sono affascinato dalle persone che mentono a se stesse. Se prendo una multa per il parcheggio, per sfogare la rabbia, andrò a casa e scriverò una scena su quel ragazzo e cercherò di spiegare perché il ragazzo che mi ha dato il biglietto è come lui. Mi piace scrivere. Ci sono momenti per l’ispirazione, e poi quando hai abbastanza cose, puoi sentire di averne abbastanza. Quando ho un tema e l’inizio di alcuni personaggi, allora sono molto strutturato e mi siederò e proverò a scrivere una sceneggiatura.

Quando sai che è qualcosa che vuoi effettivamente dirigere?

JENSEN: Molto presto, direi. Ai vecchi tempi, dicevo che è perché nessun altro vuole fare queste storie, dovevo dirigerle io stesso. Ci sono solo alcuni temi che mi parlano di più. Ho avuto storie, come In a Better World, in cui ero a metà quando ho deciso che non l’avrei fatto da solo e ho scoperto che non c’era assolutamente nessuna commedia, quindi ho collaborato con Susanne Bier e ho finito esso. La cosa buona della mia vita e di questo lavoro è che fino ad ora non è stato lo stesso, due volte. Pochissime persone possono dire questo del loro lavoro. È nuovo ogni volta.

“Riders of Justice” è ora nelle sale cinematografiche.

Maria Bruna Moliterni

25 ⁄ 05 ⁄ 2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *