Lo stalker di Sandra Bullock morto dopo lo stallo con la polizia

La ABC 7 riferisce che l’uomo denunciato da Sandra Bullock per stalking è stato trovato morto all’interno della sua abitazione, nel quale si era barricato dopo uno scontro con la polizia.

Trovato morto lo stalker di Stalker di Sandra Bullock

Sandra Bullock Stalker

Il 3 maggio il dipartimento di polizia di Los Angeles ha emesso un mandato di cattura per il quarantaduenne Joshua Corbett, denunciato dall’attrice Sandra Bullock nel 2014 per stalking. L’uomo è stato trovato morto a causa di una ferita autoinflitta all’interno della sua abitazione (“La Crescenta”, California).

NBC Los Angeles ha riferito che l’uomo si era barricato dentro casa provocando così l’arrivo della SWAT, che è stata minacciata da Corbett in possesso di un’arma da fuoco. In seguito i negoziatori hanno impiegato cinque ore per convincerlo a lasciare l’abitazione prima di far entrare gli ufficiali che hanno trovato il sospettato morto.

Attualmente la polizia non ha rilasciato commenti in merito alla natura del mandato nei confronti dell’uomo, ma stando alle dichiarazioni della ABC Corbett non si era presentato all’udienza del 23 aprile relativa ai suoi arresti domiciliari. Infatti nel 2014, il sospettato era stato processatto e condannato per essere irrotto nell’abitazione della Bullock dopo un lungo periodo di pedinamento. I funzionari pubblici hanno inoltre rivelato che Corbett era in possesso di almeno due dozzine di armi e munizioni illegali all’interno dela sua abitazione.

Nel 2014, durante l’udienza per la denuncia da parte della Bullock, venne ascoltata una terrificante chiamata al 911 da parte dell’attrice in cui diceva: “Sono nel mio armadio. Ho una porta sicura. Sono chiusa nell’armadio in questo momento”. Da allora Corbett ricevette un ordine restrittivo di dieci anni che gli imponeva di stare lontano dall’attrice, oltretutto fu condanatto a cinque anni di libertà vigilata e a un trattamento all’interno di una strattura specialistica per la salute mentale.

Riccardo Careddu

03/05/2018

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *