Andrea Camilleri è morto: addio al papà di Montalbano

Ci ha lasciato oggi a 93 anni il grande scrittore e regista teatrale siciliano Andrea Camilleri. Era stato colpito da un grave attacco cardiaco lo scorso 17 giugno.

Andrea Camilleri uomo di cultura a tuttotondo

Camilleri Andrea

Andrea Camilleri è diventato noto al grande pubblico televisivo per il grande successo ottenuto con il personaggio Montalbano interpretato magistralmente da Luca Zingaretti. Il commissario creato dall’estro dello scrittore è un uomo di legge molto particolare che opera spesso e volentieri fuori dalle regole ed è intollerante alle rigidità del protocollo. La sua squadra è la sua famiglia e ha accanto da sempre la bella Livia, con cui non ha alcuna voglia di sposarsi.

L’inventore di questo protagonista cult era nato a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento il 6 settembre 1925 e proveniva da una famiglia agiata. Non riuscì mai a laurearsi in lettere, benché iscritto all’Università di Palermo. Si formò inoltre all’Accademia d’Arte Drammatica Silvio d’Amico anche se pochi conoscono la sua attività come regista teatrale.

Dal teatro alla scrittura

Fu lui a portare in Italia le opere di Samuel Beckett nel lontano 1958 a Roma quando mise in scena “Finale di partita” al Teatro dei Satiri. Il debutto di Camilleri nella scrittura risale al 1978, con scarso successo. A dargli la spinta per avere successo fu poi il suo sodalizio con l’editrice siciliana Elvia Sellerio. Nacque così la sua lingua personale, un intrigante mix di dialetto siciliano e italiano, entrato oramai nell’immaginario collettivo di tutti noi e tradotto in diverse lingue.

Dal 1993 il maestro è entrato nelle case di tutto il mondo prima con i suoi libri e dopo con la trasposizione delle avventure del suo Montalbano per la TV, in onda su Rai1 e venduta in molti paesi.

Camilleri era diventato cieco da tempo eppure questo non gli impediva di lavorare e scrivere libri fino alla fine. Con la sua voce rauca e l’eterna sigaretta in bocca era diventato uno di famiglia per tutti.

Andrea Camilleri e la politica: un messaggio di libertà per tutti noi

Il maestro era da sempre attento ai temi politici, che disseminava qua e là nei suoi testi, basti ricordare che in uno degli ultimi episodi di Montalbano trasmessi recentemente era presente in primo piano il tema dei migranti non accolti in Italia a causa dei porti chiusi da Salvini.

Camilleri, inoltre, era stato ospite del Teatro Valle occupato di Roma, di cui aveva perorato la causa. Lo scrittore aveva lanciato un allarme sui pericoli che il nostro paese corre per il clima d’odio che domina. Lo stesso Salvini ha oggi scritto un Tweet sulla sua scomparsa, accolto non bene da molti, visto che in vita lo scrittore era stato spesso oggetto di scherno da parte sua.

Lorenzo Buellis

17/07/2019

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *