Festa del Cinema di Roma 2018: programma del 26 Ottobre

Titoli illustri e nomi di caratura anche quando la Festa sembra avviarsi alla conclusione: il 26 Ottobre offre altri pezzi da novanta, lanciatissimi nella corsa Oscar. Di nuovo si circumnaviga il globo, si esplora: dal Kentucky di “American Animals” alle nebbie danesi di Michael Noer (“Before the Frost“), dai mari siculi di Zoppeddu (“Diario di Tonnara“) alla terra messicana di “Titixe“. Nello strascico della manifestazione, quando ormai si avvicina la chiusura dei battenti, la qualità dei nomi proposti non accenna a diminuire: una grande serata di cinema, quella di venerdì 26, incorniciata dagli spazi dell’Auditorium Parco della Musica.

Festa del Cinema di Roma: Evan Peters apre le danze

american animals still

American Animals

Dopo l’incontro ravvicinato con Mario Martone sul fenomeno letterario Elena Ferrante (Teatro Studio G.B. SIAE, ore 17), la serata capitolina si apre con il ritmo serratissimo e l’ironia di “American Animals“, nuova fatica del britannico Bart Layton. Per la pellicola, parabola di un gruppo di amici intenzionati a dare una svolta alla propria vita con il furto di un manuale pregiato e antichissimo, il regista assolda Evan PetersBarry Keoghan (salito alla ribalta grazie alle ottime interpretazioni in “Dunkirk” e “Il sacrificio del cervo sacro”). Appuntamento alle 19:30, Sala Sinopoli.

I temi e i colori si incupiscono, tornano ai toni terrosi e bui in “Titixe” di Tania Hernández Velasco, programmato al Teatro Studio G. B. SIAE, ore 20. Lo scenario è il Messico rurale, teatro di un dramma intergenerazionale – al centro la terra, la coltura e cultura, la materialità, i fantasmi di un paesaggio che progressivamente va deperendosi. Risponde a stretta distanza Zoppeddu con “Diario di tonnara” (Sala Petrassi, ore 21:00), documentario-collage di storie di mare, vulcani, isole, pesca, voci: tutta la Sicilia in un compresso e poetico frame.
Chiude il trittico “Before the Frost” di Michael Noer (Teatro Studio G. B. SIAE, ore 21:30), ritratto spietato di una Danimarca – quella del 1850 – alle prese con fame, sofferenze, preparativi febbrili per l’arrivo del gelo. Al centro una famiglia dilaniata, la Storia che imperversa.

Festa del Cinema: pellicole da Oscar nella notte capitolina

three identical strangers still movie

Three Identical Strangers

Notte ad alta intensità, quella del 26 Ottobre. A breve distanza si rispondono “A Private War” di Matthew Heineman e “Three Identical Strangers” di Tim Wardle: il primo, biopic sulla reporter di guerra Marie Colvin – giornalista per “The Sunday Times” dal 1985 al 2012 – sfodera un cast di eccezione (Rosamund Pike, Jamie Dornan, Stanley Tucci); il secondo, documentario sul curioso destino che unisce tre sconosciuti nella New York degli anni ’80, senza apparenti legami di sangue ma identici nei connotati, si ricollega a quell’ibrido cinematografico già apprezzato in “Boyhood” di Linklater. Appuntamenti fissati rispettivamente per le 22, Sala Sinopoli e le 22 e 30, Sala Petrassi.

Parallelamente, nella sezione indipendente “Alice nella Città“, occhi puntati su Lucas Hedges per “Ben is Back“, fissato per le 20.30, Sala Alice TimVision. Il giovane attore, lanciatissimo in “Manchester By the Sea“, entra in un cast di eccellenze (spicca su tutti Julia Roberts) e in una storia difficile, tormentata – un’indagine sul rapporto complesso tra una madre e un figlio tossicodipendente, appena uscito da una comunità di recupero.

Per leggere il programma completo, vai sul sito ufficiale: Festa del Cinema 2018: Programma

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *