Hollywood e Covid: raggiunto l’accordo per il ritorno al lavoro

L’industria cinematografica di hollywood ha appena eliminato un grave ostacolo nel suo tentativo di tornare al lavoro.

Hollywood: un documento di 36 pagine per l’era COVID

Hollywood e Covid

Dopo mesi di negoziazioni, lunedì i più importanti studios e i sindacati di Hollywood hanno finalmente raggiunto un accordo su una serie di questioni persistenti relative ai protocolli di ripresa tenendo in considerazione il COVID-19. L’accordo è stato raggiunto da AMPTP, Directors Guild, SAG-AFTRA, IATSE, Teamsters e Basic Crafts, che da giugno stavano negoziando sui dettagli del contratto, un documento di 36 pagine diffuso il 12 giugno dai sindacati.

L’AMPTP, che rappresenta i principali studi, e le migliori corporazioni del settore hanno lottato per concordare alcuni aspetti dei protocolli di sicurezza sul set e altre questioni contrattuali relative al coronavirus da giugno. Si diceva che le questioni più spinose ruotassero attorno alla frequenza e al tipo di test antivirus, alla dimensione dell’equipaggio, ai limiti di giornata lavorativa, al ruolo dei manager COVID-19 sul set e al risarcimento in caso di malattia.

Per quanto riguarda la questione della retribuzione, i sindacati premevano sul fatto che i membri infettati dal virus debbano comunque essere pagati per il tempo in cui avrebbero lavorato, mentre gli studi volevano ridurre al minimo i costi, poiché la loro spesa di produzione è già molto alta proprio a causa del COVID. Gli addetti ai lavori aggiungono che un altro problema difficile da risolvere sono stati i test: sia la determinazione del tipo di test che la frequenza con cui dovrebbero essere controllati il ​​cast e i membri della troupe.

Le linee guida

Le linee guida recentemente concordate delineano i regimi di test per le produzioni di Hollywood, i requisiti di formazione in materia di salute e sicurezza, congedo per malattia retribuito, DPI necessari, tra le altre questioni molto discusse. Il contratto estensivo spiega anche parte di ciò che è stato concordato in modo non ufficiale negli ultimi mesi. Ad esempio, ora i pasti e gli spuntini devono essere serviti in porzioni confezionate singolarmente, cosa che le produzioni già avviate hanno già fatto.

“Sebbene questo processo non sia stato facile, una collaborazione inter-sindacale senza precedenti e una solidarietà incrollabile hanno permesso ai nostri sindacati di ottenere una forte protezione COVID-19 che si tradurrà in luoghi di lavoro tangibilmente più sicuri”, ha affermato Matthew D. Loeb, presidente internazionale di IATSE.

Gabrielle Carteris, presidente di SAG-AFTRA, ha aggiunto: “I membri di SAG-AFTRA, insieme ai loro colleghi in altri sindacati di intrattenimento, sono ansiosi di tornare al lavoro, ma la sicurezza deve essere la massima priorità. Questo accordo stabilisce protocolli ragionevoli e basati sulla scienza che consentono ai membri di tornare a fare il lavoro che amano mentre gestiscono il rischio. Sono grato ai nostri sindacati gemelli, che si sono uniti durante questa crisi prolungata, così come agli studi per aver collaborato su questa importante questione “.

Riportare tutti in sicurezza sui set e tornare a raccontare storie in questi tempi difficili è stato fondamentale per tutti noi”, ha detto Thomas Schlamme, presidente della DGA. “Per superare le sfide poste dal nostro lavoro unico, abbiamo collaborato con i nostri amici presso SAG-AFTRA, IATSE e Teamsters, insieme ai Produttori, per sviluppare una serie completa di standard che consentano la ripresa della produzione riducendo al minimo il rischio che noi, le nostre famiglie e le nostre comunità affrontiamo durante questa pandemia. È stato un viaggio lungo e complicato, e niente di tutto ciò sarebbe stato possibile senza la collaborazione e la solidarietà delle nostre associazioni e sindacati sorelle “.

Carol Lombardini, presidente dell’AMPTP, ha aggiunto: “La salute e la sicurezza di chi lavora nel settore del cinema e della televisione è e rimane la nostra massima priorità. Per garantire che i datori di lavoro siano in grado di fornire un luogo di lavoro sicuro e salutare, il settore – inclusi rappresentanti di Amazon, Apple, CBS, Disney, HBO Max, NBC Universal, Netflix, Paramount, Sony e Warner Bros. – ha intrapreso quattro mesi di dialogo ponderato e negoziati significativi con il comitato di contrattazione multi-sindacale. Siamo lieti di annunciare che questo processo oggi è culminato in un accordo su base scientifica tra i datori di lavoro e il comitato multi-sindacale sui protocolli di ritorno al lavoro da utilizzare nell’era del coronavirus “.

Alcune fonti dichiarano che i lunghi colloqui hanno spinto alcuni dei principali studi, tra cui Warner Bros. e le divisioni televisive della Universal, a respingere i piani di ripresa. Nonostante il blocco, diversi progetti sono stati in grado di andare avanti con la produzione ottenendo l’approvazione caso per caso.

Tuttavia, alcuni addetti ai lavori che sono stati di recente sui set affermano che le incongruenze tra le produzioni e gli studi sono molte e che l’industria potrebbe trarre vantaggio da un maggiore consenso. Certamente, concludere questi negoziati è un passo nella giusta direzione.

22/09/2020

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *