Le star di Hollywood contro i conflitti in Nigeria e Nagorno-Karabakh

Le star di Hollywood contro i conflitti in Nigeria e Nagorno-Karabakh

Beyoncé, Rihanna, Oscar Isaac e molte star di Hollywood figurano tra i vip che hanno messo in luce i conflitti in Nigeria e Nagorno-Karabakh.

Le star di Hollywood contro i conflitti taciuti

Star di Hollywood
Cher

Cardi B, John Boyega, Cher e Kim Kardashian hanno denunciato due gravi crisi internazionali: i combattimenti che minacciano la maggioranza della popolazione armena in Nagorno-Karabakh e la brutalità della polizia in Nigeria.

Mentre decine di importanti attori di Hollywood continuano a concentrarsi sulle elezioni statunitensi, un certo numero di celebrità sta mettendo in luce due crisi all’estero: una relativa al conflitto armato tra le forze etniche armene e azere nella regione contesa del Nagorno-Karabakh; l’altra relativa alla brutalità della polizia in Nigeria.

Nel paese più popoloso dell’Africa, i giovani nigeriani sono scesi in campo, manifestando contro le sparatorie della polizia nel loro paese ricco di petrolio in quello che è noto come il movimento #EndSars, una spinta per farla finita con la Squadra speciale anti-rapina (SARS) del governo. Nel 1992 la SARS è stata istituita per combattere le rapine a mano armata nella capitale Lagos. Il gruppo è stato successivamente ingaggiato nella polizia nazionale della Nigeria per combattere i criminali armati, ma secondo Amnesty International hanno iniziato a violare i diritti dei cittadini nigeriani, prendendo di mira principalmente i giovani.

La violenza della polizia nigeriana

Kim Kardashian star
Kim Kardashian

Il 20 ottobre, secondo Amnesty International, in una violenta risposta del governo, almeno 12 nigeriani sono stati uccisi dai soldati durante una protesta pacifica al casello di Lekki. DJ Switch stava trasmettendo in diretta le proteste sulla sua pagina Instagram quando è avvenuta la sparatoria al casello autostradale. “Ho il cuore spezzato. Non c’era nessun avvertimento. Abbiamo appena sentito degli spari e i soldati sono entrati con le pistole in fiamme. Stavano sparando come se fossimo capre e galline”, ha detto alla CNN.

Tra le star che hanno parlato delle repressioni letali ci sono Rihanna (che ha twittato: “Il mio cuore è spezzato per la Nigeria”), Cardi B (“Se la tua gente si lamenta ed è stanca della polizia, allora fratello, prendi quella merda * * risolto”, ha detto in un video sui suoi social media), Beyoncé e John Boyega.

La regista Nzinga Christine Blake ha detto a THR che “è meraviglioso vedere che Hollywood è solidale con una nuova generazione che chiede la fine della brutalità della polizia, proprio come il movimento per la giustizia sociale che stiamo vedendo negli Stati Uniti. Non è una questione politica – questa è una questione umana”. E la star di “Queen Sono” Pearl Thusi ha condiviso foto e video della brutalità in Nigeria sulla sua pagina Instagram.

All’inizio di ottobre, i manifestanti hanno pubblicato un elenco di cinque richieste che include il rilascio immediato di tutti i manifestanti arrestati; un organismo indipendente per indagare e perseguire la cattiva condotta della polizia entro 10 giorni dalla denuncia; “giustizia per tutte le vittime decedute a causa della brutalità della polizia e un adeguato risarcimento per le loro famiglie”.

Il conflitto armeno Nagorno-Karabakh

Oscar Isaac - Moon Knight
Oscar Isaac

Allo stesso tempo, le star di Hollywood, e non solo, continuano a richiamare l’attenzione sul conflitto tra armeni di etnia e forze azere nel Nagorno-Karabakh (scoppiato il 27 settembre), dove si stima che metà della popolazione sia stata sfollata a causa di combattimenti che hanno tolto la vita a tantissime persone. Il nome storico dell’area è Artsakh e la popolano circa 150.000 armeni etnici. Sebbene sia riconosciuta a livello internazionale come parte dell’Azerbaigian, l’etnia armena la controlla. Finora, una serie di cessate il fuoco non è riuscita a fermare i combattimenti.

Le celebrità armene americane Cher e Kim Kardashian West sono state sostenitrici vocali dell’Armenia e del suo popolo durante il conflitto, chiedendo agli Stati Uniti di intervenire, con Kardashian West che ha promesso 1 milione di dollari al Fondo umanitario per l’Armenia. Eric Esrailian – produttore del film del 2016 “The Promise” (che guarda al genocidio armeno dell’inizio del XX secolo) e fondatore del The Promise Institute for Human Rights presso l’UCLA – dice a THR che “la situazione sta purtroppo diventando una catastrofe umanitaria per gli armeni in questa regione. ” La star di “The Promise”, Oscar Isaac, afferma : “Pensare che gli armeni siano di nuovo in pericolo è straziante”.

Negli ultimi giorni, gli armeni americani hanno continuato a tenere grandi manifestazioni a Los Angeles a sostegno degli armeni nel Nagorno-Karabakh. “Sono devastato nel sentire cosa sta succedendo agli armeni in questo momento. Esrailian e il suo team hanno combattuto così duramente per ottenere il riconoscimento del genocidio armeno in tutto il mondo usando “The Promise”, ed è orribile pensare che gli armeni possano essere a rischio di un altro genocidio. Spero che i leader dei governi nel mondo usino la loro influenza per prevenire ulteriori tragedie e perdite di vite umane “, ha detto l’attrice e attivista Laura Dern a The Hollywood Reporter.

Esrailian spera in una risoluzione pacifica che riconosca il diritto all’autodeterminazione per il popolo armeno dell’Artsakh. “Questa regione è stata una specie di patria ancestrale per gli armeni per letteralmente migliaia di anni”, dice.

Lorenzo Buellis

05/11/2020

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *