Valeria Golino

Attrice italiana di spicco della nostra cinematografia, Valeria Golino ha recitato in numerosi film non solo italiani ma anche americani, ottenendo grazie alle sue doti interpretative, una grande visibilità a livello internazionale

Valeria Golino, l'attrice italo-greca dolce come il “miele”

(Napoli, 22 ottobre 1966)

Valeria Golino BiografiaPadre italiano e madre greca, figlia del mare sicuramente. Emotivamente forte, ribelle come i suoi riccioli e magnetica nello sguardo, Valeria Golino viene notata da Lina Wertmüller che la fa esordire in “Scherzo del destino in agguato dietro l'angolo come un brigante di strada” (1983).

Successivamente, diretta da Peter Del Monte, con il quale avrà una relazione, è protagonista di “Piccoli fuochi“ (1985), per poi vincere la Coppa Volpi alla Mostra del Cinema di Venezia con “Storia d’amore” (1986), di Francesco Maselli.

Il volo negli Stati Uniti: Valeria Golino protagonista per "Rain Man - L'uomo della pioggia"

La notorietà ottenuta in laguna, le offre l’occasione per farsi conoscere anche all’estero, è così che Valeria spicca il volo per gli Stati Uniti, dove divide l’appartamento con Greta Scacchi e prende parte a “La mia vita picchiatella” (1988), con il fidanzato del momento Pee-Wee Herman (nel film è presente in una piccola parte anche il futuro compagno Benicio Del Toro).

Ma il 1988 è un anno fortunato soprattutto perché viene scelta da Barry Levinson per il ruolo di protagonista in “Rain Man – L’uomo della pioggia”, accanto a uno straordinario Dustin Hoffman e al giovane Tom Cruise. Questa interpretazione la consacra al successo e le offre nuove possibilità in Italia e all’estero.

Valeria Golino: passione esterofila

Lavora infatti in “Hot Shots!” (1991), di Jim Abrahams e in “Lupo solitario” (1991), esordio alla regia di Sean Penn, con l’allora poco conosciuto Viggo Mortensen, Charles Bronson, Dennis Hopper e Patricia Arquette. Poi si fa dirigere da Gabriele Salvatores in “Puerto Escondido” (1992), per ripresentarsi a Hollywood, dove Robert Altman la fa partecipare al corale “I protagonisti” (1992), insieme all’amica Greta Scacchi. Seguiranno tanti titoli tra cui: “Amata immortale” (1994), con Gary Oldman; “Via da Las Vegas“ (1995), con Nicolas Cage e Elisabeth Shue; “Four Rooms” (1995), con Madonna, Bruce Willis, Antonio Banderas, Tim Roth; “Fuga da Los Angeles” (1996), di John Carpenter, con Kurt Russel; “Le acrobate” (1997), di Silvio Soldini; “Controvento” (2000), di Peter Del Monte; “Le cose che so di lei“ (2000) nell’episodio “Goodnight Lilly, Goodnight Christine”.

Nel 2002 prende parte a “Frida” con Salma Hayek ed è la splendida e indimenticabile protagonista di “Respiro“ (2002), di Emanuele Crialese, cui seguono: “Prendimi e portami via” (2003), “Texas“ (2005), “La guerra di Mario” (2005) e “A casa nostra” (2006). Sia in America che nel nostro paese ha lasciato il segno.

Valeria Golino: "Giulia non esce la sera"

Negli ultimi anni è stata apprezzata per le sue interpretazioni ne “La ragazza del lago” (2006), di Andrea Molaioli e “Caos Calmo” (2007), di Antonello Grimaldi, dove dà vita a due donne completamente diverse, riuscendo a renderle credibili e convincenti nella loro espressione complessiva.

Nel 2008 lavora in “Giulia non esce la sera”, diretto da Giuseppe Piccioni, dove interpreta una donna avvolta nel mistero che si innamora di uno scrittore di successo (Valerio Mastandrea), ne "La fabbrica dei tedeschi" di Mimmo Calopresti e in "Ca$h" con Jean Reno.

Nel 2009 è invece nel cast di "L'uomo nero" di Sergio Rubini, "L'amore buio" di Antonio Capuano e "Les Beaux Gosses". Il 2010 è l'anno del suo esordio alla regia con il corto "Armandino e il MADRE", e la vede anche partecipare al film "Laria" ed al cortometraggio "Come un soffio".

Valeria Golino: l'esperienza da regista con "Miele"

Nel 2011 è nel film di Ivan Cotroneo “La kryptonite nella borsa”, in cui interpreta Rosaria Sansone, la madre depressa di Peppino, il piccolo protagonista di questa bizzarra commedia. Nel 2013 alterna le sue doti da attrice a quella da regista: dirige la pellicola “Miele”, opera prima della Golino, che le vale un Nastro d’Argento come Miglior Regista Esordiente e una Menzione speciale della Giuria Ecumenica all'interno del Festival di Cannes, nello stesso anno; ma recita anche in “Il capitale umano” di Paolo Virzì e “Come il vento”, per la regia di Marco Simon Puccioni. Nel 2014 ha una parte rilevante in "Il ragazzo invisibile", il dramma fantascientifico di Gabriele Salvatores nel quale la Golino interpreta la madre del protagonista.

La migliore attrice, a Valeria Golino va nuovamente la Coppa Volpi

Per ben due volte è stata premiata con la Coppa Volpi alla migliore attrice nel corso della prestigiosa Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia: nel 1986 per "Storia d'amore" e nel 2015 con "Per amor vostro", vincendo inoltre il Premio Pasinetti alla migliore attrice.

Sentimentalmente è stata legata, oltre ai già citati attori, a Fabrizio Bentivoglio e a Riccardo Scamarcio,  con quest'ultimo finita nel 2016.

Valeria Golino è forse molto più semplice di quello che il mondo del cinema abbia voluto far apparire fino ad oggi; è comunque una persona con delle forti radici e quando le radici sono nel mare, quello profondo…. che in superficie si parli pure di gossip, della sua vita sentimentale o della sua voce difficile da ascoltare perché strana, storta, musica ostica per le orecchie di molti!

Ripensando a una delle sue interpretazioni migliori, quella di “Respiro” (2002), ci si rende conto che Crialese non poteva fare scelta migliore per dare un volto ed un’anima al personaggio di Grazia, sullo sfondo di una Lampedusa assolata, ventosa e piena di malelingue. Che parlino pure le malelingue… Valeria non passa indifferente, comunque, a nessuno.

Claudia Marri

Valeria Golino Filmografia - Cinema

Valeria Golino Filmografia

  • Scherzo del destino in agguato dietro l’angolo come un brigante da strada, regia di Lina Wertmüller (1983)
  • Sotto… sotto… strapazzato da anomala passione, regia di Lina Wertmüller (1984)
  • Blind Date, regia di Nico Mastorakis (1984)
  • Figlio mio infinitamente caro, regia di Valentino Orsini (1985)
  • Piccoli fuochi, regia di Peter Del Monte (1985)
  • Asilo di polizia, regia di Filippo Ottoni (1986)
  • Storia d’amore, regia di Francesco Maselli (1986)
  • Gli occhiali d’oro, regia di Giuliano Montaldo (1987)
  • L’ultima estate a Tangeri, regia di Alexandre Arcady (1987)
  • Rainman – L’uomo della pioggia, regia di Barry Levinson (1988)
  • Paura e amore, regia di Margarethe von Trotta (1988)
  • Big Top Pee-wee – La mia vita picchiatella, regia di Randal Kleiser (1988)
  • Acque di primavera, regia di Jerzy Skolimowski (1989)
  • Tracce di vita amorosa, regia di Peter Del Monte (1990)
  • La puttana del Re, regia di Axel Corti (1990)
  • L’anno del terrore, regia di John Frankenheimer (1991)
  • Lupo solitario, regia di Sean Penn (1991)
  • Hot Shots!, regia di Jim Abrahams (1991)
  • Puerto Escondido, regia di Gabriele Salvatores (1992)
  • I protagonisti, regia di Robert Altman (1992)
  • Hot Shots! 2, regia di Jim Abrahams (1993)
  • Amata immortale, regia di Bernard Rose (1994)
  • Come due coccodrilli, regia di Giacomo Campiotti (1994)
  • Amnesia investigativa, regia di Mick Jackson (1994)
  • Via da Las Vegas, regia di Mike Figgis (1995)
  • Four Rooms, regia di Quentin Tarantino, Robert Rodriguez, Allison Anders e Alexandre Rockwell (1995)
  • Fallen Angels (Serie TV) (1995)
  • La strage del gallo, regia di Andrea Pantzis (1996)
  • Escoriandoli, regia di Antonio Rezza (1996)
  • Fuga da Los Angeles, regia di John Carpenter (1996)
  • Una maledetta occasione, regia di Salomé Breziner (1996)
  • Danza della fata confetto, regia di Gillo Pontecorvo (Cortometraggio) (1996)
  • Le acrobate, regia di Silvio Soldini (1997)
  • Strade laterali, regia di Tony Gerber (1998)
  • L’albero delle pere, regia di Francesca Archibugi (1998)
  • Tipota, regia di Fabrizio Bentivoglio (Cortometraggio) (1999)
  • Spanish Judges, regia di Oz Scott (1999)
  • Harem Suare, regia di Ferzan Ozpetek, (1999)
  • Le cose che so di lei, regia di Rodrigo Garcìa (2000)
  • To Tama, regia di Andrea Pantzis (2000)
  • Ivansxtc, regia di Bernard Rose (2000)
  • Controvento, regia di Stefano Vicario (2000)
  • Hotel, regia di Mike Figgis (2001)
  • Giulio Cesare, regia di Uli Edel (Film TV) (2002)
  • Respiro, regia di Emanuele Crialese (2002)
  • L’inverno, regia di Nina di Majo (2002)
  • Frida, regia di Julie Taymor (2002)
  • Prendimi e portami via, regia di Tonino Zangardi (2003)
  • Spy zone, regia di Frédéric Auburtin (2004)
  • Alive, regia di Frédéric Berthe (2004)
  • 36 Quai des Orfèvres, regia di Olivier Marshal (2005)
  • Texas, regia di Fausto Paravidino (2005)
  • La guerra di Mario, regia di Antonio Capuano (2005)
  • Olè, regia di Florence Quentin (2005)
  • A casa nostra, regia di Francesca Comencini (2006)
  • Solo cinque minuti, regia di Filippo Soldi (Cortometraggio) (2006)
  • Ma place au soleil, regia di Eric de Montalier (2007)
  • La ragazza del lago, regia di Andrea Molaioli (2007)
  • Lascia perdere, Johnny!, regia di Fabrizio Bentivoglio (2007)
  • Attrici, regia di Valeria Bruni Tedeschi (2007)
  • Il sole nero, regia di Krzysztof Zanussi (2007)
  • Caos Calmo, regia di Antonello Grimaldi (2008)
  • La fabbrica dei tedeschi, regia di Mimmo Calopresti (2008)
  • Giulia non esce la sera,  regia di Giuseppe Piccioni (2009)
  • Ca$h – Fate il vostro gioco,  regia di Eric Besnard (2009)
  • Les Beaux Gosses, regia di Riad Sattouf (2009)
  • L’uomo nero, regia di Sergio Rubini (2009)
  • L’amore buio, regia di Antonio Capuano (2010)
  • La scuola è finita, regia di Valerio Jalongo (2010)
  • Laria, regia di Valerio Jalongo (2010)
  • Come un soffio, regia di Michela Cescon (Cortometraggio) (2010)
  • Armandino e il madre, regia di Valeria Golino (2010)
  • Il primo bacio, regia di Riad Sattouf (2011)
  • Un Baiser Papillon, regia di Karine Silla (2011)
  • La kryptonite nella borsa, regia di Ivan Cotroneo (2011)
  • Ouf, regia di Yann Coridian (2012)
  • In Treatment – L’appuntamento, regia di Saverio Costanzo (2013)
  • Come il vento, regia di Marco Simon Puccioni (2013)
  • Il capitale umano, regia di Paolo Virzì (2014)
  • Il nome del figlio, regia di Francesca Archibugi (2014)
  • Il ragazzo invisibile, regia di Gabriele Salvatores (2014)
  • Il nome del figlio, regia di Francesca Archibugi (2015)
  • Per amor vostro, regia di Giuseppe M. Gaudino (2015)
  • La vita possibile, regia di Ivano De Matteo (2016)

Valeria Golino Filmografia - Televisione

  • Fallen Angels (Serie TV; episodio Red Wind) (1995)
  • Alexandria Hotel (Serie TV;episodio "L'alibi")(1998)
  • La vita che verrà (Miniserie TV) (1999)
  • Giulio Cesare (Film TV) (2002)
  • In Treatment (Serie TV) (2013)

Valeria Golino Filmografia - Regista

  • Armandino e il Madre (2010)
  • Miele (2013)

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *