L’amore criminale

L'amore criminale - Recensione: un film visto e rivisto

L'amore criminale

Una delle tante storie che ha al centro un rapporto amoroso contrastante in cui lui picchia lei, quest'ultima quando finalmente pensa di aver trovato la felicità e il rispetto meritati da un altro uomo, all'improvviso ritorna l'ex. "L'amore criminale" riporta alla luce questo racconto con molta cura, ma senza innovazione e sotto forma di thriller.

A movimentare la trama scontata ma fluida è la psicopatica barbie che riesce a progettare un diabolico piano che solo una donna pazza di gelosia e amore può tirare su. L'interpretazione migliore, quella di Katherine Heigl che coinvolge lo spettatore tanto da farsi odiare per gli atti crudeli che è portata a fare.

Insieme a Rosario Dawson, che qui interpreta Julia, un personaggio che porta con sé un carico enorme di traumi e sofferenze, la Heigl entra molto bene nella sua parte, entrambe facendo credere nelle loro ostilità nonostante la familiarità del film proposto.

L'amore criminale: mix di azione e divertimento

Pellicola d'esordio per la neo cineasta Denise Di Novi, "L'amore criminale" è un film godibile per l'alta tensione che riesce a generare scena dopo scena. A deludere è lo svolgimento dell'intreccio che praticamente nel giro di 3 minuti si risolve, per un'attesa che è stata anche abbastanza lunga.

Le interpretazioni dei personaggi, invece, molto elaborate: i più difficili di tutti quelli della Dawson e Heigl, rispettivamente Julia e Tessa che riescono a rendere questo thriller (a tratti anche divertente) più convincente arricchendolo anche di azione.

Particolarmente bella la colonna sonora formata da canzoni pop e molto moderne, adatte e perfettamente in simbiosi con la scena in cui vengono inserite, per una trama semplice, con pochi colpi di scena: scelta intelligente, questa, per evitare di appesantire la narrazione più e più volte rivisitata.

Roberta Perillo

  • Titolo originale: Unforgettable
  • Regia: Denise Di Novi
  • Cast: Rosario Dawson, Katherine Heigl, Cheryl Ladd, Whitney Cummings, Geoff Stults.
  • Genere: Thriller, Colore
  • Durata: 100 minuti
  • Produzione: USA, 2017
  • Distribuzione: Warner Bros Italia
  • Data di uscita: 27 Aprile 2017

L'amore criminale loc originale"L'amore criminale" è un thriller basato sulla gelosia, sul passato, sul timore. Le protagoniste sono due donne, una ex moglie e una compagna attuale di un uomo conteso. La ex, Tessa, non accetta che David, padre di sua figlia, viva una vita felice insieme ad una nuova donna, Julia; al contrario della bambina che ha instaurato un buon rapporto con la lei.

Tessa concepisce Julia come una minaccia, che le sta portando via la propria vita o, meglio, che si è appropriata della vita che lei desidererebbe, ma che il divorzio le ha negato. Il suo compito diventa così tormentarla. Da parte sua, però, Julia ha delle debolezze, oltre ad una trauma subito precedentemente, si sente inferiore a Tessa, donna dalla classica bellezza da femme fatale, che mina la sua autostima.

L'amore criminale: quando il passato torna a tormentare

Due donne in contrasto, che si sfidano per un uomo, che definiremmo "molle" dal punto di vista caratteriale, interpretate da due fantastiche attrici di opposta bellezza: Rosario Dawson, che ha recitato accanto a Will Smith in "Sette Anime", e Katherine Heigl, nota al pubblico come la dottoressa Izzie Stevens in "Grey's Anatomy". Il lui della situazione è il classico ragazzo americano, in questo caso un quarterback cresciuto, che ha il volto di Geoff Stults, marito di Lucy Camden in "Settimo cielo". Il tema principale è un topos letterario e cinematografico, il ritorno dell'ex, che tormenta la coppia.

"L'amore criminale" è tutto al femminile, infatti è messo in scena da tre donne: la regista esordiente Denise Di Novi, che finora ha svolto nel cinema il ruolo di produttrice per Tim Burton in grandi pellicole, come "Edward Mani di Forbice", "Batman Returns", "The Nightmare Before Christmas"; le sceneggiatrici David Leslie Johnson ("Orphan"La furia dei titani", "The Walking Dead") e Christina Hodson ("Shut In").

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *