Elliot Page firma un accordo con l’UCP di Universal

Elliot Page firma un accordo con l’UCP di Universal

Elliot Page, la star di “Umbrella Academy”, stringe un nuovo accordo per creare nuovi entusiasmanti progetti. Nell’accordo ci sono anche Tanya Saracho, Christina Ham, Soo Hugh e Patrick MacManus.

Elliot Page produrrà contenuti per la UCP

Elliot Page

Elliot Page, il regista, produttore, attore nominato all’Oscar e star del film drammatico di successo di Netflix “Umbrella Academy” ha firmato un accordo con UCP, una divisione di Universal Studio Group, dandogli la possibilità di produrre per tutte le piattaforme.

Il presidente dell’UCP Beatrice Springborn ha dichiarato al momento della stipula del contratto: “Elliot Page è un attore di cambiamento nel cinema e in televisione e adoriamo collaborare con lui in “The Umbrella Academy”. Lui, e tutti noi dell’UCP, difendiamo le tante e variegate voci e storie dei transgender e di altre sottorappresentate nei media. Siamo entusiasti che questa partnership amplificherà il lavoro di Elliot attraverso progetti entusiasmanti che attraversano i generi e riflettono esperienze distinte e diverse.”

Le parole di Page dopo l’accordo

Elliot Page

In questo momento, Page recita nella terza stagione di “Umbrella Academy” , ma questo cementa il suo rapporto con lo studio dietro lo spettacolo. “Ho sempre avuto grandi esperienze di lavoro con UCP”, ha detto in una dichiarazione esprimendo il suo entusiasmo per la partnership. “Beatrice e il resto del team dirigenziale sostengono il mio desiderio di raccontare storie avvincenti e autentiche da prospettive storicamente emarginate, storie di cui c’è un disperato bisogno in questo momento. Sono onorato di continuare il mio rapporto con l’UCP in questa veste.Non vedo l’ora di mettermi al lavoro.”

Da “Juno” a portavoce dei diritti LGBTQ+

Michael Cera in Juno

A 34 anni, Page è un artista di grande successo, ottenendo riconoscimenti per la sua capacità di recitazione in “Umbrella Academy” , “Juno” e “Inception”. Nel 2019 ha anche diretto e prodotto il suo primo film “There’s Something in the Water”, un documentario che mette in evidenza il razzismo ambientale a cui sono soggette le comunità di minoranza in Nuova Scozia. Ha spesso usato la sua piattaforma per scopi di giustizia sociale, apparendo in una miriade di documentari incentrati sulla società.

Essendo diventato un uomo transgender nel 2020, Page è un frequente portavoce dei diritti LGBTQ+ e ha spesso sostenuto la depenalizzazione dell’assistenza sanitaria trans e la fine della violenza trans. È apparso sulla copertina di Time Magazine a marzo, diventando il primo uomo apertamente trans a farlo da solo. Per celebrare i suoi successi, è stato anche premiato all’annuale Outfest LGBTQ Film Festival nel 2021.

Francesca Reale

02/09/2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *