Quando Tony Soprano incontrò LeBron James

Quando Tony Soprano incontrò LeBron James

Un cortometraggio inedito racconta l’incontro tra James Gandolfini Aka Tony Soprano e il nastro nascente della NBA LeBron James.

Tony Soprano reclutato dalla NBA

LeBron James

 

Prima che LeBron James scegliesse di unirsi ai Miami Heat e formare una super squadra nel Sunshine State, non aveva alcun agente che lo rappresentasse nella National Basketball Association. 
In quanto tale, le squadre hanno fatto tutto il possibile per aggiudicarsi il suo talento. I New York Knicks, ad esempio, reclutarono James Gandolfini ed Edie Falco per riprendere i loro ruoli di Tony Soprano e la moglie Carmela in un cortometraggio progettato per fare appello a James.

L’esistenza del corto è stata rivelata sul podcast del rapper Chuck D, “Shattered: Hope, Heartbreak and the New York Knicks”. Il corto è stato girato nel 2010, tre anni dopo la fine dell’acclamata serie HBO , “I Soprano”, e tre anni prima che James Gandolfini morisse inaspettatamente nel giugno 2013. La serie si è conclusa in modo ambiguo: in un momento di alta tensione, all’interno di una tavola calda la scena diventa improvvisamente nera. Il finale perciò ha lasciato gli spettatori con l’interrogativo riguardo il destino di Tony Soprano.

Edie Falco racconta il cortometraggio con LeBron James

Tony e Carmela Soprano

Il video di LeBron è stato girato nell’appartamento di James Gandolfini a New York. Jonathan Hock, che ha diretto diversi documentari di ESPN, “30 For 30”, ha curato il corto di 10 minuti. Le guest star includevano Donald Trump, Robert De Niro e il super fan dei Knicks Spike Lee. La premessa del video era che Tony Soprano non fosse morto alla tavola calda come accennato dallo show televisivo, ma in realtà era nel programma di protezione dei testimoni e si presentava con una folta barba. “Era lì, vestito da Tony … doveva essere un fan di basket più grande di quanto pensassi“, ha detto Falco.

Non potevo credere che non funzionasse“, ha detto Edie Falco, parlando al podcast. “Non tanto a causa dei Soprano. Ho solo pensato, è New York. Come si fa a dire di no a New York, per l’amor di Dio? Ma lo ha fatto!

Ricordo di averlo fatto e ciò che è assolutamente incredibile per me è che non sapevo chi fosse LeBron James“, ha detto Falco. “All’epoca abbiamo ricevuto sempre quelle richieste e James Gandolfini non ha fatto nulla. E in qualche modo, ha accettato questa cosa, di cui sono rimasto scioccata. Ho pensato che fosse uno scherzo quando qualcuno ha detto che Jim lo avrebbe fatto.

James Gandolfini era in realtà un grande appassionato di sport e ha realizzato alcuni video promozionali per potenziare il programma di football della sua alma mater, la Rutgers University del New Jersey. Inoltre è apparso spesso a bordo campo durante le partite della squadra.

Purtroppo, Gandolfini e il suo team non sono riusciti a convincere LeBron James a portare i suoi talenti a New York. In seguito, ha annunciato in diretta,  un programma televisivo chiamato The Decision, che si sarebbe trasferito a Miami.

Il cortometraggio di 10 minuti non è mai stato pubblicato e presumibilmente non lascerà mai il suo programma di protezione.

Francesca Reale

29/04/2021

 

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *