Wong Kar-Wai

Trasferitosi ad Hong Kong in giovanissima età, Wong Kar-Wai, dopo aver concluso gli studi in design grafico, decise di far prendere una piega diversa alla propria vita, cominciando a lavorare come assistente alla produzione. E' l'inizio della carriera che lo porterà a diventare un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico cinese dal riscontro internazionale.

Wong Kar-Wai, l’angelo perduto del cinema cinese

(Shanghai, 17 luglio 1958)

Wong Kar-wai occhiali scuriIl regista cinese Wong Kar-Wai si è rivelato negli anni un profondo innovatore del linguaggio cinematografico. Con i suoi film fatti di sguardi intensi e dettagli curati, crea immagini da leggere con attenzione come le pagine di un libro. Piccoli particolari e colonne sonore sofisticate completano mondi in cui luci e colori si rivelano tanto importanti quanto i personaggi che li abitano.

Questo straordinario autore è nato a Shanghai, città che lascia da bambino per crescere e studiare a Hong Kong. Qui la vita non si rivela facile, soprattutto per la differenza linguistica, che lo spinge a rifugiarsi spesso al cinema in compagnia della madre. Si laurea in Design Grafico nel 1980 e in seguito frequenta un corso alla Hong Kong Television Broadcast.

Sceneggiature azzeccate e storie da gangster valgono al regista nove nomination ai Film Award di Hong Kong

È il suo primo approccio con il mondo del cinema. In questi anni lavorerà come sceneggiatore per commedie e film drammatici. Il suo primo film da regista è “As Tears Go By” (1988), una storia di gangster che gli fa ottenere ben nove nominations all’Hong Kong Film Award. Nel 1991 inizia la sua collaborazione con il direttore della fotografia australiano Christopher Doyle (con cui lavorerà anche per “Happy Together”, 1997 e “In the Mood For Love”, 2000). I due realizzano “Days of Being Wild” (1991), drammatiche vicende, ambientate negli anni '60, di un giovane latin lover in cerca della madre naturale. Dopo aver fondato insieme a Jeff Lau la casa di produzione Jet Tone Films, gira, nel 1994, “Ashes of Time”, storia d'amore e di cavalieri che però non ottiene il successo sperato. Ma nello stesso anno arriva la prima grande affermazione internazionale con “Hong Kong Express”, intreccio d'amore e solitudine vissuto nella frenesia di una grande città. Il film sarà prodotto e distribuito da Quentin Tarantino.

Nel 1997 conquista la critica ed è subito riconoscimento mondiale: il suo ''Happy Together'' vince il premio per la migliore regia al festival di Cannes

Nel 1997, dopo "Angeli perduti" (1995), guadagna il primo riconoscimento mondiale: il premio per il Miglior Regista al Festival di Cannes per "Happy Together", che racconta le vicende di una coppia omossessuale, ambientate in Argentina. Tre anni dopo arriva nelle sale "In the Mood For Love" (2000), dove i sentimenti dei protagonisti si sviluppano e intensificano sullo sfondo di una città buia e perennemente bagnata dalla pioggia. Con primi piani intensi e lunghe sequenze silenziose Wong Kar-Wai ci racconta la nascita di un legame tra una segretaria e un giornalista e la scoperta delle relazioni clandestine dei rispettivi coniugi. Piccoli dettagli – come gli eleganti cheongsam indossati dall'attrice, vero tocco di glamour anni ’60, o lo scambio di regali fatti di borsette e cravatte – creano l’universo di Chow Mo-Wan (Tony Leung) e Su Lizhen (Maggie Cheung) che arrivano a un passo dal vivere apertamente il loro amore. Nel 2004 Wong Kar-Wai torna a Cannes con "2046" ideale seguito del film precedente.

E' un racconto tra sogno e realtà, dove l'ossessione dei ricordi annulla la voglia di vivere. Protagonista è la splendida attrice cinese Gong Li che il regista dirige anche in "La mano", episodio della trilogia "Eros" (2004). Il film, realizzato con Michelangelo Antonioni e Steven Soderbergh, viene presentato al Festival di Venezia. Nel 2006 è ancora a Cannes, questa volta come presidente della giuria che assegnerà la Palma d'Oro a Ken Loach. mentre l'anno successivo è il suo "Un bacio romantico" (2007) ad aprire la kermesse sulla Croisette.

Il ''bacio romantico'' di Wong Kar-Wai agli Stati Uniti nel 2007, è il primo film girato in terra americana

E' il primo film che il regista gira negli Stati Uniti e per il quale sceglie oltre a star affermate come Jude Law, Natalie Portman e Rachel Weisz la cantante Norah Jones, al suo debutto sul grande schermo. Questo road-movie ha lo stile inconfondibile di Wong Kar-wai. Ancora una volta sono i sentimenti che nascono, il modo in cui si sviluppano e influenzano la vita di ognuno di noi, a interessare il regista che in modo raffinato, complice anche la fotografia dell'iraniano Darius Khondji, ci mostra non solo un viaggio "fisico" tra New York, Memphis e Las Vegas lungo la Route 66, ma anche un viaggio all'interno dell'animo umano.

Nel 2008 si dedica all'azione con "Ashes of Time Redux" e al remake, in questo caso di un lavoro di Orson Welles con "The Lady of Shanghai".

Nel 2013 dirige “The Grandmaster”, la storia di Yip Man, maestro d'arti marziali e mentore del celebre Bruce Lee.

Wong Kar-Wai può piacere molto o irritare molto. Non ci sono mezze misure nelle critiche a questo regista il cui interesse è focalizzato sul bisogno e la dipendenza dall'amore, un sentimento che consuma e che si consuma, sulla malinconia e sulla solitudine, le manie, le nevrosi, i difetti seguiti nei labirinti della memoria e del desiderio.

Barbara Mattiuzzo

Wong Kar-Wai Filmografia - Regista - Lungometraggi

Un bacio romantico Wang Kar-wai

Scena di "Un bacio romantico - My Blueberry Nights" (2007), pellicola on the road con Jude Law, Norah Jones, Natalie Portman e Rachel Weisz.

 

  • As Tears Go By (1988)
  • Days of Being Wild (1991)
  • Ashes of Time (1994)
  • Hong Kong Express (1994)
  • Angeli perduti (1995)
  • Happy Together (1997)
  • In the Mood for Love (2000)
  • 2046 (2004)
  • Un bacio romantico - My Blueberry Nights (2007)
  • Ashes of Time Redux (2008)
  • The Grandmaster (2013)

Wong Kar-Wai Filmografia - Regista - Cortometraggi

  • wkw/tk/1996@7'55"hk.net (1996)
  • Hua Yang De Nian Hua (2000)
  • The Hire: The Follow (2001)
  • Six Days (2002)
  • La mano, episodio di Eros (2004)
  • I Travelled 9000 km to Give It to You, episodio di Chacun son cinéma (2007)
  • There's Only One Sun (2007)
  • Dior Midnight Poison (2007)
  • The Mask (2011)
  • Déjà Vu (2012)

Wong Kar-Wai Filmografia - Sceneggiatura

  • As Tears Go By (1988)
  • Days of Being Wild (1991)
  • Ashes of Time (1994)
  • Hong Kong Express (1994)
  • Angeli perduti (1995)
  • Happy Together (1997)
  • In the Mood for Love (2000)
  • I Travelled 9000 km to Give It to You, episodio di Chacun son cinéma (2007)
  • Un bacio romantico - My Blueberry Nights (2007)
  • Ashes of Time Redux (2008)
  • The Grandmaster (2013)

Wong Kar-Wai Filmografia - Soggetto

  • As Tears Go By (1988)
  • Days of Being Wild (1991)
  • Hong Kong Express (1994)
  • Angeli perduti (1995)
  • Happy Together (1997)
  • In the Mood for Love (2000)
  • 2046 (2004)
  • La mano, episodio di Eros (2004)
  • Un bacio romantico - My Blueberry Nights (2007)
  • The Grandmaster (2013)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *