Connie Nielsen sul set de “L’avvocato del diavolo”

Connie Nielsen sul set de “L’avvocato del diavolo”

Il film di Taylor Hackford del 1997 ha segnato il primo grande ruolo di Nielsen dopo essersi trasferita negli Stati Uniti.

Connie Nielsen e l’incontro con Al Pacino

Connie Nielsen

Con Justice League di Zack Snyder ora disponibile su HBO Max e Nobody in arrivo nelle sale il 26 marzo, ci sono un sacco di titoli nella sua filmografia.  Tra questi il vincitore come miglior film, Il Gladiatore, e il suo debutto in un franchise cinematografico DC, Wonder Woman.  Ma il merito di aver contribuito in modo significativo a far partire la sua carriera negli Stati Uniti è da attribuire a “L’avvocato del diavolo”.

Il film è interpretato da Keanu Reeves nei panni di Kevin Lomax, un avvocato difensore eccezionale che lavora in Florida, attirato a New York da John Milton (Al Pacino), il numero uno di uno studio legale estremamente ricco. Oscurato dall’opulenza e dalla stravaganza del collega, Kevin ignora gli avvertimenti di sua moglie (Charlize Theron) che qualcosa non va nello studio, che rischia molto più di quanto sa, seguendo gli ordini di Milton.

Nielsen si è trasferita negli Stati Uniti nel 1996 e pur avendo ricevuto alcune offerte solide subito, è andata oltre fino a quando non ha trovato la soluzione giusta, e quella giusta misura è finita per essere il ruolo di Christabella in “L’avvocato del diavolo”: “Ho adorato totalmente quella sceneggiatura. Ho amato la tortuosità e l’umorismo oscuro. E [il regista Taylor Hackford] ha visto cosa avrei potuto fare con quel ruolo”. A quel punto, Nielsen ha avuto una buona dose di esperienza sullo schermo, ma lavorare con qualcuno come Al Pacino può scuotere i nervi. Invece si scopre che è stato Pacino a metterla a suo agio. Ecco come l’ha spiegato.

Il primo passo verso Hollywood

 Un mese e mezzo dopo l’atterraggio a JFK con mio figlio e il nostro gatto ero sul set appena fuori dalla Fifth Avenue. Entrando in una roulotte e sedendomi su una sedia mi sono resa conto che  Al Pacino era seduto sulla sedia accanto a me.  Si volta verso di me e io comincio letteralmente a tremare. Ero una sua grande  fan e lui era un’icona della recitazione metodica, per questo pensavo ‘Oh mio Dio, morirò oggi perché si renderanno conto che non sono preparata e non so recitare. E invece si rivolge a me e dice: “Christabella”, che era il nome del mio personaggio, “Ho visto la tua audizione. Sei fantastica. Non vedo l’ora di fare la nostra scena insieme oggi.” Allora mi sono rincuorata.

“E così sono andata lassù e ho interpretato questa misteriosa persona super sicura di sé, ovviamente non lo ero, ma sono entrata lì con tutto il mistero del mondo e tutta l’eccessiva sicurezza. Ero letteralmente in piedi su questa incredibile terrazza che si affaccia sulla Fifth Avenue. È stata una ripresa da 2 milioni di dollari del film, hanno illuminato l’intero Central Park. Abbiamo girato la scena e poi mi è stato detto che non si poteva usare perché l’F-stop era troppo basso sulla fotografia. “

A parte il singhiozzo della produzione, Nielsen ha interpretato il ruolo dall’inizio alla fine, rendendo “L’avvocato del diavolo” uno dei primi passi compiuti per il percorso verso Hollywood.

Maria Bruna Moliterni

22 ⁄ 03 ⁄ 2021

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *